heijuss's Reviews26

heijussheijuss wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Perfetto!
Quando ho iniziato questo libro tutto mi aspettavo tranne quello che ho letto.
Non mi aspettavo tutte queste emozioni, non mi aspettavo tutte queste lacrime, non mi aspettavo tutto questo dolore, non mi aspettavo tutta questa perfezione.
Perché se c'è una parola adatta a descrivere questo libro è proprio questa: perfezione.
La perfezione del dolore di Ashlyn. La perfezione dei suoi sentimenti. La perfezione dell'amore di Daniel. La perfezione della comprensione di Ryan.
Pura e semplice perfezione.
Un concentrato di parole, emozioni, lacrime, speranza, dolore.
Questo libro è come un tunnel. Ci entri, ma non sai quando ne esci. E la fine è lì, vedi la luce, ma non puoi raggiungerla. E non vuoi raggiungerla. Perché farlo significherebbe dire addio a questi personaggi che finisci per amare con tutta te stessa. Ma, alla fine, devi. E sarà la cosa più dolorosa che tu possa mai fare.
Ma se c'è una cosa di cui sono sicura è che non dimenticherò mai questo libro, me lo porterò per sempre nel mio cuore. Per tutto quello che mi ha insegnato, per tutto quello che mi ha fatto capire, per avermi fatto apprezzare la vita così com'è, anche se fa schifo e alla fine non ti dona niente. Grazie per avermi fatta amare un po' di più.
Grazie Ashlyn, Daniel, Ryan, Hailey, Bentley, Jace, Randy, Rebecca, Jake, Henry.
E soprattutto grazie a te Gabby. Grazie per avermi fatto apprezzare la vita, per avermi insegnato che va vissuta appieno, senza rimpianti. Perché, finché ci siamo, abbiamo la possibilità di fare tutte le esperienze possibili. Ma quando saremo morti rimarrà solo il rimpianto.
Quindi grazie a te, Gabby. Queste cinque stelle sono soprattutto per te.

Casa, forse, non è un posto preciso, ma sono semplicemente le persone che ti sono accanto e che riescono a farti sentire te stessa, ovunque tu sia. Casa, forse, significa amicizia.
L'amore arriva sempre al momento sbagliato
by Brittainy C. Cherry
(*)(*)(*)(*)( )(114)
heijussheijuss wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Infinito+1
by Amy Harmon
(*)(*)(*)(*)( )(78)
heijussheijuss wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)( )
«C’è una bella differenza tra non poter vivere senza una persona ed amarla»
Finalmente l’attesa è finita e “After. Come mondi lontani” è finalmente approdato nelle nostre librerie!
In molti sono rimasti incuriositi dalla fine del libro precedente “After. Un cuore in mille pezzi” e non vedevano l’ora che questo nuovo attesissimo sequel uscisse. Ovviamente, e come sempre, aggiungerei, tutta questa pazienza io non ce l’ho! Per questo ho deciso di leggerlo in inglese e sono felice di parlarvene in anteprima!
“After. Come mondi lontani” riprende esattamente dove il precedente ci aveva lasciati.
Tessa e Hardin sono per strada e incontrano… il padre di Tessa! Ebbene sì, cari lettori. L’uomo che ha abbandonato Tessa e sua madre quando lei era solo una bambina è tornato nella sua vita e sembra intenzionato a rimettere le cose apposto. Le sue condizioni non sono propriamente le migliori, eppure questo non ferma Tessa dal portare suo padre nell’appartamento suo e di Hardin, tra le proteste di quest’ultimo, ovviamente (ma arriverà mai il momento in cui sto ragazzo non si lamenta?!)
A parte il ritorno del padre di Tessa, i due protagonisti però devono affrontare altri problemi, come ad esempio la probabile espulsione di Hardin dal college.
Come sicuramente ricorderete, Hardin era stato beccato in una rissa con Zed e aveva picchiato un professore, finendo così in prigione e rischiando l’espulsione.
È durante la riunione per il responso del futuro di Hardin, che Tessa e Zed si incontrano e hanno una leggera discussione nel quale esce fuori il discorso dell’imminente trasloco di lei a Seattle (di cui, ovviamente, Hardin è ancora all’oscuro).
Hardin sente la loro conversazione e ha una violenta reazione contro Tessa.

