Tu sei il male
by Roberto Costantini
(*)(*)(*)(*)( )(1,680)
Roma, 11 luglio 1982. La sera della vittoria italiana al Mundial spagnolo Elisa Sordi, giovane impiegata di una società immobiliare del Vaticano scompare nel nulla. L'inchiesta viene affidata a Michele Balistreri, giovane commissario di Polizia dal passato oscuro. Arrogante e svogliato, Balistreri prende sottogamba il caso, e solo quando il corpo di Elisa viene ritrovato sul greto del Tevere si butta a capofitto nelle indagini. Qualcosa però va storto e il delitto rimarrà insoluto. Roma, 6 luglio 2006. Mentre gli azzurri battono la Francia ai Mondiali di Germania, Giovanna Sordi, madre di Elisa, si uccide gettandosi dal balcone. Il commissario Balistreri, ora a capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale, tiene a bada i propri demoni a forza di antidepressivi. Il suicidio dell'anziana donna alimenta i suoi rimorsi, spingendolo a riaprire l'inchiesta. Ma rendere finalmente giustizia a Elisa Sordi dopo ventiquattro anni avrà un prezzo ben più alto del previsto. Balistreri dovrà portare alla luce una verità infinitamente peggiore del cumulo di menzogne sotto cui è sepolta, e affrontare un male elusivo quanto tenace, che ha molteplici volti uno più spaventoso dell'altro.

Murrand's Review

MurrandMurrand wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
A me personalmente il libro e' piaciuto sia per la scorrevolezza della scrittura,sia per la storia, che tra l'altro si sviluppa in Italia,ben intrecciata e che ti porta col passare della lettura ad appassionarti sempre di piu'!! Dopo i vari scrittori scandinavi degli ultimi tempi,diamo spazio a i nostri scrittori,che non hanno nulla da invidiare ai piu' famosi e affermati stranieri!! Bravo Costantini!!!!
MurrandMurrand wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
A me personalmente il libro e' piaciuto sia per la scorrevolezza della scrittura,sia per la storia, che tra l'altro si sviluppa in Italia,ben intrecciata e che ti porta col passare della lettura ad appassionarti sempre di piu'!! Dopo i vari scrittori scandinavi degli ultimi tempi,diamo spazio a i nostri scrittori,che non hanno nulla da invidiare ai piu' famosi e affermati stranieri!! Bravo Costantini!!!!