Numero undici
by Jonathan Coe
(*)(*)(*)(*)( )(549)
L'undicesimo romanzo di Jonathan Coe è una storia dei nostri tempi: dal suicidio di David Kelly, lo scienziato britannico che aveva rivelato le bugie sulla guerra in Iraq, agli anni austeri della Gran Bretagna che conosciamo oggi. È un romanzo su quell'infinità di piccole connessioni tra la sfera pubblica e quella privata, e su come queste connessioni finiscano per toccarci, tutti. È un romanzo sui lasciti della guerra e sulla fine dell'innocenza. È un romanzo su come spettacolo e politica si disputino la nostra attenzione, e su come alla fine probabilmente è lo spettacolo ad avere la meglio. È un romanzo su come 140 caratteri possono fare di tutti noi degli zimbelli. È un romanzo su cosa significhi vivere in una città dove i banchieri hanno bisogno di cinema nelle loro cantine e altri di banche del cibo all'angolo della strada. È un romanzo in cui Coe sfodera tutta la sua ingegnosità, il suo acuto senso della satira e la sua capacità di osservazione per mostrarci, come in uno specchio, il nuovo, assurdo e inquietante mondo in cui viviamo.

All Notes

4
MagratheaMagrathea added a note
image
THE BEST SHOW THAT NOBODY WATCHED Se non siete sufficientemente maniaci del genere "tech" e appassionati da ricordarvi i nomi dei più famosi processori informatici, delle capacità di calcolo, dei pochi Mbyte che occorrevano alle ram o degli schermi che restituivano al massimo caratteri e linee di codice, questa roba non fa per voi. Ma se invece vi si sono rizzate le antenne e siete stati sommersi da un fiume di ricordi malinconici ed avete preso ad enumerare, parlando da soli, i nomi e i numeri di serie dei personal computer che si affacciavano appena nel panorama casalingo, questa serie non vi deluderà. La prima stagione è la più bella e nostalgica perché ti catapulta nell'aria pionieristica che si respirava al tempo. E' fatta talmente bene e girata con una cura particolare che sembra un prodotto dell'epoca. I personaggi sono accurati e caratterialmente complessi, l'informatica è il loro pane quotidiano, ma sono anche coppie, famiglie, dinamiche padre-figlio, la figura della donna nell'ambiente informatico e tanto altro. Quattro stagioni, si parte dai primi anni '80 per giungere agli Internet provider, i browser e i primordi di Google. Un viaggio affascinante e poetico, fatto di passione più che di business per giungere oggi all'esatto capovolgimento: un business che frammenta i (bi)sogni per assicurarsi la più lunga catena possibile di acquirenti.
MagratheaMagrathea added a note
image
THE BEST SHOW THAT NOBODY WATCHED Se non siete sufficientemente maniaci del genere "tech" e appassionati da ricordarvi i nomi dei più famosi processori informatici, delle capacità di calcolo, dei pochi Mbyte che occorrevano alle ram o degli schermi che restituivano al massimo caratteri e linee di codice, questa roba non fa per voi. Ma se invece vi si sono rizzate le antenne e siete stati sommersi da un fiume di ricordi malinconici ed avete preso ad enumerare, parlando da soli, i nomi e i numeri di serie dei personal computer che si affacciavano appena nel panorama casalingo, questa serie non vi deluderà. La prima stagione è la più bella e nostalgica perché ti catapulta nell'aria pionieristica che si respirava al tempo. E' fatta talmente bene e girata con una cura particolare che sembra un prodotto dell'epoca. I personaggi sono accurati e caratterialmente complessi, l'informatica è il loro pane quotidiano, ma sono anche coppie, famiglie, dinamiche padre-figlio, la figura della donna nell'ambiente informatico e tanto altro. Quattro stagioni, si parte dai primi anni '80 per giungere agli Internet provider, i browser e i primordi di Google. Un viaggio affascinante e poetico, fatto di passione più che di business per giungere oggi all'esatto capovolgimento: un business che frammenta i (bi)sogni per assicurarsi la più lunga catena possibile di acquirenti.
Sabrina CiceriSabrina Ciceri added a note
Una conferma: Coe racconta sempre in maniera puntuale la nostra epoca
Sabrina CiceriSabrina Ciceri added a note
Una conferma: Coe racconta sempre in maniera puntuale la nostra epoca
Chiara WhiteChiara White added a note
Chiara WhiteChiara White added a note
Kleine LoKleine Lo added a note
image
Kleine LoKleine Lo added a note
image