L'Isola di Arturo
by Elsa Morante
(*)(*)(*)(*)(*)(6,311)

All Quotations

44 + 1 in other languages
ARIEL81_franceARIEL81_france added a quotation
Io voglio spiegare a tutti quanti la bellezza del valore, che vince la misera viltà!
ARIEL81_franceARIEL81_france added a quotation
Io voglio spiegare a tutti quanti la bellezza del valore, che vince la misera viltà!
ARIEL81_franceARIEL81_france added a quotation
Ah, io non chiederei d'essere un gabbiano, né un delfino, mi accontenterei di essere uno scorfano, che è il pesce più brutto del mare, pur di ritrovarmi laggiù, a scherzare in quell'acqua.
ARIEL81_franceARIEL81_france added a quotation
Ah, io non chiederei d'essere un gabbiano, né un delfino, mi accontenterei di essere uno scorfano, che è il pesce più brutto del mare, pur di ritrovarmi laggiù, a scherzare in quell'acqua.
Gaia Gaia added a quotation
“E potrai anche trovare qualche compagnia di tuo gusto, fra tanta gente che s’incontra al mondo; però, molto spesso, te ne starai solo. Un sangue-misto di rado si trova contento in compagnia: c’è sempre qualcosa che gli fa ombra, ma in realtà è lui che si fa ombra da se’ stesso. Come il ladro e il tesoro, che si fanno ombra uno con l’altro”
Gaia Gaia added a quotation
“E potrai anche trovare qualche compagnia di tuo gusto, fra tanta gente che s’incontra al mondo; però, molto spesso, te ne starai solo. Un sangue-misto di rado si trova contento in compagnia: c’è sempre qualcosa che gli fa ombra, ma in realtà è lui che si fa ombra da se’ stesso. Come il ladro e il tesoro, che si fanno ombra uno con l’altro”
KatiaKatia added a quotation
KatiaKatia added a quotation
Gabriele VagliGabriele Vagli added a quotation
E se per caso uno straniero scende a Procida, si meraviglia di non trovarvi quella vita promiscua e allegra, feste e conversazioni per le strade, e canti, e suoni di chitarre e mandolino, per cui la regione di Napoli è conosciuta su tutta la terra. I Procidani sono scontrosi, taciturni. Le porte sono tutte chiuse, pochi si affacciano alle finestre, ogni famiglia vive fra le due quattro mura, senza mescolarsi alle altre famiglie. L’amicizia, da noi, non piace. E l’arrivo di un forestiero non desta curiosità, ma piuttosto diffidenza. Se esso fa delle domande, gli rispondono di malavoglia; perché la gente, nella mia isola, non ama d’essere spiata nella propria segretezza.
Gabriele VagliGabriele Vagli added a quotation
E se per caso uno straniero scende a Procida, si meraviglia di non trovarvi quella vita promiscua e allegra, feste e conversazioni per le strade, e canti, e suoni di chitarre e mandolino, per cui la regione di Napoli è conosciuta su tutta la terra. I Procidani sono scontrosi, taciturni. Le porte sono tutte chiuse, pochi si affacciano alle finestre, ogni famiglia vive fra le due quattro mura, senza mescolarsi alle altre famiglie. L’amicizia, da noi, non piace. E l’arrivo di un forestiero non desta curiosità, ma piuttosto diffidenza. Se esso fa delle domande, gli rispondono di malavoglia; perché la gente, nella mia isola, non ama d’essere spiata nella propria segretezza.
