L'ombra del vento
by Carlos Ruiz Zafón
(*)(*)(*)(*)(*)(36,679)
Una mattina del 1945 il proprietario di un modesto negozio di libri usati conduce il figlio undicenne, Daniel, nel cuore della città vecchia di Barcellona al Cimitero dei Libri Dimenticati, un luogo in cui migliaia di libri di cui il tempo ha cancellato il ricordo, vengono sottratti all'oblio. Qui Daniel entra in possesso del libro "maledetto" che cambierà il corso della sua vita, introducendolo in un labirinto di intrighi legati alla figura del suo autore e da tempo sepolti nell'anima oscura della città. Un romanzo in cui i bagliori di un passato inquietante si riverberano sul presente del giovane protagonista, in una Barcellona dalla duplice identità: quella ricca ed elegante degli ultimi splendori del Modernismo e quella cupa del dopoguerra.

All Quotations

690 + 110 in other languages
CleoCleo added a quotation
"Latino, ragazzo. Non esistono lingue morte ma solo cervelli in letargo."
CleoCleo added a quotation
"Latino, ragazzo. Non esistono lingue morte ma solo cervelli in letargo."
MarcoMarco added a quotation
Di solito si ha la fortuna, o la disgrazia, di assistere al lento sfacelo della propria vita senza quasi rendersene conto. Per Julián, invece, questo accadde nel giro di pochi secondi.
MarcoMarco added a quotation
Di solito si ha la fortuna, o la disgrazia, di assistere al lento sfacelo della propria vita senza quasi rendersene conto. Per Julián, invece, questo accadde nel giro di pochi secondi.
MarcoMarco added a quotation
Quando si lavora non si ha il tempo di guardare la vita negli occhi.
MarcoMarco added a quotation
Quando si lavora non si ha il tempo di guardare la vita negli occhi.
MarcoMarco added a quotation
È facile giudicare gli altri, ma ci rendiamo conto di quanto sia meschino il nostro disprezzo solo quando li abbiamo persi, quando ce li portano via. Sì, perché ci sono appartenuti...
MarcoMarco added a quotation
È facile giudicare gli altri, ma ci rendiamo conto di quanto sia meschino il nostro disprezzo solo quando li abbiamo persi, quando ce li portano via. Sì, perché ci sono appartenuti...
MarcoMarco added a quotation
Latino, ragazzo. Non esistono lingue morte ma solo cervelli in letargo.
MarcoMarco added a quotation
Latino, ragazzo. Non esistono lingue morte ma solo cervelli in letargo.
MarcoMarco added a quotation
Ogni libro, ogni volume che vedi possiede un’anima, l’anima di chi lo ha scritto e l’anima di coloro che lo hanno letto, di chi ha vissuto e di chi ha sognato grazie a esso. Ogni volta che un libro cambia proprietario, ogni volta che un nuovo sguardo ne sfiora le pagine, il suo spirito acquista forza
MarcoMarco added a quotation
Ogni libro, ogni volume che vedi possiede un’anima, l’anima di chi lo ha scritto e l’anima di coloro che lo hanno letto, di chi ha vissuto e di chi ha sognato grazie a esso. Ogni volta che un libro cambia proprietario, ogni volta che un nuovo sguardo ne sfiora le pagine, il suo spirito acquista forza
MarcoMarco added a quotation
Parlare è da stupidi, tacere è da codardi, ascoltare è da saggi.
MarcoMarco added a quotation
Parlare è da stupidi, tacere è da codardi, ascoltare è da saggi.
MarcoMarco added a quotation
La forma conta quanto la sostanza: è la triste realtà di quest’epoca di ciarlatani. Vanitas peccata mundi.
MarcoMarco added a quotation
La forma conta quanto la sostanza: è la triste realtà di quest’epoca di ciarlatani. Vanitas peccata mundi.
MarcoMarco added a quotation
In genere il destino si apposta dietro l’angolo, come un borsaiolo, una prostituta o un venditore di biglietti della lotteria, le sue incarnazioni più frequenti. Ma non fa mai visite a domicilio. Bisogna andare a cercarlo.»
MarcoMarco added a quotation
In genere il destino si apposta dietro l’angolo, come un borsaiolo, una prostituta o un venditore di biglietti della lotteria, le sue incarnazioni più frequenti. Ma non fa mai visite a domicilio. Bisogna andare a cercarlo.»
MarcoMarco added a quotation
Guardi, Daniel, le donne, con rare eccezioni, quali la sua vicina Merceditas, sono più intelligenti di noi o, perlomeno, più sincere con se stesse rispetto a ciò che vogliono. Che poi te lo facciano sapere è un altro paio di maniche. La femmina, Daniel, è un enigma della natura. È una babele, un labirinto. Se le lascia il tempo di pensare, non ha più scampo. Si ricordi: cuore caldo e mente fredda. È il codice del seduttore.
MarcoMarco added a quotation
Guardi, Daniel, le donne, con rare eccezioni, quali la sua vicina Merceditas, sono più intelligenti di noi o, perlomeno, più sincere con se stesse rispetto a ciò che vogliono. Che poi te lo facciano sapere è un altro paio di maniche. La femmina, Daniel, è un enigma della natura. È una babele, un labirinto. Se le lascia il tempo di pensare, non ha più scampo. Si ricordi: cuore caldo e mente fredda. È il codice del seduttore.