Rosso Istanbul
by Ferzan Ozpetek
(*)(*)(*)(*)( )(655)
Tutto comincia una sera, quando un regista turco che vive a Roma decide di prendere un aereo per Istanbul, dov'è nato e cresciuto. L'improvviso ritorno a casa accende a uno a uno i ricordi: della madre, donna bellissima e malinconica; del padre, misteriosamente scomparso e altrettanto misteriosamente ricomparso dieci anni dopo; della nonna, raffinata "principessa ottomana"; delle "zie", amiche della madre, assetate di vita e di passioni; della fedele domestica Diamante. Del primo aquilone, del primo film, dei primi baci rubati. Del profumo di tigli e delle estati languide, che non finiscono mai, sul Mar di Marmara. E, ovviamente, del primo amore, proibito, struggente e perduto. Ma Istanbul sa cogliere ancora una volta il protagonista di sorpresa. E lo trattiene, anche se lui vorrebbe ripartire. Perché se il passato, talvolta, ritorna, il presente ha spesso il dono di afferrarci: basta un incontro, una telefonata, un graffito su un muro. I passi del regista si incrociano con quelli di una donna. Sono partiti insieme da Roma, sullo stesso aereo, seduti vicini. Non si conoscono. Non ancora. Lei è in viaggio di lavoro e di piacere, in compagnia del marito e di una coppia di giovani colleghi. Ma a Istanbul accadrà qualcosa che cambierà per sempre la sua vita. Tra caffè e hamam, amori irrisolti e tradimenti svelati, nostalgia e voluttà, i destini del regista e della donna inesorabilmente si sfiorano e, alla fine, convergono. Questo libro è una dichiarazione d'amore a una città, Istanbul.

All Quotations

24
Marcello_1979Marcello_1979 added a quotation
Un uomo che non riesce a far volare un aquilone, non riesce a a far felice una donna.
Marcello_1979Marcello_1979 added a quotation
Un uomo che non riesce a far volare un aquilone, non riesce a a far felice una donna.
Marcello_1979Marcello_1979 added a quotation
Si lasciamo mai le case dell'infanzia? Mai: rimangono sempre dentro di noi, anche quando non esistono più, anche quando vengono distrutte da ruspe e bulldozer...
Marcello_1979Marcello_1979 added a quotation
Si lasciamo mai le case dell'infanzia? Mai: rimangono sempre dentro di noi, anche quando non esistono più, anche quando vengono distrutte da ruspe e bulldozer...
Stefania Stefania added a quotation
Perché a volte non serve partire, fuggire. Il vero altrove, spesso, è dove già siamo, e possiamo trovarlo solo se abbiamo la forza di affrontarlo.
Stefania Stefania added a quotation
Perché a volte non serve partire, fuggire. Il vero altrove, spesso, è dove già siamo, e possiamo trovarlo solo se abbiamo la forza di affrontarlo.
LillytLillyt added a quotation
Amore. Che cosa ho imparato sull'amore? Quello che ho imparato sull'amore è che l'amore esiste. O forse, più semplicemente, quello che ho imparato e imparo sull'amore è quello che racconto nei miei film, in tutti i miei film. E cioè che non dimentichiamo mai le persone che abbiamo amato, perché rimangono sempre con noi; qualcosa le lega a noi in modo indissolubile, anche se non ci sono più.
LillytLillyt added a quotation
Amore. Che cosa ho imparato sull'amore? Quello che ho imparato sull'amore è che l'amore esiste. O forse, più semplicemente, quello che ho imparato e imparo sull'amore è quello che racconto nei miei film, in tutti i miei film. E cioè che non dimentichiamo mai le persone che abbiamo amato, perché rimangono sempre con noi; qualcosa le lega a noi in modo indissolubile, anche se non ci sono più.
LillytLillyt added a quotation
Ma adesso so che è questo il punto dell'amore: avere qualcuno che ti aspetta davanti la porta, la sera. Qualcuno che ti abbraccia. Qualcuno tra le cui braccia, anche se solo per un giorno e non per sempre, ti senti a casa
LillytLillyt added a quotation
Ma adesso so che è questo il punto dell'amore: avere qualcuno che ti aspetta davanti la porta, la sera. Qualcuno che ti abbraccia. Qualcuno tra le cui braccia, anche se solo per un giorno e non per sempre, ti senti a casa
Angela79martinAngela79martin added a quotation
"E quando trovi il coraggio di raccontarla, la tua storia, tutto cambia. Perché nel momento stesso in cui la vita si fa racconto, il buio si fa luce e la luce ti indica una strada. E adesso lo sai, il posto caldo, il posto al sud sei tu."
Angela79martinAngela79martin added a quotation
"E quando trovi il coraggio di raccontarla, la tua storia, tutto cambia. Perché nel momento stesso in cui la vita si fa racconto, il buio si fa luce e la luce ti indica una strada. E adesso lo sai, il posto caldo, il posto al sud sei tu."
MirandolinaMirandolina added a quotation
"Si lasciano mai le case dell'infanzia? Mai: rimangono sempre dentro di noi, anche quando non esistono più..." Ferzan Ozpetek ____
MirandolinaMirandolina added a quotation
"Si lasciano mai le case dell'infanzia? Mai: rimangono sempre dentro di noi, anche quando non esistono più..." Ferzan Ozpetek ____
stefinastefina added a quotation
"Lo sapevi che in Giappone , quando si riparano le ceramiche rotte, non si nasconde il danno ma lo si sottolinea, riempiendo d'oro le linee di frattura?" le chiede Gul distogliendola dai suoi pensieri. "PERCHE' CREDONO CHE QUANDO QUALCOSA HA SUBITO UN DANNO E HA UNA STORIA, DIVENTI PIU' BELLA"
stefinastefina added a quotation
"Lo sapevi che in Giappone , quando si riparano le ceramiche rotte, non si nasconde il danno ma lo si sottolinea, riempiendo d'oro le linee di frattura?" le chiede Gul distogliendola dai suoi pensieri. "PERCHE' CREDONO CHE QUANDO QUALCOSA HA SUBITO UN DANNO E HA UNA STORIA, DIVENTI PIU' BELLA"
CribrikimCribrikim added a quotation
Ho imparato che ci sono amori impossibili, amori incompiuti, amori che potevano essere e non sono stati. Ho imparato che è meglio una scia bruciante, anche se lascia una cicatrice: meglio l’incendio che un cuore d’inverno.
CribrikimCribrikim added a quotation
Ho imparato che ci sono amori impossibili, amori incompiuti, amori che potevano essere e non sono stati. Ho imparato che è meglio una scia bruciante, anche se lascia una cicatrice: meglio l’incendio che un cuore d’inverno.
Account deletedAnonymous added a quotation
«Fa scorrere il dito sul mappamondo di legno e pensa ai molti confini che non ha ancora attraversato»