Storia d'agosto, di Agata e d'inchiostro
by Nadia Terranova
(*)(*)(*)(*)(*)(9)
Agosto è il classico mese delle vacanze e del mare: non per Agata, sveglia dodicenne costretta dalla malattia della nonna a restare in città con la sorella Leila. Quando quest'ultima la lascia sola in casa per raggiungere il fidanzato in montagna, Agata si ritrova come unici compagni gli adorati libri, i ricordi della storia della sua famiglia e... la pizza margherita con funghi e wurstel! A consegnargliela ogni volta è Gabo, imprevedibile diciottenne che in agosto gestisce per conto dei genitori MuccaPizza. Insieme, uniranno le proprie forze (e le proprie solitudini) per portare a termine il piano top secret di Gabo: liberare i cani e i cavalli vittime delle scommesse e delle corse clandestine gestite dalla mafia. Non è però l'unico segreto di Gabo, che colpisce Agata dritto al cuore... Età di lettura: da 11 anni.

Peppesta's Review

PeppestaPeppesta wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Spoiler Alert
Pensavo di leggere un libro di Recalcati, o di Serra, insomma, qualcosa sugli adolescenti contemporanei, di mio figlio dodicenne. Ci ho rinunciato, già le festività ti riducono male, lasciamo perdere ho pensato. Poi, l'altra sera, dopo aver riletto un bel racconto di Nadia Terranova, Via della Devozione,mi sono ricordato che avevo regalato questo libro a mio figlio. Eccomi in due notti a leggere una storia di due adolescenti, una all'inizio e l'altro al termine dell'età in questione, e bè, in quei dialoghi e in quelle atmosfere sono riuscito a immergermi senza pregiudizi in un mondo che spesso evito di affrontare.
A volte la narrativa ci fa sentire meno saggi, ma più partecipi.
PeppestaPeppesta wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Spoiler Alert
Pensavo di leggere un libro di Recalcati, o di Serra, insomma, qualcosa sugli adolescenti contemporanei, di mio figlio dodicenne. Ci ho rinunciato, già le festività ti riducono male, lasciamo perdere ho pensato. Poi, l'altra sera, dopo aver riletto un bel racconto di Nadia Terranova, Via della Devozione,mi sono ricordato che avevo regalato questo libro a mio figlio. Eccomi in due notti a leggere una storia di due adolescenti, una all'inizio e l'altro al termine dell'età in questione, e bè, in quei dialoghi e in quelle atmosfere sono riuscito a immergermi senza pregiudizi in un mondo che spesso evito di affrontare.
A volte la narrativa ci fa sentire meno saggi, ma più partecipi.