Regina rossa
by Juan Gómez-Jurado
(*)(*)(*)(*)( )(157)
Antonia Scott è speciale. Molto speciale. Non è una poliziotta né una criminologa. Non ha mai impugnato un'arma né portato un distintivo. Eppure ha risolto dozzine di casi. Ma è da tempo che non esce dalla sua soffitta a Lavapiés. Dotata di un'intelligenza straordinaria, è stanca di vivere: ciò che ha perso contava molto più di ciò che l'aspetta là fuori. Jon Gutiérrez, quarantatré anni, omosessuale, ispettore di polizia a Bilbao, è nei guai: su Internet circola un video in cui, nell'intento di aiutare una giovane prostituta, introduce nell'auto del suo protettore una dose di eroina sufficiente a mandarlo dritto in prigione. A farli conoscere è Mentor, la misteriosa figura a capo dell'unità spagnola di Regina Rossa: un programma segreto volto alla cattura di criminali di alto profilo in Europa. Così, loro malgrado, Antonia e Jon si trovano a collaborare a un caso spinoso: il cadavere di Álvaro Trueba, il figlio della presidentessa della banca più grande d'Europa, è stato ritrovato in una villa immacolata con un calice pieno di sangue in mano. La stessa notte, anche Carla Ortiz, figlia di uno dei più ricchi imprenditori del mondo, è scomparsa. Entrambe le famiglie hanno ricevuto una telefonata da un uomo che dice di chiamarsi Ezequiel, ma non vogliono rivelare i dettagli della conversazione avuta con lui: evidentemente, ci sono dei segreti così grandi da non poter essere sacrificati nemmeno in nome di un figlio. Chi è Ezequiel? Si tratta di uno psicopatico o dietro c'è qualcosa di più? Per Antonia e Jon scatta così una disperata corsa contro il tempo, tra false piste, pestate di piedi e trappole mortali, attraverso i meandri più oscuri di Madrid.

All Reviews

27
Cenerino55Cenerino55 wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Psyco thriller ben fatto
Mi è piaciuto per la trama, la delineazione dei personaggi e per il ritmo che è davvero coinvolgente. La protagonista ha un che di magico , ma non è un dono divino bensì una intelligenza fuori dal comune. Da seguire
Lady AileenLady Aileen wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Regina rossa è il primo volume di una trilogia thriller che ha per protagonisti: Antonia Scott, una donna con un’intelligenza straordinaria che lavora a un progetto segreto chiamato Regina Rosa, un’unità che risolve casi di alto profilo in Europa e Jon Gutiérrez, omossessuale e ispettore di polizia di Bilbao sospeso dal servizio perché beccato a introdurre della droga nell’auto di un malvivente per incastrarlo. A farli conoscere è Mentor, capo del progetto Regina Rossa. Questo romanzo è stato super acclamato in Spagna e anche se apprezzabile, ho letto decisamente di meglio. Le vicende sono raccontate attraverso vari punti di vista e purtroppo, questo spezza il ritmo. Quindi, se da una parte trovo interessante e coinvolgente il punto di vista di Antonia e Jon, d’altra parte trovo noioso e inutile quello della tatuatrice che racconta la sua vita sessuale o del giornalista che non sopporta Jon e vuole metterlo in difficoltà. A volte ci sono dettagli e vicende che non influenzano in alcun modo le indagini per cui potevano benissimo essere eliminati o riassunte.  Sicuramente è uno di quei thriller che intrattiene e ti spinge a voler arrivare alla fine per scoprire cosa succederà. Personalmente, mi sono piaciuti sia Antonia che Jon, una coppia davvero improbabile ma che mi è piaciuta. Ha sicuramente una trama articolata e intrigante con vari colpi di scena e qualche incongruenza (per esempio, come fa il figlio di Antonia a riconoscere la madre quando lei lo ha visto solo da lontano? O il sicario che non uccide mai in prima persona ma si prende improvvisamente la briga di fare un’eccezione per Antonia? O l’inspiegabile scoperta dell’identità della prima vittima?). Purtroppo, il romanzo nonostante risolva alcune questioni, presenta un finale sospeso nell’attesa del volume successivo. Leggerò il secondo volume? Se ci sarà l’audiobook, perché no. La voce narrante è stata brava.
