Morgana
by Claudia Tagliaferri, Michela Murgia
(*)(*)(*)(*)( )(306)
Controcorrente, strane, pericolose, esagerate, difficili da collocare. E rivoluzionarie. Sono le dieci donne raccontate in questo libro e battezzate da una madrina d'eccezione, la Morgana del ciclo arturiano, sorella potente e pericolosa del ben più rassicurante re dalla spada magica. Moana Pozzi, Santa Caterina, Grace Jones, le sorelle Brontë, Moira Orfei, Tonya Harding, Marina Abramovic, Shirley Temple, Vivienne Westwood, Zaha Hadid. Morgana non è un catalogo di donne esemplari; al contrario, sono streghe per le donne stesse, irriducibili anche agli schemi della donna emancipata e femminista che oggi, in piena affermazione del pink power, nessuno ha in fondo più timore a raccontare. Il nemico simbolico di questa antologia è la "sindrome di Ginger Rogers", l'idea - sofisticatamente misogina - che le donne siano migliori in quanto tali e dunque, per stare sullo stesso palcoscenico degli uomini, debbano sapere fare tutto quello che fanno loro, ma all'indietro e sui tacchi a spillo. In una narrazione simile non c'è posto per la dimensione oscura, aggressiva, vendicativa, caotica ed egoistica che invece appartiene alle donne tanto quanto agli uomini. Le Morgane di questo libro sono efficaci ciascuna a suo modo nello smontare il pregiudizio della natura gentile e sacrificale del femminile. Le loro storie sono educative, non edificanti, disegnano parabole individuali più che percorsi collettivi, ma finiscono paradossalmente per spostare i margini del possibile anche per tutte le altre donne. Nelle pagine di questo libro è nascosta silenziosamente una speranza: ogni volta che la società ridefinisce i termini della libertà femminile, arriva una Morgana a spostarli ancora e ancora, finché il confine e l'orizzonte non saranno diventati la stessa cosa.

All Quotations

3 + 11 in other languages
CattiveriaCattiveria added a quotation
...ché quando sei fuori dagli schemi pure la felicità è qualcosa a cui dovrai sopravvivere.
CattiveriaCattiveria added a quotation
...ché quando sei fuori dagli schemi pure la felicità è qualcosa a cui dovrai sopravvivere.
OliviaOlivia added a quotation
Alberto Arbasino [...] scandì il percorso per diventare maestri in tre tappe: il talentuoso comincia da giovane promessa, vive da solito stronzo e alla fine diventa venerato maestro. Lo scrittore si è però dimenticato di dire che la parabola vale solo se si maschio. Se sei una donna è assai probabile che resterai solita stronza per sempre, specialmente se avevi i numeri per essere maestra sin da subito
OliviaOlivia added a quotation
Alberto Arbasino [...] scandì il percorso per diventare maestri in tre tappe: il talentuoso comincia da giovane promessa, vive da solito stronzo e alla fine diventa venerato maestro. Lo scrittore si è però dimenticato di dire che la parabola vale solo se si maschio. Se sei una donna è assai probabile che resterai solita stronza per sempre, specialmente se avevi i numeri per essere maestra sin da subito
Valeria GrassiValeria Grassi added a quotation
Grace [Jones, ndr] nel documentario grida, salta, strepita, fa tutto “ fortissimo” e rivendica questa forza. “Se sei un uomo forte, sei un professionista. Se sei una donna forte, sei una stronza”.
Valeria GrassiValeria Grassi added a quotation
Grace [Jones, ndr] nel documentario grida, salta, strepita, fa tutto “ fortissimo” e rivendica questa forza. “Se sei un uomo forte, sei un professionista. Se sei una donna forte, sei una stronza”.