«Spiegami perchè vai a Seattle tra una settimana e non gliel’hai ancora detto!» grida agitando le braccia.
«Non lo so… Gliene parlerò quando ne avrò l’occasione.»
«Non lo fai perché sai che ti lascerà» sbotta, guardando dietro di me.
«Lui… Be'..» Ho paura che abbia ragione.
«Be', indovina un po'? Mi ringrazierai.»
«Di cosa?»
Fa un sorrisetto perfido, indica qualcosa alle mie spalle, e a me vengono i brividi. «Di averglielo detto al posto tuo.»
So che quando mi girerò vedrò Hardin. Mi sembra già di sentirlo ansimare sopra il rumore del vento.


Non importa quanto Tessa voglia andare a Seattle, Hardin non vuole che vada e vorrebbe che si trasferisse con lui in Inghilterra.
È proprio per il trasferimento a Seattle che le cose tra Hardin e Tessa cominciano a precipitare.
Hardin sabota il tentativo di Tessa di trovare un appartamento a Seattle, per poi arrivare ad litigare pesantemente quando lei viene a saperlo. Inoltre l’entrata in scena di due nuovi personaggi, Lillian e Robert, porteranno più scompiglio nella storia d’amore dei nostri protagonisti.
Una serie di scelte, infine, finisce per dividere le strade dei due protagonisti. Può il loro amore essere così forte, da farli ricongiungere? Riusciranno a superare tutti gli ostacoli, anche quando il loro passato rischia di separarli?
Per continuare a leggere la recensione, qui:
weareinwonderlandblog.blogspot.it/2015/09/recensione-in-anteprima-after-come.html
After 3
by Anna Todd
(*)(*)(*)(*)( )(310)
heijussheijuss wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
Un libro che distrugge
Non si può dare un giudizio a questo libro.
Non si può dire che è bello. Non si può dire che è brutto.
Si può dire però che distrugge. Sì, questo libro distrugge proprio.
Pensavo di aver visto di tutto. Pensavo che con Colpa delle stelle non avrei mai più letto un libro più triste.
Poi ho trovato Il mio cuore e altri buchi neri e mi sono ricreduta. Poi di nuovo è arrivato Raccontami di un giorno perfetto e ne sono rimasta così distrutta che pensavo più niente mi avrebbe potuto mettere più tristezza di quel libro.
E poi ho letto Voglio vivere prima di morire e niente, credetemi, niente mi ha messo una tristezza addosso come questo libro. È da mezz'ora che singhiozzo, piango, e non so come smettere.
Perché questo libro ti distrugge. Inizia piano piano, ti fa affezionare, e poi alla fine ti uccide. È proprio uno di quei libri bastardi. Di quelli che ti lasciano davvero tanto, anche quando non vorresti.
È un libro crudo nelle sue descrizioni. Non ci sono favolette, non ci sono rassicurazioni. Non ci indora la pillola. C'è solo la realtà, l'orribile realtà, e bisogna affrontarla. Con coraggio, proprio come fa Tessa.
Il fatto è che la morte è ingiusta, e fa schifo. È così. Arriva quando meno te l'aspetti. Ma a volte te la aspetti pure, come Tessa.
Un libro che, sinceramente, non vorrei rileggere mai più. È uno di quei libri che "Una volta basta e avanza".
Se volete leggerlo, un solo consiglio: preparatevi, siate forti. Se non siete convinti, non leggetelo.
Voglio vivere prima di morire
by Jenny Downham
(*)(*)(*)(*)( )(862)
heijussheijuss wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)(*)
«Tu sei James Herondale. Come sei sempre stato. In parte tua madre, in parte tuo padre, in parte te stesso. Se anche potessi, non cambierei niente di te.»
Sapere che questa novella parlava di James Herondale mi ha resa felice come una bambina che riceve un uovo di Pasqua.
Eppure, durante la lettura, la mia gioia è cresciuta a dismisura. Ho sempre amato gli Herondale. Chi non l'ha mai fatto? Non si può. Basta anche solo sentire il nome, Herondale, e la gente già ha gli occhi a cuoricino. Mondo crudele. Perché non esistete nella realtà?!
Ma passiamo alla novella. Questa è DECISAMENTE la più bella che abbia letto finora, perché tutti i personaggi che ho amato di più son tornati.
Will, e la sua fantastica simpatia e il suo incredibile fascino.
James Herondale, il ragazzo più dolce che potrebbe esistere. Tanto amore per te.
Jem. Il mio piccolo grande Jem. Quanto mi sei mancato! Come sempre, la tua saggezza è una delle cose che mi commuove di più.
E poi c'è Matthew Fairchild. Oh Gesù, già adoro anche questo personaggio. Come devo fare? COME?!
Maledetta Cassandra. Quanto ci farai attendere prima di poter leggere ancora di questi fantastici personaggi? Morirò nell'attesa di The Last Hours. Che ingiustizia.
Leggete questa novella, perché è semplicemente perfetta!

