Il guardiano degli innocenti
by Andrzej Sapkowski
(*)(*)(*)(*)( )(1,402)
Geralt è uno strigo, un individuo più forte e resistente di qualsiasi essere umano, che si guadagna da vivere uccidendo quelle creature che sgomentano anche i più audaci: demoni, orchi, elfi malvagi... Strappato alla sua famiglia quand'era soltanto un bambino, Geralt è stato sottoposto a un durissimo addestramento, durante il quale gli sono state somministrate erbe e pozioni che lo hanno mutato profondamente. Non esiste guerriero capace di batterlo e le stesse persone che lo assoldano hanno paura di lui. Lo considerano un male necessario, un mercenario da pagare per i suoi servigi e di cui sbarazzarsi il più in fretta possibile. Anche Geralt, però, ha imparato a non fidarsi degli uomini: molti di loro nascondono decisioni spietate sotto la menzogna del bene comune o diffondono ignobili superstizioni per giustificare i loro misfatti. Spesso si rivelano peggiori dei mostri ai quali lui dà la caccia. Proprio come i cavalieri che adesso sono sulle sue tracce: hanno scoperto che Geralt è gravemente ferito e non vogliono perdere l'occasione di eliminarlo una volta per tutte. Per questo lui ha chiesto asilo a Nenneke, sacerdotessa del tempio della dea Melitele e guaritrice eccezionale, nonché l'unica persona che può aiutarlo a ritrovare Yennefer, la bellissima e misteriosa maga che gli ha rubato il cuore?

All Reviews

224 + 8 in other languages
LudwigLudwig wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Un buon prologo
Primo capitolo di una saga fantasy che di recente ha acquistato una certa notorietà grazie ad una serie tv di successo di Netflix, "Il guardiano degli innocenti" è una sorta di prologo ad una vicenda che si preannuncia essere piena di avvenimenti. E il modo in cui si presenta, il modo in cui presenta questo mondo sospeso tra fantasy e realismo (grazie anche a rimandi al contesto culturale mitteleuropeo), i suoi protagonisti, lo strigo Geralt di Rivia, il menestrello Ranuncolo, la maga Yennefer e altri, ci permette di calarci in un'atmosfera fiabesca dai toni dark e gotici. Attraverso l'espediente dei racconti, uniti da una cornice narrativa, l'autore ci racconta, assieme alle avventure di un cacciatore di mostri, Geralt di Rivia, anche una versione alternativa delle fiabe della nostra infanzia, come "Biancaneve", "La Bella e la Bestia", "Il principe ranocchio", eccetera. Certo, non mancano alcune pecche, come una debolezza narrativa sul piano del contesto temporale e geografico, e anche l'espediente dei racconti brevi può non piacere al lettore che si aspetta lo stile più compatto del romanzo, ma al di là di questi difetti che, di sicuro, andando avanti con la lettura, si risolveranno, è un inizio niente male. Abbastanza intrigante da spingerti a continuare la lettura, abbastanza fumoso per incuriosirti. Link videorecensione: youtube.com/watch?v=aqiX7HoAuUc
LadylooneyLadylooney wrote a review
(*)(*)( )( )( )
Amici amanti del videogioco mi hanno parlato con entusiasmo di questo nuovo autore e della sua saga, per cui ho deciso di imbarcarmi nella sua lettura. Questo primo volume è una raccolta di racconti che l'autore ha legato tra loro in maniera piuttosto abile. Purtroppo la lettura non mi ha minimamente coinvolta; ho trovato personaggi, ambientazioni e avvenimenti poco accennati, per nulla approfonditi. Non sembra esserci ricerca psicologica dietro ai personaggi e alle loro azioni, l'autore ce li presenta come se dovessimo già conoscerli, con giusto due righe di spiegazioni per i fatti più oscuri. Le ambientazioni in cui si muove il protagonista sono un misto tra storie fantasy e scenari da fiaba, pescando qua è là da diverse mitologie. Tanti nomi di creature mai sentite, una piccola spiegazione, una nota a piè pagina o un glossario sarebbero stati molto utili.
