Le mura dell'Eden
by Joan Slonczewski
(*)(*)(*)(*)( )(12)
Nota: il codice ISBN è stato assegnato a posteriori dalla casa editrice, a partire da giugno 1993, e si riferisce alla prima edizione e a tutte le successive ristampe.

All Reviews

1
(*)(*)(*)( )( )
Carino, ma troppa religione
Le tre stelle sono per i continui riferimenti religiosi della storia, scritta in realtà molto bene, e per una gigafalla nella logica della storia. In una terra che ha subito un olocausto subatomico, esistono delle piccole enclavi sparse per il mondo dove le persone all'interno sopravvivono circondate dai piccoli alieni fluttuanti, gli angelbee, che comunicano con loro attraverso una piramide, attraverso la quale portano rifornimenti dalle altre enclavi. Isabel ragazza sveglia, amante della fisica vive in una piccolissima enclave americana ed è nata vent'anni dopo il disastro, non si capisce se causato dagli uomini o dagli alieni. Lì a parte pochi, tutti gli abitanti sono quaccheri e portano avanti la questione della non violenza fino all'estremo,rifiutando di ribellarsi agli alieni, che dopo 20 anni ancora non hanno capito se stanno risanando o distruggendo la terra. Diciamo che la parte migliore riguarda i rapporti tra i personaggi, il modo vivido in cui sono ritratti e i dubbi sulla libertà e la schiavitù che i personaggi si pongono di continuo. Quello che invece non funziona è la risoluzione finale (confusa e non comprensibilissima), la morale un po' moralistica e la falla che nasce dopo aver letto i resoconti finali degli anziani dei giorni in cui avvenne l'Apocalisse. Mi sfugge poi perché vi sia questo continuo aggrapparsi e riferirsi alla religione, quasi non si potesse giungere a miti consigli senza credere in Dio.