La svastica sul sole
by Philip K. Dick
(*)(*)(*)(*)( )(6,018)
Le forze dell’Asse hanno vinto la Seconda guerra mondiale e l’America è divisa in due parti, l’una asservita al Reich, l’altra ai Giapponesi. Sul resto del mondo incombe una realtà da incubo: il credo della superiorità razziale ariana è dilagato a tal punto da togliere ogni volontà o possibilità di riscatto. L’Africa è ridotta a un deserto, vittima di una soluzione radicale di sterminio, mentre in Europa l’Italia ha preso le briciole e i nazisti dalle loro rampe di lancio si preparano a inviare razzi su Marte e bombe atomiche sul Giappone. Sulla costa occidentale degli Stati Uniti, i Giapponesi sono ossessionati dagli oggetti del folclore e dalla cultura americana, e tutto sembra ruotare intorno a due libri: il millenario I Ching, l’oracolo della saggezza cinese, e il best-seller del momento, vietato in tutti i paesi del Reich, un testo secondo il quale l’Asse sarebbe stato in realtà sconfitto dagli Alleati. "La svastica sul sole" racconta la Storia e le sue possibilità, la realtà e le riscritture, lo scontro culturale tra Oriente e Occidente, l’invasione della spiritualità nella vita quotidiana, il dramma morale di chi deve sopravvivere in un regime di sottomissione.

4strings's Review

4strings4strings wrote a review
(*)(*)( )( )( )
Bei personaggi in cerca di storia
Pare ci fosse tutta una storia ancora da scrivere... è inevitabile pensarlo dopo aver letto queste poche centinaia di pagine. Un'idea geniale, alla Dick, personaggi appena abbozzati, fuori dagli schemi, visionari, imprevedibili, ma questo è poco più di un prologo, purtroppo. Senza seguito. Chi ha provato ad imbastirci su una serie TV ha fatto altro, ugualmente inquietante. Ma chissà cosa avrebbe tirato fuori il Maestro...
4strings4strings wrote a review
(*)(*)( )( )( )
Bei personaggi in cerca di storia
Pare ci fosse tutta una storia ancora da scrivere... è inevitabile pensarlo dopo aver letto queste poche centinaia di pagine. Un'idea geniale, alla Dick, personaggi appena abbozzati, fuori dagli schemi, visionari, imprevedibili, ma questo è poco più di un prologo, purtroppo. Senza seguito. Chi ha provato ad imbastirci su una serie TV ha fatto altro, ugualmente inquietante. Ma chissà cosa avrebbe tirato fuori il Maestro...