La Germania sapeva
by Eric A. Johnson, Karl-Heinz Reuband
(*)(*)(*)(*)( )(33)
Gli orrori del regime nazista e dell'Olocausto sono stati raccontati e documentati innumerevoli volte, ma da sempre una domanda resta senza una risposta precisa: i tedeschi sapevano quali terribili azioni si compivano in loro nome? Sapevano che i loro concittadini ebrei venivano sistematicamente sterminati, che handicappati e disturbati mentali erano soppressi, che il regime e l'uomo che loro stessi avevano votato in massa operavano concretamente per gettare il mondo nella barbarie più profonda? Eric Johnson, ha condotto insieme al sociologo tedesco Karl-Heinz Reuband un'accurata ricerca per rispondere a queste inquietanti domande. Da un'accurata e amplissima serie di interviste con tedeschi, ebrei e non ebrei, all'epoca simpatizzanti o oppositori dei nazisti, provenienti da tutte le classi sociali e regioni della Germania, emerge una sconvolgente storia orale del nazismo, in cui è il popolo tedesco a raccontare e raccontarsi, facendo luce sulla realtà quotidiana, ma anche sulle responsabilità e le complicità di tanti e sull'umanità e innocenza di pochi. La verità, è che almeno un terzo dei tedeschi sapeva dell'Olocausto nei mesi in cui esso stava avendo luogo, così come molti erano a conoscenza dei crimini commessi dai nazisti in patria e nelle terre conquistate, ma che la popolarità di Hitler e del partito nazista era così forte e diffusa che raramente lo stato totalitario dovette impiegare terrore e repressione per assicurarsi la fedeltà del paese.

Syl's Review

SylSyl wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Il libro è diviso in due parti: prima le interviste fatte a un campione eterogeneo di persone, la seconda è l'analisi dei dati forniti.
Nella prima parte parlano ebrei, ma anche cittadini tedeschi (e il punto di vista in questo caso è molto interessante), per tentare di arrivare a una conclusione: i tedeschi sapevano cosa stava succedendo? Lo sapeva chi era direttamente colpito dalle leggi razziali? Sapevano dove stavano andando? Chi li vedeva scomparire aveva un'idea dell'orrore verso cui si stavano dirigendo? Chi lavorava nello Stato?
Perchè tutti hanno sempre detto no, certo, figurarsi, non lo sapevamo. Ma è andata proprio così?
SylSyl wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Il libro è diviso in due parti: prima le interviste fatte a un campione eterogeneo di persone, la seconda è l'analisi dei dati forniti.
Nella prima parte parlano ebrei, ma anche cittadini tedeschi (e il punto di vista in questo caso è molto interessante), per tentare di arrivare a una conclusione: i tedeschi sapevano cosa stava succedendo? Lo sapeva chi era direttamente colpito dalle leggi razziali? Sapevano dove stavano andando? Chi li vedeva scomparire aveva un'idea dell'orrore verso cui si stavano dirigendo? Chi lavorava nello Stato?
Perchè tutti hanno sempre detto no, certo, figurarsi, non lo sapevamo. Ma è andata proprio così?