TheQuickBrownFoxTheQuickBrownFox wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
I guardiano degli innocenti
Incredibilmente ironico, mi ha divertita e fatto entrare nel mondo di Geralt: non facile, da combattere ogni giorno, ma magico e pieno di pericoli che si rivelano delle avventure.
joebarryjoebarry wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Conoscevo in parte le vicende dello strigo Geralt di Rivia attraverso il videogioco e in questo raccolta di racconti ho ritrovato le stesse atmosfere. Sapkowski è un abile narratore che non si perde in lunghe descrizioni del mondo nel quale si muove Geralt ma si concentra piuttosto sull'intreccio e i personaggi che sono spesso ambigui. Lo stesso Geralt non è il perfetto eroe d'azione e ma preferisce usare prima la testa della spada. Mi hanno sorpreso i numerosi riferimenti alle fiabe classiche, ben nascosti in un'ambientazione decisamente poco fiabesca. Un fantasy nel quale non mancano scene forti, linguaggio volgare e qualche momento divertente. Credevo in qualcosa di più classico e invece Sapkowski ha saputo mettere su carta un fantasy molto più interessante.
LeeLee wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Perché un simile titolo?
Perché in Italia diamo titoli a caso che non c'entrano nulla con quanto contenuto nel libro, anziché tradurre i titoli originali? La questione rimarrà per me eterno mistero. Ma veniamo al libro, o per meglio dire ai racconti visto che si tratta proprio di una raccolta. Tuttavia bisogna dire che tutti questi racconti hanno sempre lo stesso protagonista e quindi sembra di leggere diversi flash back della vita di Geralt che ci aiutano a capire meglio il protagonista e la sua storia. Carina l'idea del racconto "la voce della ragione" che inframezza tutti gli altri riunendoli con un unico filo conduttore. Per quanto riguarda la lettura è stata carina e scorrevole, ma nulla di eccelso. L'autore ha azzeccato l'idea del cacciatore di mostri, lo strigo e la serie di creature che incontra, ma ahimè non ha saputo sfruttare fino in fondo quest'opportunità. Infatti Geralt risulta poco accattivante: taciturno, burbero e a dir poco impacciato si alterna fra l'essere un invincibile supereroe con forza e poteri straordinari e il mostrarsi quale protagonista fallace di errori, facilmente battibile da mostri e da maghe e vittima di errori di valutazione che lo mettono frequentemente in pericolo. Per non dire che persino la sua cavalla sembra più abile di lui nel 'fiutare' i mostri, e meno male che lui lo fa per lavoro. D'altronde nessun personaggio è stato caratterizzato con particolare successo. Alcuni addirittura, come Ranuncolo, risultano proprio inutili, petulanti e antipatici. Le storie in sé sembrano tutte correre sul filo della stessa trama, molto semplice, lineare e oserei dire poco sviluppata. Sembra quasi che l'intento nascosto fra queste righe sia più psicologico, ovvero fare riflettere il lettore su chi siano i veri "mostri" che ci circondano. Frequenti sono gli spunti presi dalle favole classiche come Biancaneve, la Bella e la Bestia... e la reinterpretazione che ci dà Sapkovsky è particolare, forse più vicina alle favole originali, nel suo essere cupa, rispetto alla versione sdolcinata della Disney. In fin dei conti è stato piacevole passare qualche ora con lo Strigo, ma non credo che rimarrà inciso nella mia memoria. Chissà, magari se guardassi la serie TV, o giocassi con il famoso videogioco cambierei idea, chi lo sa.
MagicBotteMagicBotte wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Il Guardiano degli Innocenti è composto da una serie di racconti che presentano la storia dello strigo Geralt di Rivia. I vari episodi, slegati l'uno dall'altro, rendono l'approccio frammentario e non permettono al lettore di creare particolare affezione ed empatia con personaggi, il quadro generale inoltre rimane oscuro e, personalmente, non mi ha lasciato tutta quella curiosità che mi sarei aspettato di avere nel continuare la lettura della serie. Nonostante ciò il ritmo generale è incalzante, lo stile diretto ed immediato. La lettura risulta quindi molto piacevole, in grado di scorrere in maniera sorprendente, non annoiando mai. Mi aspetto di più dai prossimi episodi dato che si dovrebbe entrare nella storia vera e propria eliminando il difetto di frammentarietà del libro in questione.
LibrolibriLibrolibri wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Fiaba carina.
abramo Dbvabramo Dbv wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Ordine errato
Non so voi ma io avrei invertito l’ordine del primo con il secondo libro. Comunque se non avessi prima giocato a the witcher 3 avrei trovato molta molta fatica a leggere tutti i libri
ActeaActea wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Alcuni capitoli prendono perché ci fanno penetrare un po’ di più in questo bello strigo tenebroso, altri sembra che si limitino a narrare le vicende senza un tocco di caratterizzazione.
Elisabetta T.Elisabetta T. wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Il guardiano degli innocenti
The Witcher 1 Saga di Geralt di Rivia - bel fantasy, una serie di racconti che ci servono per capire il personaggio di Geralt di Rivia