PieraPiera wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
la regina rosssa
Finito di leggere in due giorni, all'inizio è un po' lento, poi ti prende e non lo molli più. Mi piace il personaggio di Antonia Scott.... già prenotato la Lupa Nera
NF404NF404 wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Buon thriller, ben combinata la coppia dei protagonisti, molto diversi tra loro ma complementari, tensione al punto giusto. Con finale (che l'autore stesso chiede di non spoilerare sui social) che introduce al prossimo libro e alla continuazione della frequentazione tra i due
NicolaNicola wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Una storia intricata......
Un buon romanzo, anche se il poliziotto buono Jon è preda dei consueti cliché, forse solo un po' più 'modernizzati'. Emerge invece la figura di Antonia, che parte in sordina ma alla fine, una volta compreso il suo perché, esce molto valorizzata. Possiamo dire che lo scrittore si sbatte molto per non raccontare la solita storia e ci riesce abbastanza, anche se bisogna armarsi di una buona dose di sospensione della realtà per poter digerire tutti gli avvenimenti che sempre più frequentemente ci si trova addosso. Non vi racconto come finisce perché l'autore si è raccomandato di non farlo nelle note finali del libro..... Una lettura la merita, tenendo duro nelle prime 100 - 150 pagine. Ora parto con Lupa nera perché un pochino Regina rossa mi ha inoculato il bisogno di continuare a stare con Jon e Antonia......
ScarabooksScarabooks wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Niente di che, ma non è da buttare, dai. È un po’ troppo da filmettino americano, con troppi colpi a effetto. Poi qua e là imbroglia, nel senso che spiazza il lettore dicendogli cose che gli aveva nascosto o dicendogli/facendogli credere cose che poi svela come false; e questo per i miei gusti è grave. Altro difetto è che la trama è troppo arzigogolata con troppe svolte e controsvolte, che ti lasciano una sensazione sgradevole di arbitrario. Però il soggetto è buono: una super polizia e una donna super intelligente alle prese con l’indignazione politicamente corretta che diventa orrore criminale. Il ritmo è bello teso e il montaggio cinematografico è studiato bene. Poi la scrittura, per essere un libro di genere è dignitosa o anche qualcosina di più. Ogni tanto leggere roba minore, oltre che a divertire e rilassare, serve anche a ri-tarare il metro di valutazione. Insomma un buon trestelle di genere ogni tanto ci sta bene (anche se un Faletti a scelta, di sicuro è meglio).
RosispriRosispri wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Non sono particolarmente appassionata di gialli,ma ogni tanto ne leggo qualcuno e ,se particolare come questo ,lo finisco in due giorni facendo le due di notte.quando pero’ lo chiudo mi domando sempre : ma non potevo usare tutte queste ore per leggere 400 pagine di grande letteratura?
echoesechoes wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Magnifico thriller che ti incolla alle pagine. Ritmo serratissimo, tanti punti di vista continuamente alternati e due personaggi indimenticabili.
SonialatSonialat wrote a review
(*)( )( )( )( )
ma neanche sotto l'ombrellone!
brutto trama senza senso, non coinvolge, non crea curiosità, non ti viene voglia di sapere "come andrà a finire. scritto male non riesce a trasmettere suspence e spesso non si comprendono neanche le dinamiche di ciò che sta accadendo. non ha un finale veramente sconsigliabile
BellatrixBellatrix wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Uffa.
Non un brutto giallo, MA sono un pò stanca di protagoniste femminili che non possono essere semplici donne, ma devono essere sempre qualcosa di più, come se dare una buona caratterizzazione ad un personaggio femminile non lo renda interessante abbastanza. E comunque se la protagonista deve essere la donna più intelligente del mondo che almeno non cada nei tranelli che noi donne dal QI banale abbiamo visto arrivare almeno 30 pagine prima.