Il mistero della donna tatuata
by Akimitsu Takagi
(*)(*)(*)(*)( )(62)
Il corpo di una donna viene ritrovato in una stanza chiusa dall'interno. O meglio: quasi tutto il corpo. La delicata pelle di Kinue era ricoperta da uno splendido tatuaggio, il capolavoro di un artista leggendario ed elusivo: suo padre. Ma ora dal cadavere manca il torso, e forse la soluzione del caso è legata proprio a ciò che quel lembo di pelle riproduceva. Siamo nell'immediato dopoguerra: Tokyo è ancora sconvolta dalla recente fine della Seconda guerra mondiale e a indagare viene chiamato l'ispettore Matsushita. Ad aiutarlo nelle indagini il fratello medico legale, Kenzo, che metterà al servizio della polizia le sue competenze scientifiche e le sue intuizioni. Ma Kenzo, tormentato da un disturbo bipolare reso ancora piú acuto dagli orrori vissuti al fronte nelle Filippine, ha anche un altro motivo per scoprire chi ha ucciso Kinue: è stato il suo amante e presto il suo ruolo nelle indagini sarà piú intricato dei serpenti che adornavano il corpo della donna. Inizia cosí una discesa nei labirinti piú oscuri di una Tokyo mai tanto notturna, tra truppe di occupazione e assassini, perversioni millenarie e terrore atomico, artisti bohémien e sapienti prostitute. "Il mistero della donna tatuata" è uscito originariamente nel 1948 ed è uno dei capolavori di Takagi Akimitsu, autore di culto, maestro del mystery giapponese.

Frahorus's Review

FrahorusFrahorus wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Lo Sherlock Holmes giapponese
È stata una piacevole scoperta imbattermi in questo romanzo giallo scritto dal giapponese Akimitsu Takagi ambientato in una Tokyo del secondo dopoguerra: alla fine della lettura mi è subito venuto in mente che colui che indaga e poi risolve il misterioso omicidio della donna tatuata (e non solo quello), rispecchia e ricorda molto Sherlock Holmes (a cui palesemente l'autore si è ispirato). Ringrazio dunque la Einaudi che ci ha tradotto per la prima volta questo piccolo capolavoro che fu pubblicato, in Giappone, nel 1948.

Una donna, Nomura Kinue, dal tatuaggio particolare, un serpente, viene infatti ritrovata a pezzi dentro il bagno di casa sua e subito i sospetti si indirizzano verso un dottore appassionato collezionista di tatuaggi su pelle umana (tra l'altro questo signore è esistito veramente, si chiamava Masaichi Fukushi che inventò un metodo per conservare le pelli tatuate e ne collezionò ben 105!). Questa donna, scopriremo, era figlia di un famoso tatuatore, Hori’yasu, il quale aveva tatuato sia lei, sia sua sorella gemella e sia suo fratello. Ma quei tatuaggi si prospetteranno una vera e propria maledizione per tutta la famiglia.

L'autore giapponese riesce a regalarci una storia piena di colpi di scena e di mistery, e tutto ruota attorno a quel misterioso tatuaggio su Kinue: chi desidera ucciderla e perché? Egli ci presenta il delitto perfetto: la donna viene ritrovata, a pezzi, dentro una stanza chiusa. Come ha fatto l'assassino?

“Pochi al mondo conoscono la bellezza dell’irezumi-il tatuaggio. E ancora meno sono coloro che subiscono il fascino insito nel gesto di imprimere una vita segreta su un corpo umano.”


Un giallo che vi stra-consiglio, da leggere tutto d'un fiato.
FrahorusFrahorus wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Lo Sherlock Holmes giapponese
È stata una piacevole scoperta imbattermi in questo romanzo giallo scritto dal giapponese Akimitsu Takagi ambientato in una Tokyo del secondo dopoguerra: alla fine della lettura mi è subito venuto in mente che colui che indaga e poi risolve il misterioso omicidio della donna tatuata (e non solo quello), rispecchia e ricorda molto Sherlock Holmes (a cui palesemente l'autore si è ispirato). Ringrazio dunque la Einaudi che ci ha tradotto per la prima volta questo piccolo capolavoro che fu pubblicato, in Giappone, nel 1948.

Una donna, Nomura Kinue, dal tatuaggio particolare, un serpente, viene infatti ritrovata a pezzi dentro il bagno di casa sua e subito i sospetti si indirizzano verso un dottore appassionato collezionista di tatuaggi su pelle umana (tra l'altro questo signore è esistito veramente, si chiamava Masaichi Fukushi che inventò un metodo per conservare le pelli tatuate e ne collezionò ben 105!). Questa donna, scopriremo, era figlia di un famoso tatuatore, Hori’yasu, il quale aveva tatuato sia lei, sia sua sorella gemella e sia suo fratello. Ma quei tatuaggi si prospetteranno una vera e propria maledizione per tutta la famiglia.

L'autore giapponese riesce a regalarci una storia piena di colpi di scena e di mistery, e tutto ruota attorno a quel misterioso tatuaggio su Kinue: chi desidera ucciderla e perché? Egli ci presenta il delitto perfetto: la donna viene ritrovata, a pezzi, dentro una stanza chiusa. Come ha fatto l'assassino?

“Pochi al mondo conoscono la bellezza dell’irezumi-il tatuaggio. E ancora meno sono coloro che subiscono il fascino insito nel gesto di imprimere una vita segreta su un corpo umano.”


Un giallo che vi stra-consiglio, da leggere tutto d'un fiato.