Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
178

Reviews

0

Quotations

0

Notes

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)

Jul 28, 1964

La Spezia, Italy

Anobian since Jul 27, 2008

19Following51Followers
No Books

Now Reading

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)'s Activity

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) rated
(*)(*)(*)(*)( )
Sanin
by Michail P. Arcybasev
(*)(*)(*)(*)(*)(23)

Have it in their library

0

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

0

Are reading it right now

Reviews

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) added to library
Malone muore
by Samuel Beckett
(*)(*)(*)(*)( )(69)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) added to library
Triste come lei
by Juan Carlos Onetti
(*)(*)(*)(*)( )(10)

Have it in their library

Are reading it right now

Review

Have it in their library

Are reading it right now

Review

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Viaggio alla fine del mondo
L’umanità immaginata da Volodine in questo libro è abitata da morti che camminano, personaggi inconsapevoli della loro condizione che si aggirano straniati tra le macerie di quel che resta. Post-capitalisti, post-comunisti… post-vivi probabilmente o peggio, perché il dramma del personaggi di Terminus radioso nasce non solo dal fatto di essere morti, ma di essere morti che non riescono a morire completamente, uomini e donne che vivono nei sogni e negli incubi di altri e che neppure lì riescono ad essere liberi, simili per certi versi ai dannati dell'Inferno, condannati ad espiare all’infinito le loro colpe. Burattini, li definisce a un certo punto l’autore, chiamati a recitare a comando una parte. Simulacri che vagano come ubriachi per un mondo deserto, esseri senza regole e principi, con in tasca solo qualche vaga reminiscenza di ideali egualitari. Nessuna redenzione né lieto fine: quelle di Terminus radioso sono pagine cupe, claustrofobiche, che a tratti riecheggiano l’eco della Strada McCarthiana. Il tempo sembra scorrere senza senso, la vita sembra scorrere senza senso. Gli ideali sono diventati illusioni e le illusioni rimpianti: tutto è perso e l’unica cosa che rimane sono i ricordi, quei ricordi ai quali Kronauer, il protagonista, cerca di attaccarsi disperatamente ma che altrettanto inesorabilmente sente scivolare via. Quel che resta sono manciate di sentimenti e soprattutto istinti e pulsioni, flebili segnali di una vita che corre via veloce in attesa che anche l’ultimo uomo si estingua e la natura riprenda il suo posto, una natura trasformata dalle radiazioni create dall’uomo, martoriata ma mai doma e che per tutto il libro rimane in paziente attesa, come una bestia ferita che attende solo il momento della vendetta. Leggendo Volodine, l’impressione è che a volte paghi pegno al proprio dogmatismo, al fatto di aver costruito una letteratura (parlo del post-esotismo) un po’ troppo rigida nella sua architettura, con la conseguenza di essere ripetitiva negli argomenti, nel loro sviluppo e nelle finalità narrative. Da questo punto di vista ho trovato Terminus radioso molto simile ad Angeli minori, che per certi versi ho preferito. P.S.: nella terza di copertina si legge che “Volodine firma un romanzo fosco e ironico che intona un inno all’umorismo del disastro, alla fuga dal reale, alle tecniche di resistenza di fronte al buio, alla notte, alla catastrofe”. Ironico? Umorismo? Tecniche di resistenza al buio? Cioè: questo sarebbe un libro che fa ridere? Se è così confesso che di Terminus radioso io non ho capito niente.
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) added to library
Triste come lei
by Juan Carlos Onetti
(*)(*)(*)(*)( )(10)

