Per questo mi chiamo Giovanni
by Luigi Garlando
(*)(*)(*)(*)(*)(1,020)
Giovanni è un bambino di Palermo. Per il suo decimo compleanno il papà gli regala una gita attraverso la città per spiegargli come mai, tra tutti i nomi possibili, per lui è stato scelto proprio Giovanni. Tappa dopo tappa, nel racconto prendono vita i momenti chiave della storia di Giovanni Falcone, il suo impegno, le vittorie e le sconfitte, l'epilogo. Giovanni scopre che il papà non parla di cose astratte: la mafia c'è anche a scuola, la mafia è una nemica da combattere subito, senza aspettare di diventare grandi. Con la prefazione di Maria Falcone e un'intervista all'autore.

All Quotations

11 + 2 in other languages
GreenMoodGreenMood added a quotation
Letto in un giorno!!!!
GreenMoodGreenMood added a quotation
Letto in un giorno!!!!
Jewel69Jewel69 added a quotation
"La giustizia è stata sconfitta". Ma una battaglia persa spesso aiuta a vincere quella successiva.
Jewel69Jewel69 added a quotation
"La giustizia è stata sconfitta". Ma una battaglia persa spesso aiuta a vincere quella successiva.
Jewel69Jewel69 added a quotation
"Giovanni è venuto al mondo coi pugni chiusi come un pugile e gli è entrato dalla finestra il simbolo della pace. Questa è la cosa strana, papà." "Non è strano. La pace non arriva mai in volo per conto suo, bisogna sempre conquistarla e difenderla, a volte anche con la forza."
Jewel69Jewel69 added a quotation
"Giovanni è venuto al mondo coi pugni chiusi come un pugile e gli è entrato dalla finestra il simbolo della pace. Questa è la cosa strana, papà." "Non è strano. La pace non arriva mai in volo per conto suo, bisogna sempre conquistarla e difenderla, a volte anche con la forza."
arcobalenoarcobaleno added a quotation
Ezio: «Io ho due figli di quindici e diciotto anni e ho un disperato bisogno di credere in un mondo migliore». [...] E leggi questo di Emilio: «Vogliamo sperare ancora...»
arcobalenoarcobaleno added a quotation
Ezio: «Io ho due figli di quindici e diciotto anni e ho un disperato bisogno di credere in un mondo migliore». [...] E leggi questo di Emilio: «Vogliamo sperare ancora...»
arcobalenoarcobaleno added a quotation
Spesso da lontano si vedono meglio le cose e si prende meglio la mira.
arcobalenoarcobaleno added a quotation
Spesso da lontano si vedono meglio le cose e si prende meglio la mira.
arcobalenoarcobaleno added a quotation
Viviamo in una terra abituata alla mafia da così tanto tempo che quasi non la sentiamo più come un'ingiustizia.
arcobalenoarcobaleno added a quotation
Viviamo in una terra abituata alla mafia da così tanto tempo che quasi non la sentiamo più come un'ingiustizia.
arcobalenoarcobaleno added a quotation
Il silenzio è sempre stato il grande muro che ha protetto il mostro.
arcobalenoarcobaleno added a quotation
Il silenzio è sempre stato il grande muro che ha protetto il mostro.
IsaironIsairon added a quotation
"Chi arriva a Palermo deve saperlo subito: questa non è la città della mafia, questa è la città di Giovanni e di Paolo."
IsaironIsairon added a quotation
"Chi arriva a Palermo deve saperlo subito: questa non è la città della mafia, questa è la città di Giovanni e di Paolo."
IsaironIsairon added a quotation
"...mamma stava bene, tu anche e io ti avevo preso in braccio per la prima volta. Ero l'uomo più felice del mondo nel giorno più brutto per Palermo, che aveva perso il suo uomo migliore. Quell'uomo era morto anche per me, per difendere i miei negozi, la mia casa, la mia città. Per lottare contro il mostro al posto mio aveva rinunciato ad avere un figlio, cioè alla gioia più grande che si possa provare sulla terra. Nessuno meglio di me quel sabato di maggio poteva capire i suoi sacrifici." "Per questo, papà, io mi chiamo Giovanni?" "Si. Per questo ti chiami Giovanni."
IsaironIsairon added a quotation
"...mamma stava bene, tu anche e io ti avevo preso in braccio per la prima volta. Ero l'uomo più felice del mondo nel giorno più brutto per Palermo, che aveva perso il suo uomo migliore. Quell'uomo era morto anche per me, per difendere i miei negozi, la mia casa, la mia città. Per lottare contro il mostro al posto mio aveva rinunciato ad avere un figlio, cioè alla gioia più grande che si possa provare sulla terra. Nessuno meglio di me quel sabato di maggio poteva capire i suoi sacrifici." "Per questo, papà, io mi chiamo Giovanni?" "Si. Per questo ti chiami Giovanni."
IsaironIsairon added a quotation
Il silenzio è sempre stato il grande muro che ha protetto il mostro.
IsaironIsairon added a quotation
Il silenzio è sempre stato il grande muro che ha protetto il mostro.