Il re della guerra
by Roberto Fabbri
(*)(*)(*)(*)( )(16)
Caligola è stato assassinato, e al suo posto i pretoriani hanno acclamato Claudio. Eppure il nuovo imperatore non gode del favore dei romani, anzi la sua posizione è sempre più incerta. I suoi liberti - Narcisso, Pallas e Callisto - devono trovare un modo per rafforzare rapidamente la sua immagine di grande condottiero, ma quale? Pallas ha un'idea: recuperare il vessillo della XVII legione, un'aquila romana andata perduta quarant'anni prima nella campagna di Germania. E chi, se non Vespasiano, può portare a termine una missione così pericolosa tra le foreste teutoniche? Accompagnato da suo fratello e da un piccolo contingente di cavalleria, cercherà in tutti i modi di riportare l'aquila a casa. Ma la spedizione è seguita passo passo da un gruppo di cacciatori, che ogni notte rapisce qualche soldato romano, lasciando l'indomani il suo cadavere sul loro cammino. Qualcuno sta sabotando la sua missione... Ciò nonostante, Vespasiano riuscirà a ritrovare il vessillo e ad arrivare fino alle coste della Britannia. A quel punto, però, dovrà affrontare un nuovo pericolo: saprà sfuggire all'ira dello stesso imperatore che lo aveva spedito tra quelle lande così lontane?

Giochidiguerra's Review

GiochidiguerraGiochidiguerra wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Quarto della serie
Prosegue la serie che vede come protagonista Vespasiano non ancora imperatore. La vicenda si svolge a partire dall'assassinio di Caligola fino alla conquista della Britannia. Tutto molto interessante ma ha un difetto: la conquista della Britannia è stata descritta da talmente tanti autori inglesi che ormai la potremmo comandare noi !!!
Per il resto romanzo godibilissimo e molto ben scritto come da tradizione anglosassone.
GiochidiguerraGiochidiguerra wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Quarto della serie
Prosegue la serie che vede come protagonista Vespasiano non ancora imperatore. La vicenda si svolge a partire dall'assassinio di Caligola fino alla conquista della Britannia. Tutto molto interessante ma ha un difetto: la conquista della Britannia è stata descritta da talmente tanti autori inglesi che ormai la potremmo comandare noi !!!
Per il resto romanzo godibilissimo e molto ben scritto come da tradizione anglosassone.