Non guardare indietro
by Jessica Barry
(*)(*)(*)( )( )(4)
Mezzanotte. Cait Monaghan e Rebecca McRae si trovano in macchina su una strada desolata che attraversa il deserto del Nuovo Messico. Non si sono mai incontrate prima. Il lavoro di Cait consiste nel portare al sicuro donne in fuga senza mai fare domande. Come la maggior parte di loro, Rebecca sta cercando di scappare da qualcosa. C'è una ragione per cui Cait sceglie di aiutare delle sconosciute: anche lei ha un passato e sa cosa vuol dire essere inseguite. Entrambe hanno segreti da proteggere e le vite di entrambe sono in pericolo. Quando un camion arriva ad alta velocità alle loro spalle, in un primo momento le due donne pensano si tratti di qualche autista arrabbiato, ma capiscono in fretta che chiunque sia alla guida sta dando loro la caccia. Mentre aumentano i chilometri che si lasciano alle spalle e i pericoli che devono affrontare, il passato tenuto così faticosamente nascosto torna a perseguitarle. Qualcuno vuole morta una di loro, ma quale delle due? E quel qualcuno, considerata la vita che ciascuna di loro ha condotto, potrebbe essere chiunque. Se Cait e Rebecca vogliono sopravvivere, devono imparare a fidarsi l'una dell'altra e di se stesse. Ma la fiducia ha un costo, ed entrambe hanno già pagato un prezzo molto alto.

PIER BO's Review

PIER BOPIER BO wrote a review
(*)(*)( )( )( )
A Mondadori ultimamente piace raschiare il fondo del barile che non so a così porti. Un femminismo inutile. Controproducente per ogni grande scrittrice. Secondo libro sullo stessa tema (primo lasciato su una panchina, non ricordo titolo ma recente) di scrittrice che dovrebbe sollevare questioni morali. Qui di morale c’è solo il mio stoicismo ad arrivare al finale. Anche causa mal di denti e antidolorifico. Trama non recente (The Hitcher, il film, fu girato nel 1986), magari qualcuno ha dimenticato (non si sa mai), sviluppo peggiore. Amen. Altra panchina. Scemo io.💁🏻‍♂️
Due stelle per (immagino) fatica dell’editor.
PIER BOPIER BO wrote a review
(*)(*)( )( )( )
A Mondadori ultimamente piace raschiare il fondo del barile che non so a così porti. Un femminismo inutile. Controproducente per ogni grande scrittrice. Secondo libro sullo stessa tema (primo lasciato su una panchina, non ricordo titolo ma recente) di scrittrice che dovrebbe sollevare questioni morali. Qui di morale c’è solo il mio stoicismo ad arrivare al finale. Anche causa mal di denti e antidolorifico. Trama non recente (The Hitcher, il film, fu girato nel 1986), magari qualcuno ha dimenticato (non si sa mai), sviluppo peggiore. Amen. Altra panchina. Scemo io.💁🏻‍♂️
Due stelle per (immagino) fatica dell’editor.

Comments

In questi giorni, ho in comune con lei il mal di denti. Bellissimo "il fondo del badile" che mi ha strappato una risata nonostante la guancia gonfia.
In questi giorni, ho in comune con lei il mal di denti. Bellissimo "il fondo del badile" che mi ha strappato una risata nonostante la guancia gonfia.
Volevo dire barile, ma badile ci stava bene comunque.🤟🏻
Volevo dire barile, ma badile ci stava bene comunque.🤟🏻