Elisabetta Roviaro's Quotations

25
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Il cuore fa strani percorsi e cerca mille pretesti per ottenere ciò che vuole.
La signora dalle camelie
by Alexandre Dumas, fils
(*)(*)(*)(*)(*)(5,146)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Il cuore fa strani percorsi e cerca mille pretesti per ottenere ciò che vuole.
La signora dalle camelie
by Alexandre Dumas, fils
(*)(*)(*)(*)(*)(5,146)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Le correvo dietro, sempre più vicino, e poi sempre, di nuovo, distanziato. E così è stato per tutta la mia vita.
Anime alla deriva
by Richard Mason
(*)(*)(*)(*)( )(1,905)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Le correvo dietro, sempre più vicino, e poi sempre, di nuovo, distanziato. E così è stato per tutta la mia vita.
Anime alla deriva
by Richard Mason
(*)(*)(*)(*)( )(1,905)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
E' stata la prima cosa che abbiamo visto, appena arrivati al bosco - e anche dopo, quando abbiamo visto il resto, è rimasto l'unica cosa intera che abbiamo visto. L'albero. Era lì, al suo posto, all'imboccatura del bosco, cristallizzato come sempre nel suo cappotto di ghiaccio, la cui trasparenza era offuscata dalla neve fresca - ma era rosso. Era rosso sì, come se Beppe Formento nell'atto di ghiacciarlo avesse messo dello sciroppo di amarena nel cannone. In quel bianco fatale era l'unica cosa che mantenesse una forma, e sembrava acceso. pulsante di quell'intima luce aurorale che ancora oggi mi ritrovo a sognare. Sogno quella trasparenza rossa, sì, ancora oggi, e la sogno senza più l'albero: sogno quel colore e nient'altro. Un tramonto imprigionato in un cielo di gelatina, un sipario di quarzo rosso che cala nel mio sonno, un'immensa caramella Charms che si mangia il mondo, ho continuato a sognare quella trasparenza rossa e continuo a farlo, perché è ciò che abbiamo visto quando siamo arrivati al bosco. Cosa avete visto ? Abbiamo visto l'albero ghiacciato intriso di sangue.
XY
by Sandro Veronesi
(*)(*)(*)(*)( )(1,895)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
E' stata la prima cosa che abbiamo visto, appena arrivati al bosco - e anche dopo, quando abbiamo visto il resto, è rimasto l'unica cosa intera che abbiamo visto. L'albero. Era lì, al suo posto, all'imboccatura del bosco, cristallizzato come sempre nel suo cappotto di ghiaccio, la cui trasparenza era More
XY
by Sandro Veronesi
(*)(*)(*)(*)( )(1,895)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
01
Henry McAllan era malato di terra come tutti gli uomini che ho incontrato, e ne ho incontrati tanti, bianchi e neri. Lo dicono i loro occhi; lo dice il modo in cui guardano la terra, quasi fosse una donna che muoiono dalla voglia di avere. Gli uomini bianchi la possiedono già e pensano: "Adesso sei mia, aspetta e vedrai cosa ti farò". I neri non la possiedono e non la possederanno mai, ma la sognano lo stesso, a ogni spinta d'aratro e a ogni colpo di zappa. Il colore della pelle non conta: nessuno ha abbastanza buon senso da capire che è Lei a possedere loro. Si prende il loro sangue e il loro sudore, insieme al sangue e al sudore delle loro donne e dei loro bambini.
Fiori nel fango
by Hillary Jordan
(*)(*)(*)(*)( )(148)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
01
Henry McAllan era malato di terra come tutti gli uomini che ho incontrato, e ne ho incontrati tanti, bianchi e neri. Lo dicono i loro occhi; lo dice il modo in cui guardano la terra, quasi fosse una donna che muoiono dalla voglia di avere. Gli uomini bianchi la possiedono già e pensano: "Adesso sei mia, More
Fiori nel fango
by Hillary Jordan
(*)(*)(*)(*)( )(148)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Io non volevo vederti mai più, non volevo parlarti, ma ogni angolo della camera dov'ero rientrata rivelava l'impronta delle tue mani: eri sui libri che mi avevi spedito, sul pentolino da bambole che mi avevi comprato pieno di lamponi durante la villeggiatura estiva in riva al lago, sulla mensola sopra al mio letto, sul cane variopinto che avevi voluto acquistare a tutti i costi perché brutto com'era s'intristiva a restare nel negozio e mi avrebbe ovviamente tenuto compagnia, facendomi sentire meno sola in casa.