SaraSara added a quotation
“Questa era stata sempre una delle mie pazzie: che, vedendo gli altri dormire, mi prendeva spesso la voglia, e perfino il tormento, d’indovinare i loro sogni”
SaraSara added a quotation
“Questa era stata sempre una delle mie pazzie: che, vedendo gli altri dormire, mi prendeva spesso la voglia, e perfino il tormento, d’indovinare i loro sogni”
DoricaDorica added a quotation
"è meglio non viziare troppo il prossimo e mandarlo ogni tanto all'inferno, altrimenti, sarebbe la fine! la nostra vita andrebbe avanti pesantemente, come un barcone carico di zavorra, e ci porterebbe a fondo a morire asfissiati (pag. 62) "Dunque, pare che alle anime viventi possano toccare due sorti: c'è chi nasce ape, e chi nasce rosa. Che fa lo sciame delle api, con la sua regina? Va, e ruba a tutte le rose un po' di miele, per portarselo nell'arnia, nelle sue stanzette. E la rosa? La rosa l'ha in se stessa, il proprio miele: miele di rose, il più adorato, il più prezioso! La cosa più dolce che innamora essa l'ha già in se stessa: non le serve cercarla altrove. Ma qualche volta sospirano di solitudine, le rose, questi esseri divini! Le rose ignoranti non capiscono i propri misteri. La prima di tutte le rose è Dio." ( pag. 67)
DoricaDorica added a quotation
"è meglio non viziare troppo il prossimo e mandarlo ogni tanto all'inferno, altrimenti, sarebbe la fine! la nostra vita andrebbe avanti pesantemente, come un barcone carico di zavorra, e ci porterebbe a fondo a morire asfissiati (pag. 62) "Dunque, pare che alle anime viventi possano toccare due sorti: c'è chi nasce ape, e chi nasce rosa. Che fa lo sciame delle api, con la sua regina? Va, e ruba a tutte le rose un po' di miele, per portarselo nell'arnia, nelle sue stanzette. E la rosa? La rosa l'ha in se stessa, il proprio miele: miele di rose, il più adorato, il più prezioso! La cosa più dolce che innamora essa l'ha già in se stessa: non le serve cercarla altrove. Ma qualche volta sospirano di solitudine, le rose, questi esseri divini! Le rose ignoranti non capiscono i propri misteri. La prima di tutte le rose è Dio." ( pag. 67)
Elly Chan10Elly Chan10 added a quotation
Una speranza, a volte, indebolisce le coscienze, come un vizio.
Elly Chan10Elly Chan10 added a quotation
Una speranza, a volte, indebolisce le coscienze, come un vizio.
Cristina - Athenae NoctuaCristina - Athenae Noctua added a quotation
Ma no, anche l’estate, invece, sarebbe tornata immancabilmente, uguale al solito. Non la si può uccidere, essa è un drago invulnerabile che sempre rinasce, con la sua fanciullezza meravigliosa. Ed era un’orrida gelosia che mi amareggiava, questa: di pensare all’isola di nuovo infuocata dall’estate, senza di me!
Cristina - Athenae NoctuaCristina - Athenae Noctua added a quotation
Ma no, anche l’estate, invece, sarebbe tornata immancabilmente, uguale al solito. Non la si può uccidere, essa è un drago invulnerabile che sempre rinasce, con la sua fanciullezza meravigliosa. Ed era un’orrida gelosia che mi amareggiava, questa: di pensare all’isola di nuovo infuocata dall’estate, senza di me!
Account deletedAnonymous added a quotation
“Ma basta: questa dunque è la tua casa, e tu ci tornerai sempre, ne sono sicuro, perché, a casa, sempre ci si ritorna; e anche per te è un giardino fatato, questa mia isoletta. “Ci tornerai , sì; però, aggiungo: non ti fermerai mai molto tempo. Su ciò, caro padroncino, non voglio farmi illusioni. Quelli come te, che hanno due sangui diversi nelle vene, non trovano mai riposo né contentezza; e mentre sono là, vorrebbero trovarsi qua, e appena tornati qua, subito hanno voglia di scappar via. Tu te ne andrai da un luogo all’altro, come se fuggissi di prigione, o corressi in cerca di qualcuno; ma in realtà inseguirai soltanto le sorti diverse che si mischiano nel tuo sangue, perché il tuo sangue è come un animale doppio, è come un cavallo grifone, come una sirena. E potrai anche trovare una compagnia di tuo gusto, fra tanta gente che s’incontra al mondo; però, molto spesso, te ne starai solo. Un sangue-misto di rado si trova contento in compagnia: c’è sempre qualcosa che gli fa ombra, ma in realtà è lui che si fa ombra da se stesso, come il ladro e il tesoro, che si fanno ombra uno con l’altro. “E a proposito adesso voglio dirti il sogno che ho fatto stanotte. Ho sognato di essere giovanotto, elegante, baldanzoso. Dovevo esser diventato un gran Vizir, o qualcosa di simile: ero vestito con un costume turco di seta sgargiante, del colore (dirò per dartene un’idea) dei girasoli; macché girasoli! più bello assai! Non è possibile trovargli un paragone adatto! Avevo un turbantino con una lunga penna, ai piedi due babbucce da ballerino, e me ne andavo canticchiando per un bel luogo delle parti dell’Asia, dove non c’era nessun’altra persona, in mezzo a prati tutti di rose. Ero contento, brioso, con la bocca dolce, e, intorno, sentivo sospirare. Ma a me pareva una cosa naturale quel sospiro (ecco le stranezze dei sogni) e, nel mio cervello, me ne spiegavo la ragione chiaramente. Questa spiegazione me la ricordo anche adesso da sveglio, ed è proprio una spiegazione logica, un vero conceto di filosofia (chi sa perché a me càpitano sempre dei sogni così straordinari). Senti se non è un bel concetto: “Dunque, pare che alle anime viventi possano toccare due sorti: c’è chi nasce ape, e chi nasce rosa. Che fa lo sciame delle api, con la sua regina? Va, e ruba a tutte le rose un poco di miele, per portarselo nell’arnia, nelle sue stanzette. E la rosa? La rosa l’ha in se stessa, il proprio miele: miele di rose, il più adorato, il più prezioso! La cosa più dolce che innamora essa l’ha già in se stessa: non le serve cercarla altrove. Ma qualche volta sospirano di solitudine, le rose, questi esseri divini! Le rose ignoranti non capiscono i propri misteri. “La prima di tutte le rose è Dio. “Fra le due: la rosa e l’ape, secondo me, la più fortunata è l’ape. E l’Ape Regina, poi, ha una fortuna sovrana! Io, per esempio, sono nato Ape Regina. E tu, Wilhelm? Secondo me, tu, Wilhelm mio, sei nato col destino più dolce e col destino più amaro: “tu sei l’ape e sei la rosa”.
