Life
by James Fox, Keith Richards
(*)(*)(*)(*)(*)(544)
Con i Rolling Stones, Keith Richards ha creato canzoni che hanno scosso il mondo intero, vivendo in puro stile rock'n'roll. Ora, finalmente, è lui stesso a raccontare la storia di una vita scampata a un uragano di fuochi incrociati. L'ascolto ossessivo dei dischi di Chuck Berry e Muddy Waters, lo studio della chitarra e la nascita della band, fondata insieme a Mick Jagger e Brian Jones. L'iniziale successo dei Rolling Stones e i famigerati arresti per possesso di stupefacenti, che ne hanno consacrato l'immagine duratura di eroe popolare e fuorilegge. L'invenzione di riff immortali come quelli di Jumpin' Jack Flash e Honky Tonk Women. L'amore per Anita Pallenberg e la morte di Brian Jones. L'espatrio in Francia per motivi fiscali, i tour incendiari negli Stati Uniti, l'isolamento e la tossicodipendenza. Il nuovo amore per Patti Hansen. L'amaro allontanamento da Jagger e la successiva riconciliazione. Il matrimonio, la famiglia, gli album solisti e gli X-Pensive Winos, e la strada che non finisce mai. Con la disarmante onestà che è il suo marchio di fabbrica, Keith Richards ci consegna la storia di una vita che tutti avremmo voluto conoscere meglio, sfrenata, impavida e autentica.

Aleksflower's Review

AleksflowerAleksflower wrote a review
mi ha fatto capire che leggere della vita di qualcun altro è una perdita di tempo
AleksflowerAleksflower wrote a review
mi ha fatto capire che leggere della vita di qualcun altro è una perdita di tempo

Comments

Dipende dalla vita di chi e soprattutto da chi la scrive... prova con quella di Stefan Zweig - Il mondo di ieri, o quella di "Balzac. Il romanzo della sua vita" (scritta da Zweig); oppure Elias Canetti, La lingua salvata (primo di una trilogia); o l'ultimo pezzo della vita di Proust scritta dalla sua governante Céleste Albaret "Monsieur Proust"; o quelle di "Limonov" e Dick Philip (Io sono vivo, voi siete morti), scritte da Emmanuel Carrère, o l'autobiografia di Oliver Sacks "In movimento"; Cervantes di Bruno Frank; gli affascinanti viaggi dentro e fuori di sé di Terzani in 'Un altro giro di giostra'; Patrimonio di Philip Roth; 'Anime Baltiche' e 'I bagliori di San Pietroburgo' di Jan Brokken; Necropoli di Chodasevic; i viaggi e la crescita di Patrick Leigh Fermor a partire da 'Tempo di regali'; le para-biografie romanzate di Yalom 'Le lacrime di Nietzsche' e 'Il caso Spinoza'... ecco, tanto per dirne alcune... ;-)
Dipende dalla vita di chi e soprattutto da chi la scrive... prova con quella di Stefan Zweig - Il mondo di ieri, o quella di "Balzac. Il romanzo della sua vita" (scritta da Zweig); oppure Elias Canetti, La lingua salvata (primo di una trilogia); o l'ultimo pezzo della vita di Proust scritta dalla sua governante Céleste Albaret "Monsieur Proust"; o quelle di "Limonov" e Dick Philip (Io sono vivo, voi siete morti), scritte da Emmanuel Carrère, o l'autobiografia di Oliver Sacks "In movimento"; Cervantes di Bruno Frank; gli affascinanti viaggi dentro e fuori di sé di Terzani in 'Un altro giro di giostra'; Patrimonio di Philip Roth; 'Anime Baltiche' e 'I bagliori di San Pietroburgo' di Jan Brokken; Necropoli di Chodasevic; i viaggi e la crescita di Patrick Leigh Fermor a partire da 'Tempo di regali'; le para-biografie romanzate di Yalom 'Le lacrime di Nietzsche' e 'Il caso Spinoza'... ecco, tanto per dirne alcune... ;-)