Là dove core el me pensier in fuga by Sandro Boato
Là dove core el me pensier in fuga by Sandro Boato

Là dove core el me pensier in fuga

by Sandro Boato

Curated by Odilia Zotta, Illustrated or Penciled by Matteo Boato, Contributions by Adriano Sofri, Giuseppe Colangelo
( )( )( )( )( )(0)
0Reviews0Quotations0Notes
Description
Se sia poesia Se sia, non so riflesso del narciso nell’acqua chiara suoi occhi, suo sorriso il mondo specchio a sé suoni colori odori amor di sé, altri fiori. Non so se sia scavar le proprie pene fuori e dentro di sé senza alleviarle anzi scarnificate sommandole alle altrui pene e catene. Forse che sia cercare di non lasciarsi andare raschiare e stridere parole come maschere bianco e nero soltanto senza sorridere vietato è cantare? Toh guarda un seme caduto è nella discarica e nel ciarpame sparso tra malodori sterpi cartilagini rottami cocci melme e vetri rotti sbocciato è un fiore bianco su un rametto salito chissacome da una radice non so, che sia la poesia? Prefazione di Adriano Sofri. Introduzione di Giuseppe Colangelo.
Loading...