Ricette semplici
by Madeleine Thien
(*)(*)(*)(*)( )(13)
Padri e madri, figli e sorelle, mogli e mariti, rapporti che si rinsaldano e più spesso si disgregano, in sette ricette tratteggiate con delicatezza per descrivere gli invalicabili confini che ci separano da coloro che amiamo. Ci sono due sorelle che aspettano invano davanti alla loro vecchia casa il ritorno della madre e una bambina che osserva ammaliata il padre officiare il rito della preparazione quotidiana del riso; una moglie che si ritrova a gestire il dolore del marito per la morte del suo grande amore e un uomo che dopo un'esistenza votata alla solitudine scopre le gioie e le difficoltà della vita di coppia; e poi viaggi attraverso le praterie canadesi, odore di mare d'inverno e neve che fiocca improvvisa su Vancouver, ponti sospesi e aquiloni sui laghi. Rammarico che si mescola a dolore, ricordi incuneati nel cuore, impossibili da lavare via, e la vita con i suoi minuscoli dettagli, quelli sfocati e quelli nitidi, che Madeleine Thien sa restituire con precisione chirurgica e commovente.

Maurizionappa's Review

MaurizionappaMaurizionappa wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Chi, come me, ha passato da (tanto) tempo l'età dell'adolescenza, ha imparato che, nei rapporti interpersonali, ci sono dei confini sottili che non è possibile superare. Eppure l'amore, sia esso filiale, coniugale, genitoriale, amicale, spinge a immedesimarsi talmente tanto nell'altra persona, che si vorrebbe essere sempre nella sua mente, nel suo cuore. E' questo che fa soffrire, e forse è questo il limite del sentimento che regola le nostre vite. L'autrice canadese, con i suoi racconti, ci parla proprio di questi confini sottili.
MaurizionappaMaurizionappa wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Chi, come me, ha passato da (tanto) tempo l'età dell'adolescenza, ha imparato che, nei rapporti interpersonali, ci sono dei confini sottili che non è possibile superare. Eppure l'amore, sia esso filiale, coniugale, genitoriale, amicale, spinge a immedesimarsi talmente tanto nell'altra persona, che si vorrebbe essere sempre nella sua mente, nel suo cuore. E' questo che fa soffrire, e forse è questo il limite del sentimento che regola le nostre vite. L'autrice canadese, con i suoi racconti, ci parla proprio di questi confini sottili.