La dama rossa
by Giada Trebeschi
(*)(*)(*)(*)( )(16)
1938. Nell'anno in cui il duce emana le leggi razziali e il rombo della guerra si fa sempre più vicino, la giovane studiosa di storia dell'arte Letizia Cantarini lavora con passione al restauro di un palazzo nobiliare vicino a Roma insieme a due colleghi. Dietro una parete, i tre scoprono una stanza segreta dove giacciono i resti di una donna murata viva circa cinquecento anni prima. Sul pavimento, accanto alla condannata a morte, di cui ancora si scorgono lembi di tessuto rosso come la porpora, alcuni fogli: le sue memorie e un enigma. Letizia però non ha il tempo di studiare le carte della misteriosa "Dama rossa" vissuta alla corte di Alessandro VI Borgia, che un gruppo di miliziani fascisti, guidati dall'affascinante capitano de' Risis, giunge a interrompere i lavori. È evidente che il ritrovamento della camera segreta desta un interesse non solo archeologico. Letizia e i colleghi capiscono di aver portato alla luce non tanto i resti del tesoro degli Olgiati ¿ la famiglia cui apparteneva il palazzo ¿ ma qualcosa di ben più prezioso. Inizia così una fuga indiavolata, un'avventura travolgente che vedrà i tre amici alle prese con un favoloso rompicapo: una sciarada composta nel Rinascimento che li porterà fino in Spagna, all'Alhambra, sulle tracce della Dama rossa e di un inimmaginabile tesoro. I protagonisti, separati dagli eventi - uno dei tre è ebreo e dovrà nascondersi dal furore fascista -, rischieranno la vita per scoprire e proteggere lo straordinario segreto. Giada Trebeschi scrive un libro avvincente, in cui al rigore della ricostruzione storica si accompagna una scoppiettante capacità d'invenzione romanzesca, sorretta da personaggi magnificamente tratteggiati. Una storia capace di accompagnarci attraverso le ombre e le luci della grande Storia per capire, ricordare e, un poco, sognare.

All Reviews

6
GiochidiguerraGiochidiguerra wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Bello ma con due dubbi
Premessa doverosa: mi è piaciuto e quindi giusto che evidenzi due piccole "note stonate", la trama è abbastanza standard (la caccia ad un tesoro del passato fatta da inaspettati detective contro tutto e tutti) ma ambientata in maniera originale (l'Italia dominata dal fascismo del 1938 con quello che ne consegue). Si legge bene e i personaggi mi sono piaciuti. Però, amio avviso, nel 1938 un cadavere appeso ad un lampione a Roma presidiato dai militi in camicia nera come monito alla popolazione non è credibili, queste sono cose da 1944-45 nell'Italia del nord. E poi l'affermazione, sempre nel 1938, in cui milite spagnolo auspica un "governo forte" anche in Spagna come in Italia proprio in una città già governata da Franco (che in quell'epoca aveva conquistato quasi tutta la Spagna) è altrettanto incredibile. Per il resto a parte queste pulci lo consiglio.
SugarpulpSugarpulp wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Leggi la recensione di Danilo Villani su Sugarpulp.it: sugarpulp.it/dama-rossa-recensione
Edoardo FochiEdoardo Fochi wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Libro scorrevole, avvincente, nonostante una quantità di riferimenti storici fin troppo abbondanti. Ma nella ricerca quasi maniacale del particolare documentato che è evidente in tutto il libro, si palesa semplicemente una volontà dell'autrice di rincorrere una verità solida che sta alla base di tutta la narrazione. Considerando poi che questo è il primo esperimento di Giada Trebeschi nel genere romanzo (thriller, storico, sentimentale? Direi tutti insieme...), al termine mi viene solo voglia di aspettarne uno nuovo. Sperando che l'intensità sia la medesima.
Cristina MoscaCristina Mosca wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Bello
c'è tantissimo lavoro dietro questo libro, è stato un piacere presentarlo a chieti!
(*)(*)(*)( )( )
In realtà sarebbero 3 stelline e 1/2
Attirata da questo libro per la presenza (seppur molto marginale) di Alessandro VI Borgia (io nutro una vera passione per la famiglia Borgia), ho voluto leggere questo Thriller avventuroso che rifacendosi alla scuola di Dan Brown, si appresta a scovare inestimabili tesori dell'umanita, decodificando enigmi artistici rimasti sopiti per centinaia di anni. Il Romanzo non è molto lungo ed è estremamente scorrevole (l'ho letto in poche ore) e coinvolge il lettore fino alla fine. Le note negative sono date dalla "facilità" con cui vengono portati a galla misteri millenari. I protagonisti sono abbastanza simpatici, specialmente il protagonista Maschile che è un novello super man..riesce ad eludere la sorveglianza fascista (nonostante egli stesso ne faccia parte, seppur con mentalità sovversiva e quindi avversa al regime)con estrema facilità e scampandola sempre in un modo o nell'altro. storia d'amore scontata ma piacevole.
Libri & CulturaLibri & Cultura wrote a review
(*)(*)(*)( )( )