La singolare trovata di un agente immobiliare by Gilbert Keith Chesterton
  • More by Gilbert Keith Chesterton
  • See All
La singolare trovata di un agente immobiliare by Gilbert Keith Chesterton

La singolare trovata di un agente immobiliare

by Gilbert Keith Chesterton

Translated by Federico Zaniboni
(*)(*)(*)( )( )(1)
0Reviews0Quotations0Notes
Description
Questo racconto è tratto da «Il club dei mestieri stravaganti», la prima raccolta di racconti di Chesterton, scritta nel 1905, quando lo scrittore, allora trentaduenne, era ancora incerto sul suo futuro artistico, diviso tra la carriera di illustratore e quella di scrittore, e molto lontano dai travagli interiori che lo avrebbero portato, nel 1922, alla conversione al cattolicesimo. In questo come negli altri racconti Chesterton tentò per la prima volta la strada del "giallo filosofico", il genere letterario per cui ancora oggi è amato. Qui il protagonista è Basil Grant, un detective improbabile, un ex giudice sornione e vagamente mistico, allontanato dalla carica per manifesta follia e segregatosi felicemente in una soffitta che non abbandona quasi mai. Insieme a lui opera il fratello Rupert, il suo contraltare, una sorta di parodia di Sherlock Holmes e del suo famigerato metodo deduttivo. Sullo sfondo di ogni vicenda c'è il club "fuori dagli schemi" in cui ciascun membro è tenuto, bizzarramente, a guadagnarsi da vivere attraverso attività inedite, mai praticate da nessuno in precedenza. E, più oltre, c'è Londra, descritta, a giudizio di molti critici, come poche altre volte nella storia della letteratura, un reticolo sordido di strette vie e angoli bui che lo scrittore amava profondamente. Chesterton costruisce in queste pagine alcune delle storie meglio congegnate della sua intera produzione, nelle quali la riflessione filosofica si intreccia alla trama senza appesantirla e la freschezza dell'immaginazione si combina a una scrittura come sempre densa e stimolante.
Loading...