Queenie
by Candice Carty-Williams
(*)(*)(*)(*)( )(39)
Travolgente, tenera e un pizzico amara, "Queenie" è la commedia inglese più cool del momento. Queenie è l'unica ragazza di colore in un giornale londinese zeppo di gente con la puzza sotto il naso. Così, quando il fidanzato bianco la scarica in malo modo, la sua autostima già precaria tracolla del tutto. Per capire che senso dare alla propria vita, dovrà infilarsi in una sfilza di guai e in una relazione più sballata dell'altra. Ma alla fine, tra gruppi WhatsApp di sole donne, liste di irrealizzabili buoni propositi e illuminanti sedute di psicanalisi, persino lei, incasinatissima, esuberante e irresistibile, riuscirà a farcela. Libro dell'anno e debutto dell'anno ai British Book Awards, finalista al Women's Prize For Fiction e al Costa First Novel Award. «Freschissimo, autentico, Queenie è davvero speciale». (Jojo Moyes)

Lore's Review

LoreLore wrote a review
(*)(*)(*)( )( )

Leggendo le recensioni ho l’impressione che sia un libro un po’ sopravvalutato. Non che non sia un libro piacevole, una piacevole lettura, ma credo che sia un libro come tanti, che racconta vicende vissute da tutti prima o poi; non ci trovo tutta quella originalità per gridare al miracolo.

Trovo poi un po’ di “superficialità” rispetto al raccontare di queste storie in cui si infila Queenie, che sembra normalizzare questo andare da un uomo all’altro, subendo atti violenti nella sfera sessuale, giustificandoli talvolta, e comunque non attribuendogli la gravità che invece hanno. Forse non l’ho capito io fino in fondo. Mi ha lasciata complessivamente un po’ perplessa. 

LoreLore wrote a review
(*)(*)(*)( )( )

Leggendo le recensioni ho l’impressione che sia un libro un po’ sopravvalutato. Non che non sia un libro piacevole, una piacevole lettura, ma credo che sia un libro come tanti, che racconta vicende vissute da tutti prima o poi; non ci trovo tutta quella originalità per gridare al miracolo.

Trovo poi un po’ di “superficialità” rispetto al raccontare di queste storie in cui si infila Queenie, che sembra normalizzare questo andare da un uomo all’altro, subendo atti violenti nella sfera sessuale, giustificandoli talvolta, e comunque non attribuendogli la gravità che invece hanno. Forse non l’ho capito io fino in fondo. Mi ha lasciata complessivamente un po’ perplessa.