Tempesta di spade
by George R.R. Martin
(*)(*)(*)(*)(*)(4,693)
Dopo la morte di re Renly Baratheon gli avversari che si contendeno il Trono di Spade sono ridotti a quattro: il gioco di alleanze, inganni e tradimenti si fa sempre più spietato, sempre più labirintico, l'ambizione dei contendenti non ha limite. Sui quattro re e sui paesaggi già devastati dalla guerra incombe la più terribile delle minacce: dall'estremo nord un'immane orda di barbari e giganti, mammut e metamorfi sta lentamente scendendo verso i Sette Regni. E con loro un pericolo ancora più spaventoso: gli Estranei, guerrieri soprannaturali che non temono la morte.

All Reviews

217 + 32 in other languages
Marzia RussoMarzia Russo wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Preparatevi a continuare questo viaggio...
TolukToluk wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
La divisione in tre ha diluito molto il contenuto del volume unico originale, e questa prima parte di tre ne risente: ritmo lento e eventi senza grandi sussulti, in preparazione della seconda e terza parte. Ma ovviamente ciò era prevedibile. La scrittura rimane tuttavia accattivante come sempre.
LibrijeLibrije wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Finalmente
Bellissimo come ogni libro della saga, ma finalmente inizia a discostarsi un po' dalla serie TV. Consigliatissimo se vuoi dopo più di 3000 pagine trovare qualcosa di nuovo.
bubbybubby wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
difficile smettere...
CleoCleo wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Bello. Alcuni eventi non me li aspettavo. Stavolta Martin è riuscito a sorprendermi.
MaxKenderMaxKender wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Fino ad ora, questo è il capitolo della saga che mi è piaciuto meno. Tanta carne al fuoco, tante trame, ma è solo un libro di "transizione". Credo prepari il terreno per i prossimi episodi. La scrittura di Martin, però, è sempre magnetica.
(*)(*)(*)(*)( )
Spoiler Alert
Dracarys
Tutta un'altra cosa rispetto alla serie... me lo sto gustando piano piano, rigo dopo rigo, morso dopo morso. Jaime e Brienne sono un mix perfetto, frecciatine a ripetizione. Robb sposato firma la sua condanna e il Dracarys finale me lo aspettavamo più emozionante. Ma 4 stelle pienissime. Solo 4 dato che nei prossimi so che ci sta di meglio.
AccipiterAccipiter wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Spoiler Alert
Recensione unita 3° capitolo della saga: Tempesta di spade + I fiumi della guerra + Il portale delle tenebre
Il terzo capitolo della saga si apre con l’attacco degli Estranei e dei loro non morti al Pugno dei Primi uomini dove sono accampati i Guardiani della notte, un inizio promettente per un libro che non delude. Se infatti il secondo capitolo era stato una sorta di romanzo ponte in questo le basi che lì erano state gettate qui si concretizzano in una serie continua di colpi di scena e morti illustri in gran quantità. Si può dire che questo è lo spartiacque della saga, prima la storia era sostanzialmente proseguita seguendo un tracciato abbastanza lineare, qui invece ci sono dei veri e propri deragliamenti, costituiti dal voltafaccia di alcuni tra i personaggi principali, come ad esempio Tyrion, o intere casate, come quella dei Frey. C’è veramente “tanta roba” in questo terzo romanzo che vede un nuovo entrato di peso tra la voci narranti, nientemeno che lo Sterminatore di Re Jaime Lannister, che prima era poco più di una sagoma e di cui invece scopriamo finalmente la complessità, e finalmente assistiamo a qualcosa di concreto anche nell’est, dove Daenerys diventa regina e condottiera anche di fatto oltre che di nome, mettendo a ferro e fuoro la Baia degli Schiavisti, palestra per la futura riconquista del Trono di Westeros, dove conquista due città ottenendo la resa incondizionata di una terza. “Tanta roba” anche se in tutto ciò uno dei miei personaggi preferiti, Brandon Stark, purtroppo compare molto poco, ma sono capitoli molto ricchi e promettenti per gli sviluppi futuri. L’epilogo con l’inizio della vendetta per il tradimento dei Frey da parte di un fantasma redivivo è poi una vera chicca, non da meno della conclusione del primo romanzo.
Account deletedAnonymous wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Bello ma...
voto reale 3,5 E' quello che mi è piaciuto di meno della saga ma ha comunque il suo ruolo. Recensione completa qui:lamenteaffilata.blogspot.com/2015/08/recensione-tempesta-di-spade-got-5.html
lunatica "minoritaria"lunatica "minoritaria" wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
liberarsi dai pregiudizi
inganni, svelamenti, rivelazioni. Non tutto quel che ti hanno detto è vero, meglio giudicare da soli. Qualche volta non è vero neanche quello che vedi con i tuoi occhi. Ripensandoci aggiungo che la paura è da sempre strumento per indirizzare altrove l'attenzione e per governare; nella saga paura degli estranei, dei bruti e così via, mentre si scannano in guerre di potere; oggi e qui paura dei migranti, dei rom, dell'isis, paura che ti occupino la casa se esci un attimo..per distrarre da pericoli reali.