All Reviews

13 + 1 in other languages
MatteomozzMatteomozz wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Un libro che tutti dovrebbero leggere per una corretta informazione sugli OGM
Sebbene sia il primo scritto da Bressanini, l'ho letto per ultimo senza pentirmene. Qui l'argomento principale sono gli OGM (molte cose ritorneranno nei libri successivi), di cui, lo ammetto, qualche anno fa avevo un forte pregiudizio negativo, nato probabilmente per mancanza di informazione e per la disinformazione attuata dai media. Ebbene, questo libro spiega proprio nel dettaglio come si fa a produrlo (dopo una piccola lezione di biologia introduttiva), qual è la legislazione che li regola, quali sono i più diffusi ed infine smaschera tutte le leggende che si sono create. Tutto questo corredato da esempi concreti, uno tra tanti la papaya delle Hawaii, che mi ha molto colpito. Non è molto lungo, né troppo tecnico, però è abbastanza approfondito per cominciare ad avere un'idea diversa e a quantificare in termini di produzione/diffusione il vasto ma ancora poco sfruttato mondo degli OGM. N.B. E' uscito nel 2009, quindi i dati statistici devono essere rivalutati
Dulina25Dulina25 wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Molto interessante la prima parte, nella quale si spiega cosa siano gli OGM, quali "alimenti" siano considerati OGM dal punto di vista legislativo e le diverse posizioni politiche. Permette di farsi un'idea davanti a dei dati oggettivi. Secondo me, però, andando avanti ci sono troppi dati statistici che fanno perdere di vista il vero scopo del libro rendendo la lettura più difficile.
Centauro666Centauro666 wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
LASCIA FORTI DUBBI.....
SARA' VERO O NON SARA' VERO? LIBRO ESSENZIALE...PICCOLO....A VOLTE DI DIFFICILE COMPRENSIONE PER VIA DEI DATI ALTAMENTE SCIENTIFICI E TECNICI....MA IN CONCLUSIONE ILLUMINANTE E PIACEVOLE PER CHI FOSSE INTERESSATO ALL'ARGOMENTO ( IN TEORIA DOVREMMO ESSERLO TUTTI PER ESSERE CONSAPEVOLI DI CIO' CHE MANGIAMO...MA PURTROPPO NON E' COSI!!!)...CMQ LASCIA DEI FORTI DUBBI RIGUARDO QUESTI ''FAMIGERATI OGM''....SARANNO BUONI O CATTIVI??....CHI VIVRA' VEDRA'.... :D
FarfintadiessereSani?FarfintadiessereSani? wrote a review
Ho seguito al Festival di Mantova la lezione di Bressanini, chiara e abbastanza corretta. In alcuni momenti ho colto alcune sbavature pro multinazionali. Mi riprometto di definire il mio giudizio dopo la lettura del libro.
makomaimakomai wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Dall’introduzione (il corsivo e’ mio): In questo libro non parleremo di ipotesi futuristiche ma ci concentreremo sul presente, analizzando gli effetti di questa rivoluzione biotecnologica che sono visibili gia’ oggi, perche’ gli OGM fanno ormai parte della nostra catena alimentare. Oltre a spiegare come si possono creare piante geneticamente modificate, vedremo quali piante sono state prodotte sinora, dove sono state coltivate, perche’ sono state adottate e se qualcuno, alla fine, ci ha guadagnato o ci ha perso. Vorremmo insomma chiarire in questo libro che cosa sia realmente oggi l’agricoltura OGM. Cercheremo di farlo con un linguaggio semplice ma curando al tempo stesso la correttezza e il rigore scientifico, diversamente da quanto spesso accade (per necessita’ di concisione o per disinformazione bella e buona) nelle notizie “urlate” dai mezzi di comunicazione di massa. Raggiungeremo l’obiettivo se questa lettura vi aiutera’, quando sentirete parlare di OGM, a distinguere i dati di fatto dalle leggende infondate che – come vedremo – in questo settore non mancano certo. Il libro tiene perfettamente fede alle premesse (e ad un piano di lavoro correttamente presentato), il che non e’ poca cosa, perlomeno nel panorama dell’editoria scientifico-divulgativa italiana. Peccato per alcune approssimazioni, dovute certamente all’intento di semplificare. Anche semplificando, personalmente non avrei saltato a pie’ pari il ruolo dell’RNA o della struttura combinatoria delle basi azotate, ad esempio (il che comporta una certa ambiguita' nell'uso del termine “codice genetico”). Il rapporto tra gene e fenotipo e le interazioni tra geni sono poco