La ragazza che hai lasciato
by Jojo Moyes
(*)(*)(*)(*)(*)(491)
Francia, 1916. Sophie, sposa innamorata del pittore Édouard Lefèvre, allievo di Matisse, è rimasta sola dopo che il marito è partito per il fronte allo scoppio della Grande Guerra. La giovane donna ritorna quindi al suo paese natale nel Nord della Francia, ora occupato dai tedeschi. Con grande audacia Sophie aiuta le famiglie in difficoltà suscitando l'interesse e l'ammirazione del locale comandante delle truppe nemiche, fino al giorno in cui, disperata, è costretta a chiedergli aiuto, dopo aver saputo che Édouard è stato catturato e rischia la vita. Per riaverlo è disposta a offrire ciò che ha di più caro: un bellissimo quadro dipinto dal marito che la ritrae giovanissima, intitolato "La ragazza che hai lasciato", divenuto per il tedesco una vera ossessione. Subito dopo, Sophie viene arrestata e portata via. Nessuno sa dove, né si hanno più sue notizie. Riuscirà a riunirsi al suo amato Édouard? Londra, 2010. Liv, vedova trentenne, sta ancora elaborando la dolorosa perdita del marito, un geniale architetto morto all'improvviso quattro anni prima. Ma quando incontra casualmente Paul, prova per lui una forte attrazione. L'uomo lavora per una società che si occupa di rintracciare opere d'arte trafugate durante la guerra, e proprio a casa di Liv vede il quadro che stava cercando da tempo, quello appartenuto un secolo prima a Sophie. Come mai Liv è in possesso di quel prezioso dipinto? E quali conseguenze avrà questa scoperta sulle loro vite?

All Reviews

92 + 5 in other languages
Lauretta86Lauretta86 wrote a review
(*)(*)( )( )( )
Storia molto scontata e prevedibile. Nulla di nuovo. La parte sulla prima guerra mondiale carina e più coinvolgente ma la storia contemporanea è abbastanza piatta e noiosa. La scrittrice ha voluto necessariamente cercare un lieto fine poco credibile. "Io prima di te" mi aveva lasciato stupita ma questo libro non mi ha colpita.
ChiaranontaChiaranonta wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Mi è piaciuta di più la parte relativa alla prima guerra mondiale che la parte contemporanea, è decisamente più viva e più toccante; la parte ambientata ai giorni nostri sembra scritta di fretta, superficialmente, il solito stereotipo dei buoni poveri e soli contro degli squali potenti e senza sentimenti. Mi aspettavo di meglio visto anche il giro di vendite di questa scrittrice.
MarilynSunMarilynSun wrote a review
Questo è un bel libro di frontiera, con il suo autore di talento, e caratteri dettagliati, tutti per una lettura mai trattenuta dal tag "pulcino illuminato" che porta. La storia comprende la sovrapposizione della storia e della geografia. Non è diverso da un libro di Jeffrey Archer. Ma mentre Archer può fare solo molto e ricorrere a morti per far tirare il dramma, questo libro può fare tutto questo senza ricorrere a mezzi ultima. Qui le morti sono poche e confezionano un pugno medio all'intestino quando si verificano. 'La ragazza che hai lasciato dietro' è un titolo ambiguo, che può significare molto quello che vuoi dire. Ma il personaggio chiamato Sophie, è doppiamente vivido nella memoria del lettore perché è morta da tempo. Questo è come lo stesso pensiero quando leggevo i fumetti di Asterix quando ero un ragazzo. Il villaggio sta divertendosi, ma è così inutile, sono tutti morti. Immagino che questo è ciò che qualche finzione storica porta al tavolo.
fra_francafra_franca wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Belissimo! Molto romantico. Scorre veloce e la storia è molto originale!
LeggoperpiacereLeggoperpiacere wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Molto coinvolgente, molto cinematografico (si "vedono" le scene, i personaggi, gli ambienti), imprevedibile tutto, a parte l'esito della Love-story. Mi piace questa Jojo!
freetoflyawayfreetoflyaway wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Un romanzo che ha superato le mie aspettative. Una bella storia, intricata quanto basta per non annoiarmi mai, a cavallo tra la Londra di oggi e la Francia della prima guerra mondiale, con protagoniste due donne distanti tra loro nel tempo e nello spazio, Liv e Sophie, unite dal filo del destino. Una storia di guerra, ma anche di amori, di battaglie del cuore e giudiziarie, di case, dipinti e piccole e grandi tragedie, narrata con uno stile senza pretese ma lineare e godibile.
JejelillaJejelilla wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Spoiler Alert
Ho impiegato troppo a leggerlo
per mancanza di tempo e quindi la lettura "strascicata" ne ha attenuato un po' il contenuto...lettera piacevole e scorrevole come sempre nei libri della Moyes......nulla di eccezionale a parte che un ufficiale tedesco alla fine sia riuscito a mantenere la parola data.....
AbcAbc wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Spoiler Alert
Il finale mi ha rovinato il libro
Gli avrei dato quattro stelline se non fosse stato per il finale assolutamente tirato per i capelli e ben poco credibile. Quando ho letto della comparsa di Edith in tribunale mi sono detta che qualcosa non tornava. Ma quanti cavolo di anni avrebbe avuto nel 2010? E così sono tornata indietro con le pagine per vedere se c'era un riferimento alla sua età nel 1916. Aveva 7 anni!! Quindi nel 2010, se la matematica non è un'opinione, ne dovrebbe avere 101. Il primo pensiero è: alla faccia della longevità! E il secondo è: alla faccia della lucidità mentale e soprattutto della memoria! Riesce a ricostruire alla perfezione ciò che è accaduto quasi un secolo prima! Complimenti! In più mi domando come abbia fatto a spostarsi in un giorno dalla Francia a Londra. Non dev'essere proprio facilissimo prendere un aereo a quell'età. Insomma Moyes, va bene che volevi mettere il lieto fine ad ogni costo, ma non mi prendere in giro! Mi piace quello che scrivi e come lo scrivi, ma devi mantenere un minimo di credibilità, altrimenti mi sento presa in giro. Eddaiii!!
SCSC wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Un bellissimo libro! Due storie che si intrecciano, due personaggi femminili che finisci per adorare. Scritto bene, scorrevole. Dopo aver letto io prima di te e dopo di te ero curiosa di leggere altro. Questo libro è profondo, si parla di storia di arte di amore. Sono proprio contenta di averlo letto!!
MarikaMarika wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Non conoscevo affatto la scrittrice, ma ho potuto apprezzarne subito lo stile, l'accuratezza con cui descrive luoghi e situazioni senza essere mai banale. Mi ci è voluto poco per ritrovarmi letteralmente rapita dalle pagine di questo romanzo: la storia di Sophie e quella di Liv si intrecciano alla perfezione e, non in pochi punti, sembrano diventare una sola. Due donne che hanno toccato con mano la paura e la sofferenza, ma entrambe caratterizzate da una forza e una tenacia indiscutibili. La tensione resta alta fino alla fine e non mancano i colpi di scena. Consiglio sicuramente la lettura