Stelle cadenti
by Terry Pratchett
(*)(*)(*)(*)( )(859)
Gli alchimisti di Mondo Disco, sfidando esplosioni, incendi e inquietanti incidenti di percorso, hanno finalmente messo a punto il "cinematografo". Da qui a inventare i pop corn, la pubblicità, i kolossal e ignobili mense per i lavoratori il passo è breve... Ma qual è l'oscuro segreto di Holy Wood? Quali misteriose forze circondano la sfavillante città dei sogni di octo-celluloide? Spetterà all'eterno studente, ora aspirante attore, Victor Tugelbend, alla bella e determinata Ginger e a Gaspode il Cane Prodigio scontrarsi con le terribili potenze che si stanno scatenando sopra la nascente città dello spettacolo... La penna arguta e irriverente di Terry Pratchett torna a colpire, scatenandosi in una divertente parodia del mondo del cinema, che diventa materia di satira pungente, divagazione delirante e grande comicità. Età di lettura: da 11 anni.

All Quotations

16 + 1 in other languages
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
«Oh, sì. Sì. Sì» mormorò Soll. «Che scena! Puro cinematografo!» «Un donna gigantesca che porta una scimmia urlante in alto su una torre» sospirò Dibbler. «E non dobbiamo neppure pagarle la giornata!»
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
«Oh, sì. Sì. Sì» mormorò Soll. «Che scena! Puro cinematografo!» «Un donna gigantesca che porta una scimmia urlante in alto su una torre» sospirò Dibbler. «E non dobbiamo neppure pagarle la giornata!»
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
«Barbe finte» suggerì trionfante il professo di Rune Recenti. «Dovremmo metterci delle barbe finte». Il Presidente alzò gli occhi al cielo. «Abbiamo già tutti la barba» disse. «Che razza di travestimento sarebbe una barba finta?» «Ah, ma è qui che sta il trucco» disse il Professore. «Nessuno penserà che una persona con una barba finta possa avere una barba vera sotto, non credi?»
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
«Barbe finte» suggerì trionfante il professo di Rune Recenti. «Dovremmo metterci delle barbe finte». Il Presidente alzò gli occhi al cielo. «Abbiamo già tutti la barba» disse. «Che razza di travestimento sarebbe una barba finta?» «Ah, ma è qui che sta il trucco» disse il Professore. «Nessuno penserà che una persona con una barba finta possa avere una barba vera sotto, non credi?»
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
Dentro ogni anziano c'è un giovane che si chiede che cosa gli è successo.
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
Dentro ogni anziano c'è un giovane che si chiede che cosa gli è successo.
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
«Quand'ero ragazzo superavo questo muro ogni notte» disse Poons risentito. Poi ridacchiò. «Eh, ne abbiamo fatte di birichinate ai quei tempi! Se avessi un penny, mmm, per ogni volta che la Vigilanza mi ha inseguito fino a casa» - le sue vetuste labbra si mossero freneticamente mentre calcolava - «avrei cinque penny e mezzo».
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
«Quand'ero ragazzo superavo questo muro ogni notte» disse Poons risentito. Poi ridacchiò. «Eh, ne abbiamo fatte di birichinate ai quei tempi! Se avessi un penny, mmm, per ogni volta che la Vigilanza mi ha inseguito fino a casa» - le sue vetuste labbra si mossero freneticamente mentre calcolava - «avrei cinque penny e mezzo».
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
La magia non era difficile. Quello era il grande segreto ce l'intero edificio barocco delle arti occulte aveva il compito di nascondere. Chiunque con un briciolo di intelligenza e sufficiente tenacia poteva fare magia, ed ecco perché i maghi mascheravano il tutto con i riti e con il business dei cappelli a punta. Il trucco era fare la magia e passarla liscia.
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
La magia non era difficile. Quello era il grande segreto ce l'intero edificio barocco delle arti occulte aveva il compito di nascondere. Chiunque con un briciolo di intelligenza e sufficiente tenacia poteva fare magia, ed ecco perché i maghi mascheravano il tutto con i riti e con il business dei cappelli a punta. Il trucco era fare la magia e passarla liscia.
