Vicino al cuore
by Peter Robinson
(*)(*)(*)(*)( )(93)
La casuale scoperta, nella campagna inglese, delle ossa di un ragazzino scomparso da più di trent'anni risveglia l'orrore che sconvolse un'intera comunità e il rimorso di un uomo incapace di dimenticare. Quando l'ispettore capo della polizia dello Yorkshire Alan Banks viene a sapere del ritrovamento, rientra precipitosamente dalla vacanza per collaborare alle indagini. Perché Banks si ritiene responsabile della sorte di Graham Marshall, l'amico d'infanzia sparito nel nulla nell'estate del 1965, e da troppo tempo porta con sé il peso di quella colpa. Ma i fantasmi del passato sono in agguato, e scavare in quella vecchia storia potrebbe scatenare conseguenze terribili.

All Reviews

6 + 2 in other languages
NicolaNicola wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Non male questo scrittore......
.... forse questa volta ha messo troppa carne al fuoco e alla fine ha dovuto procedere un po' frettolosamente. Comunque consigliato a chi apprezza Ian Rankin
Donatella CapizziDonatella Capizzi wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Petersbourgh, contea di Cambridge, in un cantiere viene rinvenuto lo scheletro di un ragazzino scomparso nel 1965, all'epoca compagno di scorribande dell'ispettore Banks, da molti anni trasferito nello Yorkshire ed alle prese con la scomparsa di un altro adolescente. Mentre collabora con la collega Annie per risolvere il mistero di oggi, Banks aiuterà la poliziotta Michelle a scopire cosa sia veramente successo tanti anni prima e chi, allora, abbia insabbiato le indagini. Un giallo avvincente, non tanto per la trama in sè, quanto per la rara ambientazione nell'inghilterra degli anni 60, e nella descrizione di una malavita ancora in nuce ma iena delle potenzialità che diromperanno negli anni a venire. Una criminalità ancora provinciale, eppure pericolosa, poliziotti corrotti, non per cattiveria quanto per una prossimità sociale al crimine medesimo. Robinson ha una finezza notevole nel descrivere la provincia, i sentimenti delle persone, nell'abbozzare le differenze di classe, gli ambienti. Il tutto immerso in una colonna sonora di prim'ordine, come per Ian Rankin, anche il protagonista di Robinson è un grandissimo esperto di musica rock, impensabile per un giallista italiano...
EleonoraEleonora wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Non credo che questo autore sia molto noto. Mi piace perchè non è scontato e perchè di sottofondo nei suoi libri c'è sempre la musica dei miei anni '70...
SadakoSadako wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Parte di una serie, pubblicata in Italia in ordine sparso. Le indagini si svolgono su due storie parallele, senza intoppi e in maniera non troppo prevedibile. I personaggi sono belli e con un passato complesso, ben descritti e - nonostante questo non fosse il primo romanzo - le citazioni degli eventi accaduti prima non tolgono nulla alla comprensione della trama. Tutto viene "ricordato" al lettore senza forzature e in maniera integrata alla storia. Adesso il problema sarebbe recuperare tutta la serie e leggerla in ordine...
Alice DarkchainAlice Darkchain wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
sottotono rispetto a "il camaleonte", cmq l'ispettore Banks è un bel personaggio, umano e tormentato.
MlcbrownMlcbrown wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
gialletto tradizionale
A me piacciono i gialli inglesi. Forse perchè è partito quasi tutto da lì..Mi è piaciuto il fatto che il protagonista sia ritornato nei luoghi, non solo geografici, della sua adolescenza, addirittura dormendo nella sua stanzetta di ragazzino. Mi colpisce perchè quando capita a me è proprio come dice lui, con i manifesti dei 15 anni, le foto, i libri vecchi.