La ladra di parole
by Abi Daré
(*)(*)(*)(*)(*)(100)
A Ikati, un villaggio nel cuore della Nigeria, il destino delle donne è segnato: passano l'infanzia a occuparsi della casa e dei fratelli più piccoli, vanno a scuola solo per imparare a leggere e scrivere e poi vengono date in moglie al miglior offerente. Ma la quattordicenne Adunni è diversa: ama studiare, scoprire parole nuove per dar voce ai propri pensieri, per capire il mondo, per immaginare un altro futuro. E sogna di diventare maestra, di spiegare alle bambine come, grazie all'istruzione, possano liberarsi della miseria, guardare lontano, cercare la loro strada. Un sogno che però sembra infrangersi la mattina in cui il padre le annuncia di averla promessa a Morufu, un uomo molto più vecchio di lei e con già altre due mogli. Adunni sa che la sua famiglia ha un disperato bisogno dei soldi di Morufu, eppure non si arrende, nemmeno dopo aver compiuto il suo dovere di figlia, nemmeno dopo che una tragedia la obbligherà a scappare a Lagos, dove diventerà la serva di una donna prepotente e crudele. Anche nell'ora più buia, Adunni saprà trovare parole di coraggio e di speranza, parole che le daranno la forza di trasformare il suo sogno in realtà... Un romanzo che esalta tutte quelle donne che ogni giorno lottano per un mondo più giusto. Una storia drammatica ed emozionante, che svela una realtà umana e sociale sconosciuta a molti...

All Reviews

17
bebabeba wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Adunni,ragazzina nigeriana di 14 anni che va a scuola come era il desiderio della mamma che muore però prematuramente. Il padre per affrontare la povertà la dà in moglie (come terza moglie) ad un vecchio taxista Morufu.Si trova così da bimba ad essere donna,a subire violenze e maltrattamenti finché non riesce a scappare alla capitale Lagos. Qui diventa la sguattera di una ricca negoziante di stoffe Big Madam e continua a subire violenze gratuite e soprusi,finché,grazie al cuoco Kofi e a una giovane signora vicina di casa Ms Tia,si iscrive ad un concorso e vince una borsa di studio per la scuola. Testimonianza della volontà di riscatto di una giovane donna ma che rappresenta qui tutte le donne del mondo che vivono in grandi difficoltà:”Domani sarà meglio di oggi” ripete spesso Adunni. La scrittura è molto scorrevole anche perché fatta con un linguaggio molto semplice che rappresenta (spiegato nella nota iniziale) il “broken english”l’inglese della gente priva di istruzione e quindi anche con errori grammaticali e sintattici,e la traduzione rispecchia tutto ciò.
Marty Paggia Marty Paggia wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
il libro è scritto in un linguaggio semplice come quello della protagonista. Scorrevole nella lettura fa riflettere molto. assolutamente consigliato!
Stefano MenchettiStefano Menchetti wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Passi davanti ad una libreria e gli occhi ti cadano su una copertina come questa, la prima cosa che pensi è “deve essere bello per forza” poi inizi a leggerlo eh…… Adunni ha soli 14 anni, è nata in un paesino della Nigeria, dove l’acqua e la luce non arrivano nelle abitazioni, dove non sempre c’è da mangiare per tutti. Patriarcato e poligamia costringono le donne, poco più che bambine, a sposare uomini più grandi e a convincersi che sia il meglio a cui possano aspirare. Alla morte della madre, il padre, alcolizzato e privo di occupazione, la vende come terza moglie ad un uomo vecchio e depravato. Ma Adunni vuole studiare e diventare una maestra, a lei non basta avere una voce come tutte le altre, lei vuole “una voce che la sentono forte”. Sarà un dizionario a salvare Adunni, ma soprattutto la sua forza, la convinzione che l’istruzione sia la chiave per la libertà e per la dignità di ognuno.
M Mommy M Mommy wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
L'istruzione è la tua voce
Questo libro e stato una piacevole compagnia. Avvincente, commuovente e in certi passaggi anche ironico e divertente. Si entra subito nella vita dura di una giovane ragazza di origini povere e privata di ogni diritto umano: dallo studio alla libertà in tutte le sue forme. Non riesce difficile immedesimarsi in lei, i suoi sentimenti e le emozioni vengono sviscerati in maniera efficace, grazie anche alla scelta di un linguaggio imperfetto, eppure di grande effetto. Adunni ti conquista subito e ti guida in in viaggio amaro ma che vale la pena di essere esplorato
Trenette65Trenette65 wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Il libro mi è piaciuto, il finale è un po' scontato, ma certo che raccontare le condizioni di queste ragazze vendute per fare le spose bambine, cosa che accade non solo in Africa, purtroppo. La fame e la miseria sono purtroppo gli elementi che fanno in modo che questo avvenga, e libri come questo certamente aiutano ad alzare il velo su queste tristi vicende:
GiulyGiuly wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Molto bello!
Una storia molto toccante, quella della piccola Adunni...ancora troppo piccola per dover affrontare una vita così difficile e complicata....una storia che purtroppo è ancora reale in molte zone del mondo, di quei luoghi in cui si ha ancora una così bassa considerazione per la donna, che una storia simile è considerata "normale" in molte famiglie. Quanto è forte Adunni, così piccola, eppure forte, intelligente e in gamba, riesce a non perdere mai la sua forza, ma a farla crescere sempre più e con tenacia va sempre avanti e migliora ancora. La scrittura, volutamente sgrammaticata, affatica un pò la lettura, ma fa sentire Adunni ancora più presente e vicina.
MillaMilla wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Commovente
Commovente. Perché è la storia di una ragazzina che la vita costringe a diventare donna, ma che nonostante tutto quello che le accade non perde la forza di andare avanti e di sognare una vita migliore. Mi ha commosso,mi ha intenerito, anche per il suo linguaggio, e alla fine mi ha addolcito il cuore di speranza.
MaurizionappaMaurizionappa wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Un romanzo potente, sulle difficoltà quotidiane che affrontano le donne, in alcune (troppe) parti del mondo, e sull'istruzione come arma di riscatto.
lettriceorylettriceory wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
da far leggere a scuola
Almeno una volta nella vita dovremmo leggere un libro di questo genere. È molto ben fatto e scorrevole ma non risparmia pugni nello stomaco. Quei pugni però che ognuno di noi dovrebbe ricevere ogni tanto per imparare a guardare cosa c'è al di là del nostro naso, o del nostro mare.
marika armentomarika armento wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Ad essere sincera, per me non è stato semplice e immediato cogliere la forza di Adunni, ragazzina di 14 anni, come invece accade andando avanti, quando ormai si trasferisce dal suo villaggio natale a Lagos. Con Adunni ripercorriamo ogni abuso, sopruso e violenza cui sono sottoposte bambine, ragazze e donne in ogni parte del mondo, e non solo la Nigeria in cui il romanzo è ambientato. Ma con la forza e il pensiero positivo di chi sa che la sua voce può diventare quella di tante altre bambine. Per nulla mieloso, riesce a esprimere tutta la durezza e controsenso delle società attuali, con una luce sulla potente forza dell’istruzione.