Stelle cadenti
by Terry Pratchett
(*)(*)(*)(*)( )(859)
Gli alchimisti di Mondo Disco, sfidando esplosioni, incendi e inquietanti incidenti di percorso, hanno finalmente messo a punto il "cinematografo". Da qui a inventare i pop corn, la pubblicità, i kolossal e ignobili mense per i lavoratori il passo è breve... Ma qual è l'oscuro segreto di Holy Wood? Quali misteriose forze circondano la sfavillante città dei sogni di octo-celluloide? Spetterà all'eterno studente, ora aspirante attore, Victor Tugelbend, alla bella e determinata Ginger e a Gaspode il Cane Prodigio scontrarsi con le terribili potenze che si stanno scatenando sopra la nascente città dello spettacolo... La penna arguta e irriverente di Terry Pratchett torna a colpire, scatenandosi in una divertente parodia del mondo del cinema, che diventa materia di satira pungente, divagazione delirante e grande comicità. Età di lettura: da 11 anni.

All Reviews

79 + 18 in other languages
GiuseppeGuarinoBNGiuseppeGuarinoBN wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Tutta una grande allegoria parodistica
Questo è il primo libro di Terry Pratchett che leggo, quello con cui ho deciso di cominciare a colmare la mia lacuna. La storia di Holy Wood è tutta una grande allegoria parodistica del mondo cinematografico, con tanto di animali parlanti che scimmiottano personaggi come Paperino, Bugs Bunny, Gatto Silvestro e Jerry il topolino. Romanzo godibilissimo ovviamente, che si perde un po' poco prima della fine.
miss Helenamiss Helena wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Not the most brilliantly written of Pratchett's novels... But still, the best allegory of Hollywood and the myth of fame I've ever encountered... and a very profound esoretic text of sorts.
* Silvia* Silvia wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Questo non è il giorno giusto per scrivere una recensione.
È stato il primo libro di Pratchett che ho letto (nonché l'unico disponibile nella biblioteca del mio paesino) preso per pura curiosità qualcosa come 8 anni fa, quando non avevo idea di chi fosse Pratchett e per me il fantasy era solo cavalieri, maghi ed eroi. Mi sono ritrovata a rileggerlo adesso, al termine di una lunga maratona in cui penso di aver esaurito praticamente tutti i libri di Pratchett in italiano che avessi a disposizione (mi mancano solo Tartarughe Divine e La scienza di Mondo Disco ). Se il fattore nostalgia non era già abbastanza per influenzare il mio giudizio, mi è capitata fra capo e collo, quando ero circa a due terzi di libro, la notizia della morte di Pratchett e mi sono trovata a finire il libro in una notte, con le lacrime agli occhi. Penso che questo basti a far capire quanto l'emotività possa aver influenzato un po' tutto. Detto questo, e cercando di essere oggettivi, Stelle Cadenti non è forse il romanzo migliore di Pratchett: i personaggi non sono certo all'altezza di capolavori come Nonnina Weatherwax o Lord Vetinari, del resto è un romanzo a sè, separato dai vari cicli di Mondo Disco, ma comunque si sente la mancanza di protagonisti come quelli. Eppure... Eppure c'è qualcosa nella storia, nel modo in cui è stata scritta, nei continui riferimenti ad ogni ambito possibile del mondo del cinema, che mi ha spinto - ogni volta che prendevo in mano il libro, anche quando ero stanca, o svogliata, o avevo poco tempo - a fare sempre una fatica immensa per staccarmi dalle pagine, perché riesce a prendere, a far sorridere, ma lascia anche in certi casi un velo di amarezza. (Basti pensare al povero Gaspode e a Laddie) È Pratchett, signori. Forse un po' in sordina, ma è indubbiamente Pratchett.
MalkarissMalkariss wrote a review
(*)(*)( )( )( )
Da un autore come Pratchett mi aspettavo un po' di meglio. C'è da dire che è uno dei primi lavori.
Lis (anche su Goodreads)Lis (anche su Goodreads) wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Con Pratchett si va sul sicuro, anche se questo caso mi è sembrato un po' meno brillante del solito
LiliumLilium wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Geniale
Il Disco, mondo e specchio di mondi, questa volta ci porta a Hol(l)ywood: fabbrica dei sogni o fabbrica degli incubi? Geniale come solo Pratchett sa essere.
Account deletedAnonymous wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Non all'altezza degli altri libri di Pratchett che ho letto...
rubidurubidu wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Victor is a not-wizard by choice: he puts a big effort not to graduate...for the skin of his teeth, at the Unseen University in Ank morpork. But one day, as thousands of people, he is catched by the Holy Wood magic and there he goes. He meets Ginger, the Discworld version of Marilyn Monroe, Gaspode, the secretely speaking dog... and a different kind of magic. Mysteryous. And perhaps dangerous.
LithaLitha wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Mi aspettavo qualcosina di più da Terry Pratchett. L'idea è molto carina e ben sviluppata, ma le battute con chiaro intento umoristico non mi hanno fatto certo sbellicare dalle risate.
SunnySideOfTheStreetSunnySideOfTheStreet wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Questo libro è meraviglioso e intrigante. Non serve a niente raccontare di cosa parla, bisogna semplicemente leggerlo e lasciarsi assorbire dalla scrittura e dalla grande capacità di Pratchett di architettare la trama. Non serve nemmeno amare il fantasy: io non lo amo, ma questo è costruito benissimo e al di fuori di ogni cliché. Vi piacerà molto!