Detenuto per sodomia, Wilde scrisse nel 1897 questo manoscritto in forma di lettera, frutto della tragica lotta che un artista ribelle ingaggia contro le ipocrisie della società, al suo giovane amante Bosie. Wilde appare in queste pagine un uomo affa ...Continua
Eliaspallanzani
Ha scritto il 07/01/20
Condannato a un paio d'anni di galera per il suo vizio orrendo, Wilde ne approfittò per scrivere una lunghissima lettera al suo amante, che fu poi pubblicata col titolo "De Profundis". Più o meno a due terzi del testo Wilde si mette a parlare di Cris...Continua
Matteo Celeste
Ha scritto il 13/06/19
Le mie impressioni su "De profundis".
È a una lunga lettera, scritta in una cella del carcere di Reading, che Oscar Wilde affida tutto ciò che alberga nelle più nascoste profondità del suo Io, della sua anima. Il destinatario è “Bosie”, ossia Lord Alfred Douglas, amante e amico di Wilde...Continua
Zinonno
Ha scritto il 25/09/18
Leggere questa lunga lettera di Wilde è fondamentale per uscire dall'equivoco nato dalla lettura dei soli aforismi, cioè dall'idea di un Wilde cinico e votato solo al piacere. In queste pagine si vede tutta la profondità e il romanticismo del suo ani...Continua
Monica FattiFurbetta
Ha scritto il 11/10/17

Poverino. Anche i geni possono essere sottoni

Serena's
Ha scritto il 16/06/17

non ce la posso fare, è troppo deprimente


Silvia Piscopo
Ha scritto il Aug 10, 2013, 10:55
Quel che è una cosa dipende dal mondo in cui la guardiamo. «Là dove gli altri» dice Blake «non vedono che l'alba spuntare sopra la collina, io vedo i figli di Dio che gridano di gioia.» [...] Ciò che si spiega davanti a me ora, è il mio passato. Devo...Continua
Pag. 189
Silvia Piscopo
Ha scritto il Aug 10, 2013, 10:49
pito questo, non hai capito nulla dell'amore. [...] Ricorda anche che debbo ancora conoscerti. Forse dobbiamo ancora conoscerci. Per te, ho ancora quest'ultima cosa da dirti. Non temere il passato. Se la gente ti dirà che è irrevocabile, non crede...Continua
Pag. 188
Silvia Piscopo
Ha scritto il Aug 10, 2013, 10:49
In passato, tra noi è sempre esistito un abisso [...] ora, tra di noi, c'è un abisso ancora più grande, l'abisso del dolore: ma [...] all'amore tutto torna facile. [...] Vorrei sapere da te perché non hai fatto lo sforzo di scrivermi [...] quando sap...Continua
Pag. 187
Silvia Piscopo
Ha scritto il Aug 10, 2013, 10:46
Ma la natura, le cui dolci piogge cadono sul giusto e sull'ingiusto in egual maniera, avrà recessi tra le rocce ove potrò nascondermi e celate valli nel cui silenzio potrò piangere indisturbato. Appenderà le stelle nella notte perché io possa andare,...Continua
Pag. 186
Silvia Piscopo
Ha scritto il Aug 10, 2013, 10:45
Devi guardare indietro, ora, con meraviglia, ai giorni in cui avevi nelle tue mani l'intera mia esistenza. Anch'io mi volgo a guardarli con meraviglia e con altre diversissime emozioni.
Pag. 183

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Biblioteche...
Ha scritto il Apr 18, 2016, 15:47
823.8 WIL 6409 Letteratura Inglese

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi