Il metodo del coccodrillo
by Maurizio de Giovanni
(*)(*)(*)(*)( )(1,668)
Napoli, così, non l'avevamo vista mai. Una città borghese, inospitale e caotica, cupa e distratta, dove ognuno sembra preso dai propri affari e pronto a defilarsi. È esattamente questo che permette a un killer freddo e metodico di agire indisturbato, di mischiarsi alla folla come fosse invisibile. "Il Coccodrillo" lo chiamano i giornali: perché, come il coccodrillo quando divora i propri figli, piange. E del resto, come il coccodrillo, è una perfetta macchina di morte: si apposta, osserva, aspetta. E quando la preda è a tiro, colpisce. Tre giovani, di età e provenienza sociale diverse, vengono trovati morti in tre differenti quartieri, freddati dal colpo di un'unica pistola. L'ispettore Giuseppe Lojacono è l'unico che non si ferma alle apparenze, sorretto dal suo fiuto e dalla sua stessa storia triste. È appena stato trasferito a Napoli dalla Sicilia. Un collaboratore di giustizia lo ha accusato di passare informazioni alla mafia e lui, stimato segugio della squadra mobile di Agrigento, ha perso tutto, a cominciare dall'affetto della moglie e della figlia. È il giovane sostituto procuratore incaricato delle indagini, la bella e scontrosa Laura Piras, a decidere di dargli un'occasione, colpita dal suo spirito di osservazione. E così Lojacono, a dispetto di gerarchie e punizioni, l'aiuterà a trovare il collegamento, apparentemente inesistente, tra i delitti. A scorgere il filo rosso che conduce a un dolore bruciante, a una colpa non redimibile, a un amore assoluto e struggente.

Georgiana1792's Review

Georgiana1792Georgiana1792 wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Confesso che si tratta (ahimè) del primo romanzo di De Giovanni che leggo, per cui ho preferito cominciare dai Bastardi di Pizzofalcone di cui avevo già visto - e apprezzato - la serie. Certo, la descrizione di Loiacono e della Piras non corrispondono esattamente alle figure di Gassman e ancor meno della Crescentini, sebbene io continuassi a immaginarmeli con i loro volti.
E, malgrado avessi capito fin da quasi subito quale fosse il nocciolo della questione, il movente del Coccodrillo e la sua identità - De Giovanni lascia pesanti indizi lungo la narrazione - ho trovato comunque lo stile incalzante, tanto da divorare il romanzo e da desiderare leggere con impazienza i prossimi.
Georgiana1792Georgiana1792 wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Confesso che si tratta (ahimè) del primo romanzo di De Giovanni che leggo, per cui ho preferito cominciare dai Bastardi di Pizzofalcone di cui avevo già visto - e apprezzato - la serie. Certo, la descrizione di Loiacono e della Piras non corrispondono esattamente alle figure di Gassman e ancor meno della Crescentini, sebbene io continuassi a immaginarmeli con i loro volti.
E, malgrado avessi capito fin da quasi subito quale fosse il nocciolo della questione, il movente del Coccodrillo e la sua identità - De Giovanni lascia pesanti indizi lungo la narrazione - ho trovato comunque lo stile incalzante, tanto da divorare il romanzo e da desiderare leggere con impazienza i prossimi.

Comments

Finito ieri sera....la stessa cosa è capitata a me.Leggevo Loiacono,Piras e Letizia e vedevo le facce degli attori che li interpretano.Credo siano i soli tre personaggi che poi ritroveremo nei prossimi libri dei Bastardi di Pizzofalcone.
Finito ieri sera....la stessa cosa è capitata a me.Leggevo Loiacono,Piras e Letizia e vedevo le facce degli attori che li interpretano.Credo siano i soli tre personaggi che poi ritroveremo nei prossimi libri dei Bastardi di Pizzofalcone.