Riaffiorano le terre inabissate
by M. John Harrison
(*)(*)(*)(*)( )(14)
Shaw è un uomo di circa cinquant’anni che si sta riprendendo dopo un esaurimento nervoso. Abita in una stanza in una pensione a Londra e una sera in un pub incontra Victoria, che ha da poco perso la madre e sta pensando di trasferirsi nelle Midlands e cambiare completamente la propria vita, con cui inizia una enigmatica relazione. Ma cos’è accaduto esattamente alla madre della donna? E perché nella vita di Shaw e Victoria si insinua, sempre di più, un vecchio libro vittoriano inglese di Charles Kingsley, I bambini acquatici, con i suoi bambini acquatici? Vincitore del Goldsmiths Prize 2020 e migliore libro inglese dell’anno per il “New Statesman”, Riaffiorano le terre inabissate, è il capolavoro di uno dei maggiori e più originali scrittori inglesi contemporanei.

All Reviews

1
Alice.npdmAlice.npdm wrote a review
(*)(*)( )( )( )
Dovessero riaffiorare, queste terre inabissate, potrei anche capirne la morfologia e azzardare qualche considerazione con l’ausilio della tettonica a placche. Invece mi trovo in una confusa dualità, tra la Londra acquatica e la brughiera inglese, a metà fra la nebbia in valpadana e le atmosfere lovecraftiane, tra un uomo incerto e una donna inconsapevole, incapaci (o cocciutamente egotici) di comunicarsi alcunché. Che fare? Li seguo in alternanza, mi impegno parecchio per capirne gli aneliti, mi industrio a penetrare le oscurità del linguaggio e le acrobazie alla Ionesco che fanno della narrazione un lontano omaggio a Edward Lear. La prendo così, con filosofia. Arranco fino alla fine e mi perdo nella bruma umidiccia. Mi staranno crescendo delle branchie?