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
Sul minuscolo palco, Ruby cantava malinconicamente qualcosa con una voce simile a una nave in mezzo a una fitta nebbia e a grossi guai. «GroooOOowwonnogghrhhooOOo...» [Sottotitolo: «Ancora una volta mi sto innamorando (lett.: provo la piacevole sensazione di essere colpita in testa con un sasso da Chondrodite, il dio troll dell'amore)». Nota: Chondrodite non va confuso con Gigalith, il dio troll che dà la saggezza ai troll colpendoli in testa con un sasso, né con Silicarous, il dio troll che porta fortuna ai troll colpendoli in testa con un sasso, o con l'eroe popolare Monolith, che per primo strappò agli dei il segreto dei sassi.]
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
Sul minuscolo palco, Ruby cantava malinconicamente qualcosa con una voce simile a una nave in mezzo a una fitta nebbia e a grossi guai. «GroooOOowwonnogghrhhooOOo...» [Sottotitolo: «Ancora una volta mi sto innamorando (lett.: provo la piacevole sensazione di essere colpita in testa con un sasso da Chondrodite, il dio troll dell'amore)». Nota: Chondrodite non va confuso con Gigalith, il dio troll che dà la saggezza ai troll colpendoli in testa con un sasso, né con Silicarous, il dio troll che porta fortuna ai troll colpendoli in testa con un sasso, o con l'eroe popolare Monolith, che per primo strappò agli dei il segreto dei sassi.]
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
Mi-Voglio-Rovinare-Dibbler era una di quelle rare persone capaci di pensare in linea retta. La maggior parte della gente pensa in curve e zigzag. Per esempio, iniziano con un pensiero come: chissà come posso fare a diventare molto ricco, e poi procedono lungo una via incerta, che comprende pensieri come: chissà che c'è per cena, e: chissà chi mi può prestare 5 dollari? Rovina, invece, era uno di quelli che riescono a identificare il pensiero all'altro capo del processo, in questo caso Ora sono molto ricco, tracciare una linea tra i due e percorrerla con calma e pazienza fino all'altra estremità. Non che funzionasse. Gli pareva che nel corso del processo ci fosse qualche problemino, piccolo ma cruciale. Generalmente si trattava di una strana riluttanza da parte degli altri a comprare quello che lui vendeva.
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
Mi-Voglio-Rovinare-Dibbler era una di quelle rare persone capaci di pensare in linea retta. La maggior parte della gente pensa in curve e zigzag. Per esempio, iniziano con un pensiero come: chissà come posso fare a diventare molto ricco, e poi procedono lungo una via incerta, che comprende pensieri come: chissà che c'è per cena, e: chissà chi mi può prestare 5 dollari? Rovina, invece, era uno di quelli che riescono a identificare il pensiero all'altro capo del processo, in questo caso Ora sono molto ricco, tracciare una linea tra i due e percorrerla con calma e pazienza fino all'altra estremità. Non che funzionasse. Gli pareva che nel corso del processo ci fosse qualche problemino, piccolo ma cruciale. Generalmente si trattava di una strana riluttanza da parte degli altri a comprare quello che lui vendeva.
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
Comunque, il Tesoriere aveva altri problemi. Gli alchimisti per dirne una. Non ti potevi fidare di loro. Troppo seriosi. Boom. Quella fu l'ultima. Passarono giorni interi senza alcuna esplosione. La città si rilassò, cosa molto stupida. Ciò che il Tesoriere non aveva considerato era che la fine delle esplosioni non voleva dire che avessero smesso, qualunque cosa stessero facendo. Voleva solo dire che la stavano facendo bene.
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
Comunque, il Tesoriere aveva altri problemi. Gli alchimisti per dirne una. Non ti potevi fidare di loro. Troppo seriosi. Boom. Quella fu l'ultima. Passarono giorni interi senza alcuna esplosione. La città si rilassò, cosa molto stupida. Ciò che il Tesoriere non aveva considerato era che la fine delle esplosioni non voleva dire che avessero smesso, qualunque cosa stessero facendo. Voleva solo dire che la stavano facendo bene.
