Life
by James Fox, Keith Richards
(*)(*)(*)(*)(*)(544)
Con i Rolling Stones, Keith Richards ha creato canzoni che hanno scosso il mondo intero, vivendo in puro stile rock'n'roll. Ora, finalmente, è lui stesso a raccontare la storia di una vita scampata a un uragano di fuochi incrociati. L'ascolto ossessivo dei dischi di Chuck Berry e Muddy Waters, lo studio della chitarra e la nascita della band, fondata insieme a Mick Jagger e Brian Jones. L'iniziale successo dei Rolling Stones e i famigerati arresti per possesso di stupefacenti, che ne hanno consacrato l'immagine duratura di eroe popolare e fuorilegge. L'invenzione di riff immortali come quelli di Jumpin' Jack Flash e Honky Tonk Women. L'amore per Anita Pallenberg e la morte di Brian Jones. L'espatrio in Francia per motivi fiscali, i tour incendiari negli Stati Uniti, l'isolamento e la tossicodipendenza. Il nuovo amore per Patti Hansen. L'amaro allontanamento da Jagger e la successiva riconciliazione. Il matrimonio, la famiglia, gli album solisti e gli X-Pensive Winos, e la strada che non finisce mai. Con la disarmante onestà che è il suo marchio di fabbrica, Keith Richards ci consegna la storia di una vita che tutti avremmo voluto conoscere meglio, sfrenata, impavida e autentica.

Kalima's Review

KalimaKalima wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Lascereste uscire vostra figlia con uno degli Stones ?
Nella Bibbia sacra della Musica sotto la voce Rock ( intendiamoci: quello vero con la R maiuscola, derivato dal blues e dal rock'n'roll, lasciate stare le imitazioni scadenti venute dopo) campeggia a caratteri cubitali la scritta ROLLING STONES. E se pensiamo alle "pietre rotolanti" ( nome derivato da una canzone di Muddy Waters) la memoria va subito a quel giorno del 1962 quando alla stazione un giovane Keith Richards si imbatte nell'amico Mick Jagger ,con sottobraccio molti dischi di rock&blues ,che non vede da circa sei anni.
Brutti, sporchi e cattivi. Nell'iconografia classica del Rock Keith Richards infatti è una delle sue immagini simbolo. Non solo è un miracolo di longevità e un sopravvissuto ( è stato per 10 anni al numero uno della "Lista delle persone prossime a morire") ma rappresenta la quintessenza di un intero genere - il Rock - che ha contribuito a forgiare e rendere immortale, ripartendo proprio dalle sue radici - i ritmi tribali, il blues, il jazz - e coniando un sound potente e decisivo per le generazioni successive. Una simbiosi completa, che non si limita all'aspetto musicale. Nessuno meglio di lui, infatti, ha incarnato il modus vivendi, la frenesia e gli eccessi del rock.
Il Rock come esplosione di vita, eccesso, urlo liberatorio, come una " maniera di fregare il potente" ( cit. School of Rock); il Rock come provocazione per natura e per divertimento, ribellandosi agli stilemi imperanti, impomatati di tradizionalismo e bigottismo fino a farlo divenire un autentico fatto di costume. Basti pensare alle celeberrime copertine di Sticky Fingers e Beggars Banquet. Sesso,droga & Rock'n'Roll.
Negli anni dorati della Swingin' London degli anni '60 si diceva " Lascereste uscire vostra figlia con uno degli Stones?"
Io, se avessi potuto, probabilmente un'uscita me la sarei fatta, ma anche così, a sentire raccontare da Zio Keef la storia della sua vita mi sono divertita. Una vita spudorata, eccentrica, ribelle, inverosimile, sopra le righe,esagerata, selvaggia e imprudente. Insomma la vita di un Rocker!

It's only Rock' n' Roll but I like it !
KalimaKalima wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Lascereste uscire vostra figlia con uno degli Stones ?
Nella Bibbia sacra della Musica sotto la voce Rock ( intendiamoci: quello vero con la R maiuscola, derivato dal blues e dal rock'n'roll, lasciate stare le imitazioni scadenti venute dopo) campeggia a caratteri cubitali la scritta ROLLING STONES. E se pensiamo alle "pietre rotolanti" ( nome derivato da una canzone di Muddy Waters) la memoria va subito a quel giorno del 1962 quando alla stazione un giovane Keith Richards si imbatte nell'amico Mick Jagger ,con sottobraccio molti dischi di rock&blues ,che non vede da circa sei anni.
Brutti, sporchi e cattivi. Nell'iconografia classica del Rock Keith Richards infatti è una delle sue immagini simbolo. Non solo è un miracolo di longevità e un sopravvissuto ( è stato per 10 anni al numero uno della "Lista delle persone prossime a morire") ma rappresenta la quintessenza di un intero genere - il Rock - che ha contribuito a forgiare e rendere immortale, ripartendo proprio dalle sue radici - i ritmi tribali, il blues, il jazz - e coniando un sound potente e decisivo per le generazioni successive. Una simbiosi completa, che non si limita all'aspetto musicale. Nessuno meglio di lui, infatti, ha incarnato il modus vivendi, la frenesia e gli eccessi del rock.
Il Rock come esplosione di vita, eccesso, urlo liberatorio, come una " maniera di fregare il potente" ( cit. School of Rock); il Rock come provocazione per natura e per divertimento, ribellandosi agli stilemi imperanti, impomatati di tradizionalismo e bigottismo fino a farlo divenire un autentico fatto di costume. Basti pensare alle celeberrime copertine di Sticky Fingers e Beggars Banquet. Sesso,droga & Rock'n'Roll.
Negli anni dorati della Swingin' London degli anni '60 si diceva " Lascereste uscire vostra figlia con uno degli Stones?"
Io, se avessi potuto, probabilmente un'uscita me la sarei fatta, ma anche così, a sentire raccontare da Zio Keef la storia della sua vita mi sono divertita. Una vita spudorata, eccentrica, ribelle, inverosimile, sopra le righe,esagerata, selvaggia e imprudente. Insomma la vita di un Rocker!

It's only Rock' n' Roll but I like it !

Comments

che personaggio eh? :-)))
che personaggio eh? :-)))