Guardai il cagnolino colorato, pensai al cappotto in groppa al cavallo, allo " Scherzo " di Chopin, a te; non avevo buttato via né regalato nulla. Ti odiai come si odiano gli impostori, ma sapevo di non poterti dimenticare.
L'altra Eszter
by Magda Szabo
(*)(*)(*)(*)( )(399)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Io non volevo vederti mai più, non volevo parlarti, ma ogni angolo della camera dov'ero rientrata rivelava l'impronta delle tue mani: eri sui libri che mi avevi spedito, sul pentolino da bambole che mi avevi comprato pieno di lamponi durante la villeggiatura estiva in riva al lago, sulla mensola sopra More
L'altra Eszter
by Magda Szabo
(*)(*)(*)(*)( )(399)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Tutti uccidono gli altri in un modo o in un altro.
Il vecchio e il mare
by Ernest Hemingway
(*)(*)(*)(*)( )(17,661)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Tutti uccidono gli altri in un modo o in un altro.
Il vecchio e il mare
by Ernest Hemingway
(*)(*)(*)(*)( )(17,661)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Pensa se ogni giorno un uomo dovesse cercare di uccidere la luna pensò. La luna scappa. Ma pensa se ogni giorno uno dovesse cercar di uccidere il sole. Siamo nati fortunati.
Il vecchio e il mare
by Ernest Hemingway
(*)(*)(*)(*)( )(17,661)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Pensa se ogni giorno un uomo dovesse cercare di uccidere la luna pensò. La luna scappa. Ma pensa se ogni giorno uno dovesse cercar di uccidere il sole. Siamo nati fortunati.
Il vecchio e il mare
by Ernest Hemingway
(*)(*)(*)(*)( )(17,661)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Pensava sempre al mar, come lo chiamano in spagnolo quando lo amano.
A volte coloro che lo amano ne parlano male, ma sempre come se parlassero di una donna.
Il vecchio e il mare
by Ernest Hemingway
(*)(*)(*)(*)( )(17,661)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Pensava sempre al mar, come lo chiamano in spagnolo quando lo amano.
A volte coloro che lo amano ne parlano male, ma sempre come se parlassero di una donna.
Il vecchio e il mare
by Ernest Hemingway
(*)(*)(*)(*)( )(17,661)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Nessuno dovrebbe mai restare solo, da vecchio, pensò.
Il vecchio e il mare
by Ernest Hemingway
(*)(*)(*)(*)( )(17,661)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Nessuno dovrebbe mai restare solo, da vecchio, pensò.
Il vecchio e il mare
by Ernest Hemingway
(*)(*)(*)(*)( )(17,661)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Ho sempre sospettato delle persone buone. Non ho mai creduto, nemmeno da piccola, che la bontà sia una condizione naturale. Avevo la sensazione che nessun gesto di bontà fosse disinteressato, mi sembrava celasse sempre un sorta di gratifica per qualcosa di già ricevuto o ancora atteso.
L'altra Eszter
by Magda Szabo
(*)(*)(*)(*)( )(399)
Elisabetta RoviaroElisabetta Roviaro added a quotation
00
Ho sempre sospettato delle persone buone. Non ho mai creduto, nemmeno da piccola, che la bontà sia una condizione naturale. Avevo la sensazione che nessun gesto di bontà fosse disinteressato, mi sembrava celasse sempre un sorta di gratifica per qualcosa di già ricevuto o ancora atteso.
L'altra Eszter
by Magda Szabo
(*)(*)(*)(*)( )(399)