Una primavera tranquilla
by Émile de Turkheim
(*)(*)(*)(*)( )(9)
In questa tranquilla primavera della campagna francese, Monsieur Louis si sta riposando sotto un albero, dopo una fucilata in faccia. Il suo testamento dice che la sua casa di campagna, trasformata in un albergo per cacciatori, andrà in eredità ai suoi cinque più affezionati clienti. Arrivati dalla città, gli ereditieri sono riuniti intorno a Aimé, il fattore tuttofare e a Martial, il ragazzo misteriosamente sfigurato e terrorizzato dal mondo. Stanno aspettando il notaio. Una coppia molto losca, un ispettore di polizia, un militare e il tenutario di un bordello: ma queste cinque persone, oltre alla speranza di un rapido guadagno, non hanno qualcos'altro in comune?

All Reviews

4
SuniSuni wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Un giallo alla Dieci piccoli indiani nella campagna francese, un intreccio ben congegnato che pian piano fa trapelare una storia terribile che lega tutti i personaggi della vicenda. Però io ho un problema coi narratori naïf.
Gabriel GabrioGabriel Gabrio wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
"Una primavera tranquilla"
Dal blog: tuttovolumelibricongabrio.blogspot.it/2018/02/recensione-una-primavera-tranquilla.html “Una primavera tranquilla” è un classico ed interessante libro giallo che ho letto con grande interesse attirato già dalla trama. L’atmosfera un po’ cupa e l’ambientazione che, come riporta anche la quarta di copertina, ricorda quella del famoso “Dieci piccoli indiani”, lo rendono assolutamente intrigante tanto che lo consiglio agli appassionati del genere. I personaggi sono molto ben descritti sia caratterialmente che psicologicamente e, per quanto mi riguarda, trovo che ciò sia un elemento importante perché permette di immergerci meglio nella storia, di provare ad immaginarli e di interpretare le loro azioni. Si parte subito con un colpo di scena che ovviamente è un morto, attorno a cui ruoterà tutta la storia e i vari protagonisti che vengono chiamati alla villa. Durante l’attesa che arrivi il notaio per il testamento, si svelano i vari intrighi che li riguardano, i diversi misteri che si nascondono dietro a loro. Ognuno con un suo segreto che preferirebbe non svelare, ognuno che cerca di mantenere la calma in un clima a volte gelido, ma in cui ogni tanto si innesca un alito di sentimento e di amore. I vari soggetti non hanno avuto sempre una vita facile ed ora è giunto per loro il momento di fare chiarezza circa i vari enigmi celati da troppo tempo, specialmente quando avviene, durante l’attesa, un altro misterioso ed agghiacciante colpo di scena. Continua sul blog: tuttovolumelibricongabrio.blogspot.it/2018/02/recensione-una-primavera-tranquilla.html
KaKa wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Senzarespirare
Questolibrosileggesenzarespirarecomesefosseununicoraccontodalqualenonriesciastaccartisenonperriprenderefiatoognitanto. Bello
SoulMeetsBodySoulMeetsBody wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
“Nessuno può essere solo giorno o solo notte. Lucette dice che viviamo tutti all’imbrunire. Significa che ci troviamo tutti nel momento della giornata in cui non fa né giorno né notte e da lontano non si può mai sapere se uno è l’uno o l’altro.”
Émilie De Turckheim confeziona un ottimo giallo classico, che ha tutte le caratteristiche proprie del genere, arricchito da un’approfondita analisi psicologica dei personaggi. Una lettura agile e coinvolgente, che trasporta il lettore per qualche ora nelle stupende (ed inquietanti) campagne francesi, regalando una storia avvincente che si legge tutta d’un fiato. Qui trovate la recensione completa: ilblogconvista.wordpress.com/2016/08/10/emilie-de-turckheim-una-primavera-tranquilla