Have it in their library

Are reading it right now

Review

Have it in their library

Are reading it right now

Review

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) rated
(*)(*)( )( )( )
La sinagoga degli iconoclasti
by J. Rodolfo Wilcock
(*)(*)(*)(*)( )(242)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Abbacinante
Difficile, davvero troppo difficile per me scrivere qualche nota una volta arrivato al termine della lettura di un’opera come questa. Un libro “mondo”, che contiene così tanti spunti, idee, collegamenti… da lasciarmi interdetto e con addosso una sensazione di inadeguatezza ad esprimere quel poco che vorrei dire, se non utilizzando delle metafore. Paragonerei la lettura di Paradiso all’ingresso in un’enorme cattedrale barocca, una di quelle costruzioni che già da fuori ti intimoriscono per la loro imponenza e ti fanno sentire più piccolo di quello che sei e che appena varcato il portone d’ingresso ti fanno provare un misto di vertigine e straniamento per la ricchezza di particolari che le riempiono in ogni angolo. L’occhio vaga senza riuscire a fermarsi per più di qualche secondo, c’è bisogno di una guida, di qualcuno che ti illustri il significato di quei quadri, di quelle sculture, di quegli affreschi, di quegli stucchi… una guida che per quanto esaustiva (anzi, proprio per questo) ti farà sentire ancora più ignorante e consapevole che quello che riuscirai a comprendere e apprezzare sarà solo una parte infinitesimale dei tesori che la cattedrale contiene. Paradiso è libro di una bellezza abbacinante (e sì, Lezama Lima è per me una specie di proto-Cărtărescu, con tutte le differenze del caso), un albero, per usare un’altra metafora che ricorre tra le pagine dell’opera lezamiana, con migliaia di radici e altrettanti rami frondosi. “Hai la base di una radice. – diceva Fibo a Josè Eugenio – Quando stai in piedi sembra che tu stia crescendo, ma verso l’interno, verso il sogno. Nessuno si può fare una ragione di quella crescita.” Già, il sogno. Uno dei territori nei quali spesso sconfina il libro, il sogno come i miti greci, egiziani e orientali, la storia cubana, il sesso, la morte, la memoria, le tradizioni e mille altri rivoli nei quali a Lezama Lima piace perdersi e ritrovarsi, come se volesse divertirsi alle spalle del lettore, aggrovigliando quella matassa che finge di srotolare davanti ai nostri occhi. Ma il suo è un gioco che coinvolge anche noi, anche a noi piace avventurarci senza mappa in un territorio che non è biografia né romanzo, né poesia, né dialogo platonico… ma che è tutte queste cose insieme e altre ancora. Anche a noi piace perderci tra pagine grondanti di una scrittura lussureggiante, addentrarci tra le pieghe di una costruzione stilistica che procede a coppie o più spesso terzetti come in una composizione musicale, nella quale i personaggi sembrano collegati da ponti (Rialta… ecco un’altra metafora). Una prosa poetica fatta di lunghi periodi ricchi di aggettivi, colori e sensazioni che girano con movenze sinuose e suadenti intorno al lettore, finendo poi per avvolgerlo nelle loro spire con un abbraccio fatto di immagini ubriacanti che mescolano sogno e storia. Paradiso è un’escursione nella natura selvaggia della foresta amazzonica: non è un comodo viaggio tra mille comfort, ma un’esperienza anche faticosa, fatta di momenti bui ed incontri sorprendenti, di passaggi oscuri alternati a lampi di luce. Forse Paradiso non è tutto paradiso. Forse è più bello proprio per questo.
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) added to library
La sinagoga degli iconoclasti
by J. Rodolfo Wilcock
(*)(*)(*)(*)( )(242)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) rated
(*)(*)(*)(*)( )
Enciclopedia dei morti
by Danilo Kis
(*)(*)(*)(*)( )(151)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Resistere non serve a niente?
La storia del post-esotismo nel racconto di Lutz Bassmann, un uomo che attende la morte rinchiuso nel braccio di massima sicurezza da ventisette anni, guardando le fotografie dei suoi amici defunti mentre l’umidità avvolge ogni cosa e fuori piove incessantemente. Bassmann è solo un portavoce, l’ultimo sopravvissuto di un gruppo che non esiste più, superstite senza speranze che attende di portare a termine la definitiva disfatta. A lui il compito di prolungare l’esistenza di quelli che l’hanno preceduto, a lui il compito di far vivere la loro memoria attraverso il colloquio con due cronisti della stampa organica al sistema che si interessano (o fingono di farlo) alla storia del post-esotismo. La narrazione è resa farraginosa da brevi “lezioni” sugli aspetti formali del post-esotismo che ne interrompono bruscamente il corso e il racconto di Bassmann è quello di un uomo consapevole della sconfitta che cerca di soffiare sulle braci della memoria per non lasciar spegnere il fuoco. Parla di un movimento avverso e ostile allo status quo, un movimento di resistenza che cerca di nascondere le sue intenzioni per non dare vantaggi all’avversario e che vede anche nel lettore un possibile nemico. Un movimento che tiene il mondo a distanza, attento a non fare commerci con la nostra realtà per non lasciarsi contaminare e corrompere da essa, così esterno da far diventare virtuale quello che per noi è il mondo reale. Volodine è un visionario, un Pessoa a tratti più “strutturato”, che con il post-esotismo costruisce un luogo del pensiero dove non mancano le contraddizioni, considerato che è a un tempo nichilismo ma anche zona franca dove poter coltivare una deriva egualitaria. Un movimento che sembra una interpretazione in chiave letteraria di questi anni complicati: il post-esotismo come risposta allo sgretolamento degli ideali, al fallimento dell’utopia socialista e alla deriva capitalista. Resistere non serve a nulla? No, resistere per Volodine sembra essere l’unica possibilità.
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) added to library
Enciclopedia dei morti
by Danilo Kis
(*)(*)(*)(*)( )(151)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) added to library
Enciclopedia dei morti
by Danilo Kis
(*)(*)(*)(*)( )(151)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) rated
(*)(*)(*)(*)( )
La città assente
by Ricardo Piglia
(*)(*)(*)(*)( )(40)

Have it in their library

0

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

0

Are reading it right now

Reviews

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) added to library
La città assente
by Ricardo Piglia
(*)(*)(*)(*)( )(40)

Have it in their library

0

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

0

Are reading it right now

Reviews

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) rated
(*)(*)(*)(*)( )
Tre
by Roberto Bolano
(*)(*)(*)(*)(*)(54)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) rated
(*)(*)(*)(*)( )
Terminus radioso
by Antoine Volodine
(*)(*)(*)(*)( )(92)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) rated
(*)(*)(*)(*)( )
Paradiso
by Jose Lezama Lima
(*)(*)(*)(*)(*)(103)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...)
Héctor Genta (2008 - 2017: morto un social, se ne fa un altro...) added to library
Paradiso
by Jose Lezama Lima
(*)(*)(*)(*)(*)(103)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews