L'urlo by Margaret Millar
L'urlo by Margaret Millar

L'urlo

Classici del Giallo Mondadori n. 1427
by Margaret Millar

Translated by Marilena Caselli, Contributions by Mauro Boncompagni, Raffaele Serafini
(*)(*)(*)(*)( )(2)
0Reviews0Quotations0Notes
Description
Non parlare con gli sconosciuti, anche se loro ti sorridono. Non accettare mai un passaggio da nessuno, neanche per mezzo miglio... Chi ha scritto questa poesia l'ha fatto per proteggere l'adorabile Annamay, una bambina di otto anni poi scomparsa nel nulla. Gli ultimi due versi, in particolare, suonano tragicamente profetici: Corri via subito. O quello potrebbe essere l'ultimo giorno della tua vita. Qualcuno deve averla portata via nel sole d'estate senza che lei mettesse in pratica i preziosi insegnamenti. E ora, quattro mesi dopo, in autunno, le sue ossa sono venute alla luce sotto un cumulo di foglie secche coperte da un groviglio di edere velenose. Non si è trattato di una disgrazia o di una fuga volontaria. La piccola Annamay, secondo gli inquirenti, è morta per mano di una persona non identificata. Eppure tutti le volevano bene e si sentono in colpa per la sua fine atroce. Tutti, tranne il suo assassino.

All’interno, il racconto “Sul Tagliamento” di Raffaele Serafini, vincitore del premio Scerbanenco@Lignano 2019.
Loading...