Solo bagaglio a mano
by Gabriele Romagnoli
(*)(*)(*)(*)( )(105)
Non ingombrare, non essere ingombranti: è l'unica prospettiva che si possa contare fra quelle positive, efficaci, forse anche moralmente e politicamente buone. Gabriele Romagnoli ha avuto modo di pensarci in Corea, mentre era virtualmente morto, chiuso in una cassa di legno, grazie al rito-esperimento di una società che si chiama Korea Life Consulting. Nel silenzio claustrofobico di quella bara, con addosso solo una vestaglia senza tasche (perché, come si dice a Napoli, "l'ultimo vestito è senza tasche"), arrivano le storie, le riflessioni, i pensieri ossessivi che hanno a che fare con la moderazione. Il bagaglio a mano, per esempio. Un bagaglio che chiede l'indispensabile, e dunque, chiedendo di scegliere, mette in moto una critica del possibile. Un bagaglio che impone di selezionare un vestito multiuso, un accessorio funzionale, persino un colore non invadente. Il bagaglio del grande viaggiatore diventa metafora di un modello di esistenza che non teme la privazione del "senza", che vede nel "perdere" una forma di ricchezza, che sollecita l'affrancamento dai bisogni. Anche di fronte alle più torve minacce del mondo, la leggerezza di sapersi slegato dalla dipendenza tutta occidentale della "pesantezza" del corpo e da ciò che a essa si accompagna diventa un'ipotesi di salvezza, di sineddoche liberatrice.

Martalasanguinaria's Review

MartalasanguinariaMartalasanguinaria wrote a review
la banalità non occupa spazio?
un libro inconsistente, direi. si tratta di una congerie di piccoli fatti e curiosità, richiami alla cultura generale cinematografica et al. del secolo scorso, che suggeriscono il gusto per il copiare più che il citare. il testo, tanto leggero da pretendere d'essere guida per la vita, è un macigno di pedanteria da quattro soldi, il ritmo costante fino al sonno: un solo concetto, nemmeno originale o controintuitivo viene riproposto corredato da esempi a tratti contraddittori e in salsa 'giornalistica' (?), periodi brevi e culmini argomentativi in punto di domanda.
Snervante. No?

MartalasanguinariaMartalasanguinaria wrote a review
la banalità non occupa spazio?
un libro inconsistente, direi. si tratta di una congerie di piccoli fatti e curiosità, richiami alla cultura generale cinematografica et al. del secolo scorso, che suggeriscono il gusto per il copiare più che il citare. il testo, tanto leggero da pretendere d'essere guida per la vita, è un macigno di pedanteria da quattro soldi, il ritmo costante fino al sonno: un solo concetto, nemmeno originale o controintuitivo viene riproposto corredato da esempi a tratti contraddittori e in salsa 'giornalistica' (?), periodi brevi e culmini argomentativi in punto di domanda.
Snervante. No?