(*)(*)(*)(*)( )(252)
Ante Valdemar Roos ha quasi sessant'anni e conduce un'esistenza ordinaria. Sua moglie non lo capisce; le figlie di lei lo considerano un fallito; i colleghi di lavoro lo trattano con indifferenza, se non con disprezzo. Ma un giorno la fortuna gli sorride, e la schedina giocata con tanta pazienza anno dopo anno risulta vincente. Valdemar decide di tenere per sé questa notizia e comincia a costruirsi una vita parallela, che comprende un'idilliaca casa nel bosco. Anna Gambowska è una ragazza difficile, in fuga da un centro di recupero per tossicodipendenti. Vent'anni, una chitarra, uno zaino e un passato burrascoso che sta cercando di lasciarsi alle spalle quando si imbatte in un'idilliaca casa nel bosco... L'ispettore Gunnar Barbarotti è bloccato in un letto d'ospedale con una gamba rotta, quando Alice Ekman Roos gli chiede di indagare sulla scomparsa del marito. Il caso non sembra complicato, finché le ricerche condotte dai colleghi dell'ispettore non portano al ritrovamento di un cadavere: di chi si tratta? E cos'ha a che fare con Anna? O con Valdemar?

Itaca's Review

Itaca
Itaca wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Romanzo fra i più riusciti secondo me fra quelli che ho letto di Nesser.
Tocca temi molto sensibili, le inquietudini della giovinezza e quelle dell'età adulta quella che precede la vecchiaia.
Per una buona metà del romanzo nulla accade, e anche il ritmo narrativo è lento ma non per questo noioso anzi, è interessantissimo questo vagare nell'animo dei due protagonisti che fatalmente incrocieranno i loro destini.
Bellissime sono le descrizioni della natura e questo elemento accumuna molti scrittori scandinavi, devono amare moltissimo i loro boschi!
E poi c'è Barbarotti, l'investigatore che mi piace sempre di più.