«Non lasciare che sia qualcun altro a dirti chi sei. Tu sei la fiamma che non può essere estinta. Sei la stella che non si può smarrire. Sei chi sei sempre stato, e questo basta e avanza. Chiunque ti guardi e veda il buio è cieco. Dovrebbero essere più ciechi di un Fratello Silente. Perché io posso vederti, James. Guarderò sempre a te per trovare la luce.»
heijussheijuss wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
«Di qualsiasi cosa siano fatte le nostre anime, la mia e la sua sono uguali.»
Dopo un finale come quello di After, è impossibile non fiondarsi subito sul secondo volume. Almeno, questo è quello che io ho fatto! Non so voi come facciate a resistere nell’attesa del secondo volume… Io ci ho provato, ed ho fallito miseramente!

«Non aveva niente da perdere, ma io sì. Gli ho lasciato prendere tutto da me. La mia vita prima di lui era così semplice e chiara. Ora… dopo di lui… è solo… dopo.»

Ed è proprio per questo che oggi sono qui a parlarvi di After. Un cuore in mille pezzi, l’attesissimo sequel del romanzo ormai super famoso di Anna Todd.
Il romanzo inizia esattamente dove il precedente era finito. Tessa è nella macchina insieme a Zed e pretende di sapere la verità su quella scommessa che l’ha portata a mettere in discussione tutto quello in cui credeva.

«Non posso più farlo. Mi fidavo di te. Hardin, io mi fidavo di te con ogni fibra del mio essere. Dipendevo da te. Ti amavo, mentre tu mi stavi usando dall’inizio. Hai una minima idea di come mi faccia sentire? Che tutti quelli intorno a me mi stessero prendendo in giro e ridendo alle mie spalle, incluso tu, la persona di cui mi fidavo di più.»

Hardin, d’altra parte, rendendosi conto dell’errore che ha commesso e di quello che potrebbe perdere, non è disposto a lasciarla andare.
Tessa, però, non riesce a perdonarlo, non dopo tutto quello che le ha fatto sopportare. Il dolore che prova è troppo grande e solo standogli lontano riuscirà a respirare di nuovo.
Per questo motivo, lasciato il loro appartamento, Tessa decide di andare a stare per un paio di giorni in un motel vicino la casa editrice Vance e partecipa ad un evento che si terrà a Seattle, insieme a Christian e Trevor.
Proprio qui, una sera, mentre è ubriaca, non riesce a resistere alla tentazione e chiama Hardin. Quest’ultimo, una volta scoperto dove si trova la ragazza, corre subito a trovarla e i due si ritrovano nella stanza d’albergo di lei.

«Hai due opzioni: mi scopi o te ne vai. Decidi.» Che diavolo ho appena detto?
«Mi odierai domani, se lo faccio mentre sei in questo… stato» dice e mi guarda negli occhi.
«Ti odio già,» dico e lui indietreggia alle mie parole. «Più o meno.»


Tessa lo provoca, lo sfida ad andare a letto con lei, ma lui cerca di resisterle perché sa che non è quello che lei realmente vuole. Alla fine cede, ma il giorno dopo nulla è cambiato per Tessa. Lui l’ha ferita e lei non vuole saperne più niente di lui, non importa quanto il suo corpo lo desideri.
Ma una serie di eventi portano i due protagonisti ad avvicinarsi sempre più, come ad esempio l’arrivo in casa loro di Anne, la madre di Hardin.
Anne non sa ancora che i due si sono lasciati ed è felice di poter conoscere Tessa, la ragazza che rende felice suo figlio. Hardin e Tessa si ritrovano quindi a fingere una relazione, per non deludere la madre di lui.