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
«Il tipo giusto» avevano detto tutti. «Un colpo di spugna. Una scopa nuova. Un mago di campagna. Un ritorno alle radici della stregoneria. Un vecchio allegro con la pipa e gli occhi che brillano. Il tipo che riconosce le erbe, che vaga-per-la-foresta-e-tutti-gli-animali-sono-suoi-fratelli, roba così. Dorme sotto le stelle come se niente fosse. E non mi stupirei se capisse cosa dice il vento. E ci puoi scommettere che sa i nomi di tutti gli alberi. E che parla anche con gli uccelli.» Era stato inviato un messaggero. Ridcully il Bruno aveva sospirato, sacramentato un po', trovato il suo bastone magico nell'orto, dove reggeva uno spaventapasseri, ed era partito. «E se ci fossero problemi» avevano aggiunto i maghi nella privacy della loro mente, «non dovrebbe essere difficile liberarsi di uno che parla con gli alberi». Quando era arrivato, avevano scoperto che in effetti Ridcully il Bruno parlava con gli uccelli. Più esattamente gli urlava contro cose del tipo: «Vi venisse un colpo, maledetti bastardi!»
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
«Il tipo giusto» avevano detto tutti. «Un colpo di spugna. Una scopa nuova. Un mago di campagna. Un ritorno alle radici della stregoneria. Un vecchio allegro con la pipa e gli occhi che brillano. Il tipo che riconosce le erbe, che vaga-per-la-foresta-e-tutti-gli-animali-sono-suoi-fratelli, roba così. Dorme sotto le stelle come se niente fosse. E non mi stupirei se capisse cosa dice il vento. E ci puoi scommettere che sa i nomi di tutti gli alberi. E che parla anche con gli uccelli.» Era stato inviato un messaggero. Ridcully il Bruno aveva sospirato, sacramentato un po', trovato il suo bastone magico nell'orto, dove reggeva uno spaventapasseri, ed era partito. «E se ci fossero problemi» avevano aggiunto i maghi nella privacy della loro mente, «non dovrebbe essere difficile liberarsi di uno che parla con gli alberi». Quando era arrivato, avevano scoperto che in effetti Ridcully il Bruno parlava con gli uccelli. Più esattamente gli urlava contro cose del tipo: «Vi venisse un colpo, maledetti bastardi!»
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
Ogni tanto, un governo cittadino costruisce delle mura attorno ad Ankh-Morpock, con la pretesa di tenere lontani i nemici. Ma Ankh-Morpock non teme i nemici. In effetti li accoglie a braccia aperte, purché abbiano soldi da spendere. In effetti la celebre pubblicazione Benvenuti ad Ankh-Morpock, Città dalle Mille Sorprese, a cura della Gilda dei Mercanti, ora ha un'intera sezione intitolata 'Sei Tu un Barbaro Invasore?', che contiene informazioni sulla vita notturna, sulle pittoresche contrattazioni del bazaar, e nel paragrafo 'O dov'è che si va stasera?' un elenco di ristoranti che offrono un buon latte di cavalla e budino di yak. Più di un vandalo dall'elmo puntuto è tornato nella sua gelida tenda chiedendosi come mai gli sembrava di essere parecchio più povero e di possedere, chissà perché, un tappeto tessuto male, un litro di vino imbevibile e un asinello viola di peluche in un cappello di paglia. (pag. 12)
Benguitar90Benguitar90 added a quotation
Ogni tanto, un governo cittadino costruisce delle mura attorno ad Ankh-Morpock, con la pretesa di tenere lontani i nemici. Ma Ankh-Morpock non teme i nemici. In effetti li accoglie a braccia aperte, purché abbiano soldi da spendere. In effetti la celebre pubblicazione Benvenuti ad Ankh-Morpock, Città dalle Mille Sorprese, a cura della Gilda dei Mercanti, ora ha un'intera sezione intitolata 'Sei Tu un Barbaro Invasore?', che contiene informazioni sulla vita notturna, sulle pittoresche contrattazioni del bazaar, e nel paragrafo 'O dov'è che si va stasera?' un elenco di ristoranti che offrono un buon latte di cavalla e budino di yak. Più di un vandalo dall'elmo puntuto è tornato nella sua gelida tenda chiedendosi come mai gli sembrava di essere parecchio più povero e di possedere, chissà perché, un tappeto tessuto male, un litro di vino imbevibile e un asinello viola di peluche in un cappello di paglia. (pag. 12)