Implacabile
by Yngwie J. Malmsteen
(*)(*)(*)(*)( )(11)
Come fa un ragazzo svedese a sbarcare in America alla tenera età di diciotto anni e, nel giro di un mese, a ritrovarsi con la gente che fa la fila per sentirlo suonare la chitarra? Dove ha imparato una tale tecnica? Come ha sviluppato uno stile così particolare? E che cosa succede dopo? In "Implacabile", Yngwie Malmsteen rivive i momenti più gloriosi e più bui della sua carriera di musicista: da come riuscì a comprare la sua prima Strat e a costruire il suo primo muro di Marshall, fino alla verità dietro al titolo dell'album Unleash the fury del 2005, e oltre. Al centro della storia di Yngwie c'è la sua ribellione contro le convenzioni e le restrizioni della Svezia in cui è cresciuto. "Non distinguerti dalla massa", gli dicevano, quando sognava di diventare un musicista professionista. "Non avrai successo", lo ammonivano, quando desiderava suonare a tutto volume o eseguire canzoni poco note. La sua intera carriera è stata un'affermazione: io mi distinguerò, io avrò successo. Yngwie narra i piccoli e grandi episodi della sua vita senza orgoglio né rimpianti, ma con notevole intensità. E si addentra nel lato più torbido e corrotto del rock, rivelando come manager, case discografiche e altri l'abbiano derubato prima che sua moglie, April, salvasse lui e la sua carriera.

All Reviews

2
Charro 6Charro 6 wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Aneddoti interessanti di un'anima metal
Ricevuto in regalo per il mio compleanno, ero così curioso di leggerlo che l'ho letteralmente divorato in tre giorni. Scritto in modo molto leggero, meno parolacce del previsto (!), tanti aneddoti da seguire in concomitanza con gli album pubblicati (questo aspetto davvero bello!), a corredo di una visione di Malmsteen che in effetti a livello mediatico mi appariva altra (ottimo il capitolo contro una sorta di "Prostituzione Intellettuale"!). Ma è pur sempre un'autobiografia. Un voto in meno perché dell'aneddoto riguardante l'incontro con Sua Maestà Ritchie Blackmore non ne fa assolutamente menzione. Chissà perché...
Stefano PrimavesiStefano Primavesi wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Godibile e divertente
Da appassionato di metal, ho letto con interesse questa autobiografia e l'ho trovata molto leggera e godibile nella lettura. Aneddoti, curiosità e retroscena sono presenti in ogni capitolo, rendendo questo libro scorrevole dall'inizio alla fine. Consigliato!