Per continuare a leggere la recensione qui:
weareinwonderlandblog.blogspot.it/2015/07/recensione-in-anteprima-after-un-cuore.html
After 2
by Anna Todd
(*)(*)(*)(*)( )(468)
heijussheijuss wrote a review
00
Quando ho visto tra i vari blog e le uscite della Newton Compton questo romanzo, non vi nascondo che ho decisamente lanciato un urlo di soddisfazione. Per quelli che non lo sapessero, io adoro questo genere di libri. Ho letto qualcosa di simile, ma non uguale per mia grande fortuna, e quindi potete immaginare come questa lettrice accanita abbia reagito all'uscita di questo libro. Vi confesso che ci ho messo un po' a leggere il libro perché ahimè, sono in periodo esami e dunque tra le ultime lezioni universitarie e gli impegni di studio, purtroppo mi è successo di non riuscire ad occuparmene subito.

Quando ho iniziato a leggere il libro la mia reazione è stata “ Ma come, ho aspettato tutto questo tempo per sentire parlare della neve?”. Okay, mi sono sbagliata! Chiedo venia non volevo! L'inizio del libro è piuttosto lento, questo sì, tuttavia non posso far altro se non dire che questo libro mi ha stupita per tutto il tempo. L'ho trovato bellissimo e affascinante, meraviglioso. Che diamine, era da un po' che non leggevo questo genere di storie e ho pianto tantissimo. Ho pianto perché Cassidy è morta per un motivo che ho apprezzato. Ho pianto perché nonostante la morte lei e Ethan, il suo ragazzo, sembrano inseparabili. Ho pianto perché le sue amiche, pur affrontando la cosa in maniera diversa, hanno cercato in tutti i modi di capire cosa fosse successo.
Per continuare a leggere la recensione qui
weareinwonderlandblog.blogspot.it/2015/05/il-mio-ultimo-bacio-bethany-neal.html
Il mio ultimo bacio
by Bethany Neal
(*)(*)(*)( )( )(30)
heijussheijuss wrote a review
00
uando mi è capitato tra le mani il libro di Francesco Gungui ho osservato il titolo e il nome dell’autore con attenzione per qualche istante, prima di ricollegarlo alla trilogia dei canti delle terre divise. Okay, se ho amato questo scrittore in quella trilogia, trovo che sia maturato addirittura in questo libro autoconclusivo.
Onestamente posso dire di aver pensato, all’inizio, che questa fosse l’ennesima storia di due adolescenti innamorati che si comportano alla Romeo e Giulietta o che fanno tanti drammi inutili per stare insieme quando è chiaro che sono fatti l’uno per l’altro. Ebbene, non è stato affatto così. Ho trovato le duecentoottantasei pagine del libro ben studiate. Nulla mi è sembrato lasciato al caso, eppure nulla è stato sforzato. Francesco Gungui ha parlato di una vita che potrei dire di vedere tutti i giorni, considerato che sono una milanese e a grandi linee conosco il quartiere descritto, soprattutto per sentito dire. La verità è, però, che pur avendo preso ad esempio un unico quartiere milanese, l’autore ha descritto qualcosa di decisamente molto, troppo reale. La storia di Michele e Rebecca è qualcosa di emozionante oltre l'inverosimile e non ho potuto fare a meno di adorare questo libro, pagina dopo pagina, senza mai sentire di dover smettere di leggere o fare una pausa. Ho divorato questo libro come ho fatto con la prima trilogia che mi ha fatto conoscere l'autore e ho apprezzato che, una volta ogni tanto, si parlasse di qualcosa di vero che accade tutti i giorni. La storia di Michele e di Rebecca è qualcosa di estremamente toccante.
Per continuare a leggere la recensione qui
weareinwonderlandblog.blogspot.it/2015/05/con-te-ho-imparato-volare-francesco.html
Con te ho imparato a volare
by Francesco Gungui
(*)(*)(*)(*)( )(12)