approfonditi ed in generale la trattazione e’ un po’ troppo “straight to the point”, ma cio’ non inficia il valore didattico del libro, a mio parere. L’Autore, infatti, non vuole proporre un testo di genetica (per quanto divulgativo), ma fornire argomenti ragionati e ragionevoli per valutare obiettivamente ed in modo equilibrato la vexata quaestio degli OGM. Scopo perfettamente conseguito, a mio avviso. Divagazioni: Michele Lessona, evoluzionista della prima ora e primo traduttore dei testi di Darwin in italiano, descrisse (Naturalisti italiani, Roma, Sommaruga, 1884) le reazioni della pubblica opinione alle prime conferenze darwiniste nel nostro Paese, che scatenarono la furia di “quella enorme parte del pubblico che dice perche’ sente dire, grida perche’ sente gridare, urla perche’ sente urlare” (riportato in: B. Chiarelli, Dalla natura alla cultura, principi di antropologia biologica e culturale, Padova, Piccin Nuova Libraria, 2003). Non molto e’ cambiato da allora: ancora oggi vi e’ un’enorme parte della pubblica opinione che segue chi grida piu’ forte e ne amplifica le sciocchezze. Il rigore e’ sempre piu’ - come diceva Bierce – una qualita’ rigorosamente esclusa dalle asserzioni umane. L’approfondimento, lo sforzo (minore, in quest’epoca di internet) di verificare quanto viene riportato, la selezione delle fonti (piu’ difficile in quest’epoca di internet), il semplice buon senso sembrano non aver piu’ patria ne’ diritto di cittadinanza, allorche’ il crisma della verita’ non viene dispensato dalla ragione, ma da media sempre piu’ superficiali e disattenti – se non volutamente faziosi. L’Italiano (ma non solo questi) sembra insomma frequentare con piacere i luoghi comuni. Peccato che questi luoghi comuni si rivelino spesso non solo falsi, ma talmente fuorvianti da rendere il “dibattito culturale” una piazza di mercato, con tanto di imbonitori e allocchi. Caveat emptor! Esempio eclatante la leggenda del c.d. “gene terminator” (in realta’ una tecnologia mai utilizzata), che rende sterili i vegetali nel cui DNA viene inserito. L’allarme lanciato fu che l’uso di tale biotecnologia poteva rischiare di contaminare altre specie ed in prospettiva rendere sterile l’intero regno vegetale. Peccato che una pianta sterile non possa – per definizione – propagare i propri geni… (pagina 73). Libri del genere ridanno fiducia, anche se – come e’ stato giustamente sottolineato in un’altra recensione – ci si domanda chi li legge. Probabilmente solo chi non ne avrebbe bisogno…
sarassaras wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
di Dario Bressanini
Si può essere favorevoli o contrari agli OGM, l'importante è basare le proprie idee su dati e fatti reali. Questo piccolo volume costituisce un'ottima base di partenza, fornisce gli strumenti da cui poter sviluppare un ragionamento senza dogmatismi od inutili allarmismi. Consigliato il libro e la collana di cui fa parte.
MartinMartin wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Anche se affronta gli argomenti in modo non troppo approfondito (è anche lo scopo della collana "Chiavi di lettura" di Zanichelli) questo libro rappresenta una panoramica seria e onesta sulla questione OGM, al di là dei facili allarmismi e dei facili entusiasmi. Consigliatissimo a chi vuole farsi un'idea degli OGM senza avvicinarsi a questo argomento con idee preconcette.
marcocagnottimarcocagnotti wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Agile, veloce, completo e di una chiarezza cristallina. Una boccata di razionalità in una polemica dominata dai pregiudizi ideologici.
Account deletedAnonymous wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
E bravo Dario
Scritto con lo stile agile di cui Dario da prova nel blog, è scorrevole e preciso. Finalmente un testo informativo non smaccatamente di parte (una o l'altra non ha importanza), e che aiuta a farsi un'idea più precisa su un fenomeno che, volenti o nolenti, ormai riguarda proprio tutti. Peccato solo sia così breve!
EquAzioniEquAzioni wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Dettagliato ma non accademico. Utilissimo per saperne di più e sfatare tanti (falsi) miti. Ogni tanto è giusto ascoltare l'altra campana...