Strano ma Londra
by Mattia Bernardo Bagnoli
(*)(*)(*)(*)( )(42)
Un insieme di consigli pratici per chi ha intenzione di vivere a Londra: dall'apertura di un conto in banca all'affitto di una casa, fino alla fondamentale - ricerca di un lavoro, tutti gli aspetti della vita quotidiana in città sono passati in rassegna e analizzati per soluzioni chiare e alla portata di tutti. Una guida per imparare a orientarsi in terra inglese trovando la soluzione giusta per ogni esigenza: dal job center alla pensione magari passando per una società in proprio - con l'intento di diventare in tutto e per tutto sudditi di Sua Maestà.

All Reviews

6 + 1 in other languages
DanielaNocDanielaNoc wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Utile e interessante
Decisamente utile non solo a chi deve andare a vivere a Londra ma anche a chi va in visita per qualche giorno.  L'autore infatti da una serie di curiose indicazioni su storie e aneddoti di luoghi turisti ma anche e soprattutto di posti meno o poco conosciuti. Saltando qualche pagina relativa a dettagli su aperture di conto e affitto appartamenti, nel complesso risulta una lettura davvero interessante.
(*)(*)(*)( )( )
L'ho leggiucchiato perchè non è che mi trsferirò a Londra a breve (o mai.. purtroppo). Quindi tante cose non mi interessavano. Però come guida per chi volesse andare ad abitare in quella meravigliosa città, è perfetto!
FedericotamaniniFedericotamanini wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Piacevole e curioso
Libro breve e scorrevole (150 pagine) che parla di Londra a chi vuole andare a viverci (o a chi, come me, è solo curioso) svelando dettagli della vita da nuovo londinese. Mi è piaciuto trovare informazioni che sulle guide turistiche e nei romanzi di viaggio non si trovano, questioni tecniche, come ad esempio le modalità di acquisto di una casa. Mi è piaciuto quasi tutto (un po' meno la parte finale con commenti dettagliati su ogni quartiere, fatti però, per non offendere nessuno, in modo che alla fine tutti i quartieri sono belli e cool...) e lo stile è leggero, solo a tratti un po' ripetitivo, ma là dove capita ci può stare. Ho la sensazione che mi siano mancate "un po' più cose"... non che non ce ne siano, anzi, ma ho come l'impressione che di curiosità e particolarità ce ne possano essere altre 100 che non ho letto e che, magari, 20 o 30 ci sarebbero state. Non so come spiegare meglio la cosa... Forse ciò che mi manca non era propriamente da italiano che va a Londra, ma da "cose particolari degli inglesi", però dato il titolo mi aspettavo più che altro qualcosa del genere. Magari se ci fossero state 50 pagine in più...
keirakeira wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Una guida utilissima e simpatica! A+++
antoinette87antoinette87 wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Strano ma Londra contiene le informazioni essenziali di base che ti aiuteranno nel realizzare il tuo sogno di trasferirti oltremanica. Questa non vuole essere una guida universale o un manuale d'uso, ma solo un elenco di consigli pratici che ti danno un'infarinatura su come si può trovare lavoro nella city o come prendere casa (che sia in affitto o acquistarla - nel secondo caso le cose si complicano leggermente perchè il sistema britannico è un pò differente dal nostro). O anche su come o dove andare a fare la spesa, e l'autore consiglia quelli che sono dal suo punto di vista i mercati o i supermarket migliori della città in relazione qualità/prezzo. E che dire della vita mondana e del divertimento? Sapevamo già che Londra è la capitale mondiale del teatro, ma all'interno di questo libro troviamo alcuni suggerimenti per non prenderci alla sprovvista, della serie: meglio comprare per tempo il biglietto, che non si sa mai!! Il tutto corredato da link ed indirizzi utili. Non voglio dilungarmi oltre, dico solo che, per chi come me ha il desiderio di assaporare la città britannica ogni giorno, questo libro è una base su cui poi realizzare le proprie esperienze.
Sergio CalamandreiSergio Calamandrei wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Un mondo più semplice
Non si sa mai; interessantissima e divertente guida sulla vita a Londra. Letto con piacere e fatto leggere ai miei figli, per invogliarli a levarsi di qui.