Account deletedAnonymous added a quotation
“Ma basta: questa dunque è la tua casa, e tu ci tornerai sempre, ne sono sicuro, perché, a casa, sempre ci si ritorna; e anche per te è un giardino fatato, questa mia isoletta. “Ci tornerai , sì; però, aggiungo: non ti fermerai mai molto tempo. Su ciò, caro padroncino, non voglio farmi illusioni. Quelli come te, che hanno due sangui diversi nelle vene, non trovano mai riposo né contentezza; e mentre sono là, vorrebbero trovarsi qua, e appena tornati qua, subito hanno voglia di scappar via. Tu te ne andrai da un luogo all’altro, come se fuggissi di prigione, o corressi in cerca di qualcuno; ma in realtà inseguirai soltanto le sorti diverse che si mischiano nel tuo sangue, perché il tuo sangue è come un animale doppio, è come un cavallo grifone, come una sirena. E potrai anche trovare una compagnia di tuo gusto, fra tanta gente che s’incontra al mondo; però, molto spesso, te ne starai solo. Un sangue-misto di rado si trova contento in compagnia: c’è sempre qualcosa che gli fa ombra, ma in realtà è lui che si fa ombra da se stesso, come il ladro e il tesoro, che si fanno ombra uno con l’altro. “E a proposito adesso voglio dirti il sogno che ho fatto stanotte. Ho sognato di essere giovanotto, elegante, baldanzoso. Dovevo esser diventato un gran Vizir, o qualcosa di simile: ero vestito con un costume turco di seta sgargiante, del colore (dirò per dartene un’idea) dei girasoli; macché girasoli! più bello assai! Non è possibile trovargli un paragone adatto! Avevo un turbantino con una lunga penna, ai piedi due babbucce da ballerino, e me ne andavo canticchiando per un bel luogo delle parti dell’Asia, dove non c’era nessun’altra persona, in mezzo a prati tutti di rose. Ero contento, brioso, con la bocca dolce, e, intorno, sentivo sospirare. Ma a me pareva una cosa naturale quel sospiro (ecco le stranezze dei sogni) e, nel mio cervello, me ne spiegavo la ragione chiaramente. Questa spiegazione me la ricordo anche adesso da sveglio, ed è proprio una spiegazione logica, un vero conceto di filosofia (chi sa perché a me càpitano sempre dei sogni così straordinari). Senti se non è un bel concetto: “Dunque, pare che alle anime viventi possano toccare due sorti: c’è chi nasce ape, e chi nasce rosa. Che fa lo sciame delle api, con la sua regina? Va, e ruba a tutte le rose un poco di miele, per portarselo nell’arnia, nelle sue stanzette. E la rosa? La rosa l’ha in se stessa, il proprio miele: miele di rose, il più adorato, il più prezioso! La cosa più dolce che innamora essa l’ha già in se stessa: non le serve cercarla altrove. Ma qualche volta sospirano di solitudine, le rose, questi esseri divini! Le rose ignoranti non capiscono i propri misteri. “La prima di tutte le rose è Dio. “Fra le due: la rosa e l’ape, secondo me, la più fortunata è l’ape. E l’Ape Regina, poi, ha una fortuna sovrana! Io, per esempio, sono nato Ape Regina. E tu, Wilhelm? Secondo me, tu, Wilhelm mio, sei nato col destino più dolce e col destino più amaro: “tu sei l’ape e sei la rosa”.